Traffico di farmaci illegali a Milano, 13 arresti. Cossolo: “Occhi aperti sul territorio e regole da rivedere”

10/04/2018 09:27:16

Un giro d'affari che fruttava fino a 19,5 milioni di euro l'anno. Tanto valeva il traffico illecito di farmaci smascherato dall'indagine condotta dai carabinieri del Nas di Milano, che ha portato ieri, nell'ambito di un procedimento penale coordinato dalla procura di Milano con l'aggiunto Laura Pedio, a 13 arresti (12 misure in carcere e una ai domiciliari).
Al centro della rete ricostruita dagli inquirenti la farmacia Caiazzo, già nota "anche per altre indagini da parte della Direzione distrettuale antimafia di Milano", spiega il pm David Monti durante un incontro stampa in cui sono stati resi noti i dettagli dell'operazione. “Bisogna rivedere la Legge 219 che regola la possibilità delle farmacie di fare da distributore intermedio – dichiara il presidente di Federfarma, Marco Cossolo - perché certe forme di liberalizzazione possono produrre effetti dannosi per lo Stato e per il cittadino, prestando il fianco ad illeciti”. Torna poi il concetto dei capitali legato al rischio contaminazione della criminalità organizzata.
“Questa indagine – precisa Cossolo – riporta alla luce la questione della titolarità della farmacia che con l’ingresso dei capitali potrebbe non essere più così trasparente. Bisogna, però, che i colleghi farmacisti e le Federfarma sul territorio oltre che gli Ordini e le Asl vigilino e segnalino, in tempi non sospetti, eventuali irregolarità così da poter intervenire tempestivamente”. Duro anche il commento di Antonello Mirone, presidente di Federfarma Servizi. “Anche questa volta le forze dell’Ordine si muovono nella direzione di controllare e garantire il canale della distribuzione. Tutti questi fenomeni che vogliono baipassare le regole, rigide sì ma necessarie per garantire la salute dei cittadini, sono assolutamente da condannare. Ritengo, questo, un caso isolato ma dobbiamo tenere a mente che l’unica filiera che garantisce il cittadino è solo quella tradizionale controllata. Chi cerca di aggirarla usando strumenti delinquenziali per trarne vantaggio, deve ritenersi al di fuori di una sistema che ha come obiettivo primario la salute del cittadino”. L’indagine ha portato agli arresti del titolare della farmacia, Giampaolo Giammassimo, e Sebastiano Calabrò, direttore tecnico della struttura.
Le misure cautelari detentive sono scattate anche per il direttore amministrativo; il direttore commerciale e per gli altri dipendenti che lavoravano all'interno della farmacia; per alcuni personaggi che agivano come broker per facilitare i contatti; per alcuni cittadini cinesi ed egiziani che si occupavano della ricettazione dei farmaci e del loro invio all'estero. In manette è finito anche un maresciallo dei carabinieri, in attività, fino al 2013 in forze proprio al Nas.


Notizie correlate

11/07/2019

Farmaci contraffatti, le precisazioni di Aifa e Federfarma sui lotti da controllare

A seguito della segnalazione dell’Agenzia del farmaco inglese (MHRA) di rinvenimento nel Regno Unito di confezioni italiane di farmaci non provviste di bollino e quindi di sospetta provenienza illecita, l’AIFA ha diramato un Rapid Alert internazionale con una lista riportante numeri di lotto e date di scadenza dei prodotti interessati...
17/06/2019

Contraffazione Ue, medicinali i più gettonati nel rapporto Europol

Medicinali, prodotti di lusso, alimenti, elettronica: la contraffazione nell'Unione Europea registra una crescita grazie ai social network e alle nuove vie commerciali con l'Asia, favorendo soprattutto la criminalità organizzata. A rivelarlo è la prima edizione della “Valutazione delle minacce dei reati contro la proprietà intellettuale”, realizzata da Europol in collaborazione con l'Ufficio dell'Unione Europea per la proprietà intellettuale (Euipo)...
12/03/2019

Farmacista, primo baluardo del Ssn. Lusi (Nas) promuove la collaborazione per lotta alla contraffazione

Mentre in tutto il mondo il mercato dell’e-commerce, anche per i farmaci, avanza in maniera veloce, in Italia sembra ancora reggere il canale ufficiale: la farmacia. Ad assicurarlo è il generale, Adelmo Lusi, comandante dei carabinieri per la tutela della  salute pubblica durante gli Stati generali della farmacia italiana...
11/02/2019

Lotta alla contraffazione dei farmaci. Al via il nuovo sistema europeo

È stato presentato ieri ufficialmente a Bruxelles e diventa operativo da oggi, in 31 Stati dello spazio economico europeo (See), il nuovo sistema Ue di contrasto alla contraffazione...
18/01/2019

Anticontraffazione, il 9 febbraio parte il nuovo sistema europeo. Grecia e Italia per ora esonerate

Il prossimo 9 febbraio in tutti i Paesi europei, escluse Grecia e Italia che si adegueranno entro il 2025, partirà il sistema di anticontraffazione Ue che permetterà alle farmacie di verificare, tramite lettura del datamatrix, quasi tutti i...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni