Roma, farmacie comunali in crisi. Contarina: “Settore in difficoltà. Molti sull’orlo del fallimento”

10/09/2018 21:49:05
Le farmacie comunali di Farmacap, l'Azienda farmasociosanitaria capitolina, sono di nuovo in crisi. Nonostante il commissariamento e il completo piano di risanamento dei conti, si rischia ancora il fallimento e la messa in liquidazione. A rimetterci il posto di lavoro, sarebbero 330 dipendenti, 45 dei quali operano in convenzione con il dipartimento Politiche sociali.

“Quanto sta accadendo - ha spiegato il presidente di Federfarma Roma e vicepresidente nazionale dell’associazione, Vittorio Contarina – dimostra quanto sia forte la crisi finanziaria che ha colpito e colpisce ancora oggi il nostro settore. Certo, Farmacap fa un po’ più di rumore perché è un’azienda statale e rappresenta 43 farmacie, ma come Farmacap ci sono moltissime farmacie italiane sull’orlo del fallimento. Questo bisogna ammetterlo, nonostante ci sia qualcuno che non vuol vedere o fa finta di credere ancora alla farmacia ‘sana’ degli anni ’80-‘90”.

Contarina ribadisce come la crisi del settore sia fortissima, con le piccole farmacie a pagarne lo scotto più grande.
“Trovarsi ad esercitare in piccoli centri - aggiunge - o in quartieri meno popolati non aiuta. Quanto a Farmacap, devo dire che a mio parere l’azienda è gestita poco razionalmente: ad esempio si avvale di una forza lavoro che era giustificabile in quegli anni in cui c’erano introiti maggiori. Oggi non è più sostenibile . Mantenere lo stesso numero di dipendenti con una crisi che erode i fatturati, è purtroppo impossibile. Le altre farmacie, nel corso degli anni, hanno attuato soluzioni alternative (ad esempio, incrementando giorni e orari di apertura o provando a puntare sulla cosiddetta farmacia dei servizi), ma nonostante questo qualcuno è comunque fallito e qualcun altro, come estrema ratio, è stato costretto a ridurre parte del personale. La Farmacap, che ha un sindacato molto attivo, incontra maggiori difficoltà in questo senso, tuttavia non credo possa essere salvata senza un riordino societario che preveda una razionalizzazione dei posti di lavoro. Riordino che non vuol dire licenziare tout court, ma magari ricollocare il personale in altre municipalizzate. Senza un intervento del genere, vedo ancora molte nubi all’orizzonte per Farmacap”, conclude Contarina. (Rossella Gemma)

Ultime notizie

23/07/2019

Tg Federfarma Channel – Edizione del 24 luglio

In questo numero: Rinnovo Convenzione, riaperto il Tavolo. Cossolo: “Partenza proficua, ora si vada avanti con concretezza”; Rapporto annuale Federfarma-Cittadinanzattiva sulla farmacia, fissato al 31 luglio il termine per i questionari; Formazione, il farmacista del futuro nel nuovo corso di laurea del Policlinico Gemelli; Lombardia, esteso il numero delle esenzioni dei ticket che si possono autocertificare in farmacia
23/07/2019

Lombardia, esteso il numero delle esenzioni ticket che si possono autocertificare in farmacia

I cittadini lombardi che hanno diritto a un'esenzione per reddito dal ticket sanitario o farmaceutico possono registrare la propria autocertificazione presso qualsiasi farmacia sul territorio. Lo ricorda Federfarma Lombardia, comunicando che è stato... 
23/07/2019

Formazione, il farmacista del futuro nel nuovo corso di laurea del Policlinico Gemelli

"Il farmacista sta acquisendo un nuovo ruolo, grazie allo sviluppo di una serie di attività qualificanti definite con il termine di pharmaceutical care, basato su un counseling rivolto alla prevenzione, all'assunzione di farmaci e al sostegno a...
23/07/2019

Rapporto annuale Federfarma-Cittadinzattiva sulla farmacia, al 31 luglio il termine per i questionari

E’ fissato per il prossimo 31 luglio il termine per la compilazione del questionario rivolto alle farmacie ai fini della realizzazione della seconda edizione del “Rapporto annuale sulla Farmacia”, progetto curato da Cittadinanzattiva, in collaborazione con...
23/07/2019

Rinnovo Convenzione, riaperto il Tavolo. Cossolo: “Partenza proficua, ora si vada avanti con concretezza”

Con la prima riunione dopo l’avvicendamento nel ruolo di coordinatore tra Antonio Maritati e Vincenzo Pomo, si è riaperto il Tavolo convenzionale tra Sisac, Federfarma e Assofarm. “Sono soddisfatto - ha annunciato a Filodiretto il presidente di Federfarma, Marco Cossolo - che si sia riaperto il Tavolo dopo che ci abbiamo lavorato un anno e dopo una serie di stop non legati alla nostra volontà. Con l’apertura del presidente Venturi, che prontamente è stata accolta da Federfarma e Assofarm, che hanno convenuto di non riaprire l’Atto di indirizzo ma di ripartire dalle due bozze, si è cercata la sintesi migliore tra le due istanze. Per poi lasciare alla parte politica il compito di risolvere... 


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni