Truffa settore farmaceutico, 36 indagati e 7 aziende coinvolte

04/10/2018 09:13:48
A Parma grandi nomi della sanità ancora una volta sotto accusa, dopo l'operazione Pasimafi di un anno fa. L'indagine 'Conquibus' (denaro) dalle prime ore della mattinata di ieri ha portato all'arresto di un noto medico e di un'imprenditrice con l'accusa di truffa, corruzione e concorsi 'truccati'.

A quanto si apprende, gli oltre 200 carabinieri del Comando per la tutela della salute e dei Comandi provinciali di 7 regioni - Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria e Lazio - hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, richiesta dalla procura della Repubblica di Parma ed emessa dal gip, per due persone: Franco Aversa, direttore della Struttura complessa di ematologia dell'ospedale di Parma, e Paola Gagliardini, titolare della Csc Srl. Hanno dato inoltre esecuzione a misure cautelari interdittive a carico di altri 9 indagati che operano nel settore universitario e nella commercializzazione e promozione di farmaci. Contestualmente è stato disposto ed eseguito il sequestro preventivo di 335.000 euro. Sono state eseguite, inoltre, più di 40 perquisizioni presso le abitazioni dei professionisti e presso le sedi di 7 società, fra cui 6 note aziende farmaceutiche. Gli investigatori hanno mantenuto il riserbo sul nome delle aziende coinvolte, spiegando che il gip si è riservato di accertare eventuali responsabilità nelle attività illecite.

"L'attività criminosa, con diramazioni in altre province del territorio nazionale, veniva svolta - scrivono i Nas - con la complicità di altri professori e amministrativi universitari, medici, rappresentanti di aziende farmaceutiche, ed era finalizzata" a "una serie di delitti riconducibili all''esecuzione di strategie criminose tendenti a: condizionare gli eventi Ecm per favorire i piani di marketing di aziende private impegnate direttamente a influenzare la scelta dei contenuti e dei partecipanti; adattare le prescrizioni di costosi farmaci per terapie ''salvavita'' secondo le esigenze e il profitto delle aziende farmaceutiche, promuovendone la divulgazione nei vari eventi congressuali, organizzati in violazione di norme e in contrasto con i principi di trasparenza e indipendenza scientifica". E ancora: "Sostenere la rimborsabilità dei farmaci presso le autorità regionali, al fine di favorire le strategie economiche delle case farmaceutiche; promuovere concorsi e selezioni pubbliche pilotate", mirate ad "appoggiare candidati preventivamente individuati; espletare attività medica libero professionale non autorizzata". I reati contestati agli indagati vanno dunque dalla corruzione all''induzione indebita a dare o promettere utilità, fino a violazioni del Testo unico delle leggi sanitarie, abuso d''ufficio, falso ideologico e truffa aggravata.

Notizie correlate

29/01/2019

La mano delle mafie sulle farmacie, Tobia: “Lo denunciamo dal 2015. Pericolo reale che va combattuto”

L'operazione 'Partenope', che la settimana scorsa ha portato a blitz in più province italiane e all'arresto di 11 persone, 5 in carcere e 6 ai domiciliari, coinvolte in due distinte...
04/07/2017

Fondazione Gimbe, 5 miliardi mangiati da 53 tipologie di frodi e abusi Ssn

Sono 53 le tipologie di frodi e abusi nella Sanità che sottraggono oltre 5 miliardi di euro alla nostra salute. Lo sostiene la Fondazione Gimbe su una elaborazione del rapporto sulla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale presentato lo scorso 6 giugno. Il rapporto...
09/06/2017

Protocollo Regione-Fiamme gialle contro frodi e sprechi in Sanità

Si propone di tutelare il corretto utilizzo delle risorse e prevenire frodi e illegalità il protocollo d'intesa firmato ieri dalla Regione Lazio e dalla Guardia di Finanza per il contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica. L'accordo, che non comporta oneri...
20/12/2016

Molise, Federfarma replica al presunto scoop sugli ammanchi di cassa

In Federfarma Molise volano minacce di querela per diffamazione dopo la notizia, riportata sabato da un quotidiano locale, di indagini in corso da parte della procura di Campobasso per presunte irregolarità sui conti correnti del sindacato regionale...
22/01/2015

Stamina: decreto contro truffe preparazione farmaci

Il Ministro della salute Beatrice Lorenzin ha firmato un decreto che fissa nuove regole per garantire la sicurezza pazienti che utilizzano medicinali preparati ''su base non ripetitiva''. «Metterà i pazienti al riparo da possibili truffe e speculazioni  come, purtroppo, avvenuto in occasione...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni