Bologna, caso LLodys: la replica di Afm - Gruppo Admenta

13/03/2018 09:33:18
La Società Afm Spa-Gruppo Admenta Italia replica alla notizia di Filodiretto, pubblicata lo scorso 10 marzo, dal titolo “Bologna, la battaglia dei ‘quarantadue’ contro Lloyds Farmacia. “In primis – si legge - è opportuno sottolineare che dal 2013 sono stati assunti ben 82 farmacisti - di cui 51 trasformati a tempo indeterminato nel corso di questi 5 anni - e ciò nonostante le operazioni per ora lavorata risultino nei fatti in diminuzione, peraltro con valori al di sotto di altre farmacie appartenenti al Gruppo Admenta di cui fa parte Afm. Ciò premesso, si rileva come la pianificazione oraria venga effettuata in stretta collaborazione tra la società e i direttori di ciascuna farmacia e definita sulla base del flusso della clientela”. Prosegue, tra l’altro, la nota: “Non è inoltre corretto affermare che a causa dei carichi di lavoro i farmacisti sono costretti a chiudere il servizio Cup. Tale servizio di prenotazione online di visite specialistiche è presente in tutte le Farmacie di Afm e viene svolto regolarmente in una postazione dedicata all’interno della farmacia, a cura di farmacisti opportunamente formati e in determinate fasce orarie comunicate all’interno della farmacia con appositi cartelli”.

Sul tema della sicurezza si precisa: “Da sempre la nostra organizzazione pone molta attenzione alla formazione del proprio personale avendo, tra l’altro, istituito corsi di formazione ad hoc sulle principali tematiche legate al ruolo sin dal 2011, sia con la collaborazione delle forze dell’ordine sia col supporto di organizzazioni sindacali. L’attenzione su questo tema passa anche attraverso la costante verifica e manutenzione degli impianti oltre a politiche di welfare aziendale adottate a ulteriore tutela del personale”. Infine la questione contratto: “In relazione al mancato rinnovo della contrattazione nazionale, ciò è di pertinenza delle associazioni sindacali e datoriali a livello nazionale. In ogni caso, l’azienda ha istituito un welfare con cui vengono riconosciuti a tutti i propri dipendenti diversi istituti economici, in aggiunta a quelli previsti dalle norme di legge e dal contratto collettivo applicato ai rapporti di lavoro”.

Notizie correlate

13/09/2018

Lloyds mette le mani sulle comunali di Parma, gara vinta per concessione ventennale

Anche le farmacie comunali di Parma, dopo Bologna e Milano, finiscono nella rete delle grandi catene. Si è conclusa, infatti, la procedura di aggiudicazione in concessione ventennale (con possibile proroga di 12 anni) delle 3 comunali: Fleming...
20/06/2018

Catene e rurali: il caso Uk che fa discutere sui rischi per le aree “depresse”. Pagliacci: “Parola d’ordine, vigilare”

Inghilterra, fine dicembre 2017. La catena Lloyds (McKesson) decide di chiudere 190 farmacie in quanto non più redditizie. Una di queste risiede in un’area depressa...
12/03/2018

Bologna, la battaglia dei “quarantadue” contro Lloyds Farmacia

Da una parte i problemi legati alla retribuzione e dall’altra quelli legati alla sicurezza nei punti vendita. In mezzo 42 dipendenti che minacciano di intentare causa ad Admenta Italia, colosso della distribuzione farmaceutica proprietario dei marchi Lloyds Farmacia e Farmacia Comunale...
01/09/2016

Parma, il comune valuta il futuro delle sue tre farmacie

C’è anche la vendita tra le opzioni che il comune di Parma sta valutando in vista della scadenza, a fine anno, del contratto di gestione che affida a Farmacie comunali spa la gestione delle tre municipalizzate cittadine. Costituita nel 2002, la società annovera...
03/08/2016

Regno Unito, come funziona l’antitrust quando in ballo c’è una catena

Lloydspharmacy, la catena britannica controllata da Celesio (che in Italia gestisce sotto la stessa insegna 126 farmacie comunali e una ventina di private in franchising), potrà completare l’acquisizione delle farmacie Sainsbury soltanto se venderà 12 dei...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni