Fumo: test sangue-saliva dirà strategia migliore per smettere

15/10/2018 16:01:09
Un test sulla saliva o del sangue per "cronometrare" il metabolismo della nicotina nell'organismo potrebbe aiutare a individuare la strategia più adatta quando si vuole smettere di fumare. Uno studio condotto su oltre cento fumatori italiani suggerisce infatti per la prima volta che gli individui con un metabolismo della nicotina più rapido hanno un minor rischio di dipendenza rispetto ai fumatori con metabolismo più lento, nonostante le abitudini al fumo siano simili.

È quanto emerge dal primo studio italiano sulla correlazione fra la velocità del metabolismo della nicotina e il grado di dipendenza dal fumo, condotto dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa e presentato in occasione del XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP), in corso a Venezia.

Nel complesso, afferma Stefano Nardini, presidente della SIP, «il tentativo di smettere di fumare fallisce nell'80% dei casi; a oggi inoltre non esistono indicazioni su quale farmaco 'anti-fumo' sia da considerarsi più efficace, né è chiaro quali fumatori possano trarre maggiori benefici da uno o dall'altro trattamento. Lo studio della velocità di smaltimento della nicotina attraverso un test sul sangue o sulla saliva potrebbe rivelarsi perciò un metodo relativamente semplice per individuare coloro per i quali è più difficile smettere a causa di una dipendenza più marcata, così da intervenire in maniera più incisiva». (ANSA)

Ultime notizie

07/12/2018

Proprietà farmacie: essenziale prevedere maggioranza farmacisti nella compagine sociale

Federfarma condivide pienamente le ragioni espresse dal ministro della Salute Giulia Grillo in favore di una norma che garantisca che nelle società di capitali proprietarie di farmacie il 51% della compagine sociale sia costituito da farmacisti iscritti all’Albo. Questo indipendentemente da dinamiche politiche estranee al sindacato...
07/12/2018

Manovra, ministro Grillo: "Il governo sta dalla parte dei farmacisti"

"Il principio per cui nelle farmacie italiane il 51% del capitale di gestione dev'essere rappresentato da farmacisti iscritti all'albo e' per me fondamentale: si tratta di un argine al rischio di strapotere delle societa' di capitale internazionali che possono fare piazza pulita delle piccole farmacie. Il governo sta dalla parte...
07/12/2018

Tg Federfarma Channel – Edizione del 7 dicembre

In questo numero: Manovra, proprietà farmacie e sconti Ssn: il quadro finale in attesa del voto; Rev, Federfarma lamenta il mancato decreto e fornisce indicazioni pratiche; Ritardi nelle autorizzazioni delle forniture di presidi indispensabili al cittadino. Le precisazioni di Federfarma Torino; Un anno di servizi integrati per le cronicità: il bilancio di Federfarma Milano, Lodi e Monza Brianza
07/12/2018

Proprietà farmacie e sconti Ssn: il quadro finale in attesa del voto

Sono fasi convulse quelle in corso in questi giorni in Parlamento dove è approdata la Manovra di Bilancio 2018. Proprio sulla farmacia si sono susseguite notizie incalzanti di conferme e smentite rispetto a provvedimenti di interesse per la categoria...
07/12/2018

Rev, Federfarma lamenta il mancato decreto e fornisce indicazioni pratiche

In attesa della pubblicazione del Decreto Ministeriale con le specifiche tecniche necessarie a implementare la ricetta elettronica veterinaria (Rev), Federfarma ha deciso di diramare...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni