Fumo: test sangue-saliva dirà strategia migliore per smettere

15/10/2018 16:01:09
Un test sulla saliva o del sangue per "cronometrare" il metabolismo della nicotina nell'organismo potrebbe aiutare a individuare la strategia più adatta quando si vuole smettere di fumare. Uno studio condotto su oltre cento fumatori italiani suggerisce infatti per la prima volta che gli individui con un metabolismo della nicotina più rapido hanno un minor rischio di dipendenza rispetto ai fumatori con metabolismo più lento, nonostante le abitudini al fumo siano simili.

È quanto emerge dal primo studio italiano sulla correlazione fra la velocità del metabolismo della nicotina e il grado di dipendenza dal fumo, condotto dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa e presentato in occasione del XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP), in corso a Venezia.

Nel complesso, afferma Stefano Nardini, presidente della SIP, «il tentativo di smettere di fumare fallisce nell'80% dei casi; a oggi inoltre non esistono indicazioni su quale farmaco 'anti-fumo' sia da considerarsi più efficace, né è chiaro quali fumatori possano trarre maggiori benefici da uno o dall'altro trattamento. Lo studio della velocità di smaltimento della nicotina attraverso un test sul sangue o sulla saliva potrebbe rivelarsi perciò un metodo relativamente semplice per individuare coloro per i quali è più difficile smettere a causa di una dipendenza più marcata, così da intervenire in maniera più incisiva». (ANSA)

Ultime notizie

14/12/2018

Con inizio lezioni un'ora dopo teen ager hanno voti più alti

Spostare di un'ora l'orario di inizio delle scuole non solo aumenta le ore di sonno dei ragazzi ma porta anche a migliori voti. Lo dimostra uno studio della Washington University di Seattle pubblicato da Science Advances, che ha verificato su un campione di studenti delle superiori...
14/12/2018

Verso un test della saliva per la diagnosi di Alzheimer

Un giorno un semplice test della saliva potrebbe entrare in uso per la diagnosi di demenza. Scienziati canadesi, infatti, hanno identificato in campioni di saliva delle molecole per riconoscere il declino cognitivo lieve e l'Alzheimer. Lo studio è stato reso noto sulla rivista Frontiers in Aging...
14/12/2018

Tg Federfarma Channel - Edizione del 15 dicembre

In questo numero: Per il Censis farmacisti ancora tra i migliori consiglieri. Marco Bacchini: “Il segreto sta nella capillarità e competenza”; Assemblea Federfarma, al centro del dibattito la tutela delle oltre 1500 piccole farmacie del territorio; Le farmacie per il consumo sostenibile: il Consiglio delle Regioni incontra le associazioni dei consumatori; Leucemia, grazie a Federfarma Palermo nasce il primo ambulatorio per cura in gravidanza ed età fertile 
14/12/2018

Meningiti e sepsi dovute a batteri, 14.000 casi in 10 anni

Meningiti e sepsi dovute a meningococco, pneumococco ed emofilo: in dieci anni sono stati 14.243 i casi di malattie invasive batteriche prevenibili da vaccino registrati in Italia attraverso le schede di dimissioni ospedaliere. E' quanto emerge dai risultati di uno studio condotto...
14/12/2018

Maxi analisi del Dna svela basi genetiche dell'acne

Identificati i geni responsabili dell'acne in uno studio senza precedenti sul Dna che ha coinvolto decine di migliaia di individui: resa nota sulla rivista Nature Communications, la scoperta potrebbe portare a nuove terapie per questo disturbo che può manifestarsi anche in modo...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni