Influenza: costa come manovra economica, 10 mld euro ogni anno

12/10/2018 22:08:49
L'influenza stagionale insieme alle sindromi simil-influenzali sono ormai prossime e l'esborso economico a carico delle famiglie e dello Stato non sarà leggero: ogni anno ammonta infatti a circa 10,7 miliardi di euro, quasi quanto una manovra economica. A calcolarlo è il primo studio italiano sui costi per le famiglie dell'influenza e delle infezioni ricorrenti simil-influenzali, presentato al XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP), a Venezia dal 13 al 15 ottobre. Le famiglie, emerge dallo studio, spenderanno 8,6 miliardi di euro e lo Stato 2,1 miliardi, per un totale di ben 10,7 miliardi. Ma sarà proprio sui cittadini l'aggravio maggiore: le famiglie, quasi senza accorgersene, spenderanno in media 250 euro per influenza e sindromi parainfluenzali, mentre il Servizio sanitario nazionale (Ssn) per ogni malato dovrà sborsare 62 euro l'anno. La maggioranza (tre quarti) dei costi deriva dall'assenteismo lavorativo e/o scolastico indotto dall'infezione influenzale o simil-influenzale, oltre che dalla spesa per farmaci sintomatici di fascia C e quindi a totale carico del cittadino: per antitosse, mucolitici, antinfiammatori e aerosol si spendono circa 27 euro l'anno, mentre per il vaccino antinfluenzale, che potrebbe evitare molti dei casi di infezione respiratoria da virus influenzali, appena 2,40 euro. Proprio i vaccini si confermano dunque un'arma a basso costo per tutti, anche se ancora sotto-utilizzata: costano poco più di 3 euro per il Ssn e, appunto, appena 2,4 euro per le famiglie, ma solo il 14% dei cittadini vi ricorre ogni anno e il 60% non si è mai vaccinato.

Ultime notizie

13/12/2018

Gotta: in farmacia un vademecum per riconoscerla e saperla affrontare

La gotta è una malattia tipicamente asintomatica, che può metterci ‘fuori gioco’ inaspettatamente e avere gravi conseguenze per la salute; per questo è fondamentale imparare a riconoscerla e trattarla in modo adeguato. Questo...
13/12/2018

Toscana, distribuzione diretta in drastica diminuzione. Nocentini: “Dpc chiave di volta per costi sociali inferiori”

Anche in Toscana a sfondare (e di molto) il tetto di spesa farmaceutica non è la convenzionata territoriale, che anzi risulta in diminuzione, ma quella sostanzialmente senza controllo di Asl e ospedali...
13/12/2018

Scontrino elettronico da Luglio e niente fattura elettronica, le novità per i farmacisti nel dl fiscale

Niente fattura elettronica e scontrino elettronico da luglio per i soggetti con volume d’affari superiore a 400 mila euro. Sono queste le principali novità per i farmacisti contenute nel decreto fiscale convertito in legge, ieri alla Camera, con 9 giorni di...
13/12/2018

Tg Federfarma Channel – Edizione del 14 dicembre

In questo numero: Assistenza territoriale, dal Pit Salute cifre desolanti. Gaudioso: “Farmacie anello chiave per implementazione”; Scontrino elettronico e niente fattura elettronica, le novità per i farmacisti nel dl fiscale; Toscana, distribuzione diretta in drastica diminuzione. Nocentini:"Dpc chiave di volta per costi sociali inferiori"; Gotta: in farmacia un vademecum per riconoscerla e saperla affrontare
13/12/2018

Assistenza territoriale, dal Pit Salute cifre desolanti. Gaudioso: “Farmacie anello chiave per implementazione”

“La competenza del farmacista e la piena attuazione della ‘Farmacia dei servizi’ possono diventare l’anello fondamentale per implementare l’assistenza territoriale”. A parlare è il segretario nazionale di Cittadinzattiva, Antonio Gaudioso, a margine della presentazione del XXI Rapporto Pit Salute: “Tra attese e costi, il futuro della salute in gioco”, che tra le mille ombre del Ssn riportate dai cittadini, sottolinea anche quella della scarsa assistenza territoriale. Circa il 15% dei cittadini incontra difficoltà nell'assistenza primaria di base, ossia quella erogata da medici di famiglia, pediatri e guardie mediche: si segnala il rifiuto delle prescrizioni (30,6%), l'inadeguatezza degli orari (20,7%), la sottostima del problema segnalato dal paziente (15,6%). Seconda voce è quella dell'assistenza... 


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni