Tariffa medicinali, Federfarma replica alla polemica del Fatto

12/12/2017 00:32:15
Su prezzi dei galenici e diritto addizionale notturno non c’è nessuna stangata ai danni dei cittadini, è stato soltanto adeguato un tariffario che non vedeva aggiornamenti da 25 anni. E’ la replica, affidata alle agenzie di stampa, con cui ieri Federfarma ha risposto all’articolo del Fatto Quotidiano che se la prende con la Tariffa nazionale dei medicinali in vigore dal 9 novembre scorso. Il bersaglio è innanzitutto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e il decreto del settembre scorso che dà il via libera all’aggiornamento tariffario: «l’ennesima mancia pre-elettorale al settore farmaceutico», accusa il giornale, che aumenta del 100% i diritti addizionali di chiamata notturna e vara una nuova metodologia per la determinazione dei costi dei preparati che ne fa lievitare i prezzi al pubblico.

L’articolo è stato ripreso ieri da parecchie agenzie di stampa, che riportano le controdeduzioni del presidente di Federfarma nazionale, Marco Cossolo: «L'aumento a prima vista può sembrare consistente» dice «ma va considerato che l'ultimo aggiornamento risaliva al 1993. La remunerazione è restata ferma per 24 anni, è chiaro che se fosse stata aggiornata ogni due anni, come previsto dalla norma, l'aumento sarebbe stato lento e progressivo nel tempo, e non avrebbe perciò fatto tanto clamore». Per quanto concerne gli aumenti del diritto addizionale notturno, ricorda poi Federfarma, non va dimenticato  che l’importo è a carico del Servizio sanitario nazionale quando la ricetta Ssn è rilasciata dalla guardia medica o reca un’indicazione che ne certifica il carattere di urgenza.

Da notare che sugli aumenti della Tariffa ha scritto ieri anche l’edizione romana del Corriere della Sera, in un articolo che però dà conto anche delle osservazioni di Federfarma: «Attendevamo l’adeguamento dal ‘93» ricorda al quotidiano Vittorio Contarina, presidente dell’associazione titolari capitolina e vicepresidente di Federfarma nazionale «il decreto si basa infatti sull’aumento del costo del lavoro: se 24 anni fa un farmacista costava 23 centesimi al minuto, oggi il suo lavoro viene valutato 42 centesimi al minuto, quasi il doppio. Per quanto riguarda i galenici, il rincaro è legato alla dilatazione dei tempi necessari per la preparazione: dai 5 minuti di lavoro del ‘93 si è passati a 15 minuti, in virtù delle normative subentrate negli anni». In sostanza, scrive il Corriere, è come se il prezzo della benzina si fosse fermato a 24 anni fa.

Di avviso opposto il Codacons, che in una nota diffusa nel pomeriggio di ieri parla di «ignobile speculazione sullo stato di necessità dei cittadini»: chi acquista farmaci in orari notturni, scrive il presidente dell’associazione, Carlo Rienzi, non lo fa per divertimento, ma perché' si trova in un evidente stato di necessità e non può essere punito per questo.

Ultime notizie

07/08/2020

“Reuma che? Parlane con il tuo farmacista”, Apmarr e Federfarma insieme per la prevenzione delle malattie reumatologiche

Conoscere per riconoscere la sintomatologia tipica delle patologie reumatologiche, troppo spesso scambiate per artrosi o reumatismi con l’effetto, deleterio, di ritardare la diagnosi precoce della malattia. È...
07/08/2020

Piano per recupero prestazioni sospese o ridotte approvato dalla Giunta regionale di Perugia, coinvolti i farmacisti

Un approccio integrato e multiprofessionale che vede coinvolti i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta, gli specialisti e i farmacisti, la riorganizzazione dell'attivita' del Cup regionale su due livelli, il primo dei...
07/08/2020

Pandemia, gli scenari della fase 3 nel dossier Iss-minSal. Cossolo: “Supporto al Ssn con telemedicina”

Un dossier riservato stilato dagli esperti dell’ISS e del ministero della Salute, analizza quanto potrà accadere in autunno in Italia, in caso dovesse arrivare una seconda ondata di Coronavirus. Si parla della...
07/08/2020

Carenza medici di base a Verona, Petrosillo (Sunifar): “problema che si ripercuote sull’intero sistema a discapito del cittadino”

“Il triste primato segnalato dall’Ordine dei medici della provincia di Verona, che riguarda la carenza dei medici di medicina generale, è un fenomeno da tempo noto e sempre più diffuso, tanto da aver raggiunto livelli ormai veramente allarmanti”. Parla così il presidente del Sunifar, Gianni Petrosillo, in merito alle criticità per il territorio veronese, di competenza dell’Ulss Scaligera, che emergono dal terzo approfondimento dell’Ires Cgil Veneto (Istituto per le ricerche economiche e sociali) sul sistema socio-sanitario regionale. Il territorio scaligero, secondo i dati...
07/08/2020

Farmacia dei servizi, Tobia: “Giunto il momento di far ripartire la sperimentazione”

L’emergenza Covid-19 ha comportato la sospensione della sperimentazione della farmacia dei servizi, ma ora “è venuto il momento di riprendere le procedure avviate nelle 9 Regioni individuate per la prima fase della sperimentazione stessa (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Umbria, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia) e, allo stesso tempo, di mettere in moto la macchina nelle altre 7 Regioni a statuto...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni