Cicli antibiotici lunghi favoriscono la resistenza

12/07/2018 09:30:12
I cicli di antibiotici dovrebbero essere interrotti il prima possibile per evitare di raggiungere un punto di non ritorno che favorisce l'insorgere della resistenza. Lo affermano gli esperti dell'università di Exeter dopo uno studio pubblicato su Nature Ecology & Evolution. Nello studio i ricercatori hanno esaminato come le comunità di batteri reagiscono a diversi cicli di antibiotici in condizioni di laboratorio, trovando che sia la variazione del livello degli zuccheri, che imita quella che avviene nel sangue dei pazienti, sia la durata del ciclo di terapia possono portare le comunità microbiche ad un punto di non ritorno, dopo il quale emergono batteri resistenti. Se si supera il livello di guardia, spiegano, la resistenza aumenta anche se si interrompe la terapia. "Per decenni - spiega Robert Beardmore, l'autore principale - ai pazienti è stato detto di completare il ciclo di antibiotici con l'assunzione che prendendone troppo pochi avrebbe causato la mutazione dei batteri e la resistenza. Tuttavia più recentemente alcuni studi hanno suggerito che più a lungo il microbo è esposto all'antibiotico più è probabile che si sviluppi la resistenza". 

Notizie correlate

19/11/2018

Tracciatura e antibiotico resistenza al centro dei lavori dell’assemblea Pgeu

Lo scorso 15 novembre si è tenuta a Bruxelles l’ultima delle due assemblee generali annuali del Pgeu, la nostra associazione europea dei farmacisti, dove i temi di scottante attualità hanno riguardato la ormai imminente partenza della tracciatura...
01/02/2018

Antibiotico-resistenza, farmacisti e medici in prima linea. Mandelli (Fofi): “Tornare ai fondamentali”

Se vale la regola che il cliente ha sempre ragione non è la stessa cosa se, questo, è anche un paziente che deve procurarsi e assumere un farmaco. Il problema ce l’hanno i farmacisti a cui spesso vengono chiesti farmaci, anche antibiotici, senza ricetta...
15/11/2017

Italia tra peggiori Ue per infezioni resistenti

L'Italia si conferma tra i peggiori paesi europei per il tasso di infezioni da batteri resistenti agli antibiotici, ed è uno dei pochi in cui la situazione è in peggioramento, mentre altrove c'è per lo meno una stabilizzazione. Lo affermano i dati diffusi oggi dal Centro Europeo per il Controllo delle...
14/11/2017

Pediatri, 78.570 ricoveri da infezioni antibiotico-resistenti

In Italia le ospedalizzazioni per infezioni antibiotico-resistenti sono 78.570 e corrispondono al 36% delle infezioni ospedalizzate e al 2,3% delle ospedalizzazioni totali con un costo di circa 320 milioni di euro. A sottolinearlo è la Società Italiana di Pediatria (Sip), che aderisce alla Settimana...
09/10/2017

Allarme urologi, resistenza record agli antibiotici

Resistenza agli antibiotici: un problema enorme che l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) definisce un'emergenza planetaria e che riguarda anche l'Italia. Il nostro Paese si colloca infatti al secondo posto in Europa dopo la Grecia per uso di antibiotici, impiegati non solo per l'influenza...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni