Fumo: test sangue-saliva dirà strategia migliore per smettere

15/10/2018 16:01:09
Un test sulla saliva o del sangue per "cronometrare" il metabolismo della nicotina nell'organismo potrebbe aiutare a individuare la strategia più adatta quando si vuole smettere di fumare. Uno studio condotto su oltre cento fumatori italiani suggerisce infatti per la prima volta che gli individui con un metabolismo della nicotina più rapido hanno un minor rischio di dipendenza rispetto ai fumatori con metabolismo più lento, nonostante le abitudini al fumo siano simili.

È quanto emerge dal primo studio italiano sulla correlazione fra la velocità del metabolismo della nicotina e il grado di dipendenza dal fumo, condotto dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa e presentato in occasione del XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP), in corso a Venezia.

Nel complesso, afferma Stefano Nardini, presidente della SIP, «il tentativo di smettere di fumare fallisce nell'80% dei casi; a oggi inoltre non esistono indicazioni su quale farmaco 'anti-fumo' sia da considerarsi più efficace, né è chiaro quali fumatori possano trarre maggiori benefici da uno o dall'altro trattamento. Lo studio della velocità di smaltimento della nicotina attraverso un test sul sangue o sulla saliva potrebbe rivelarsi perciò un metodo relativamente semplice per individuare coloro per i quali è più difficile smettere a causa di una dipendenza più marcata, così da intervenire in maniera più incisiva». (ANSA)

Ultime notizie

11/10/2019

Ocse, obesità farà 90 milioni di morti nei prossimi 30 anni

Le malattie legate all'obesità faranno 90 milioni di morti nei paesi Ocse nei prossimi 30 anni, con una riduzione dell'aspettativa di vita di tre anni e una riduzione del Pil del 3,3%. Lo afferma una analisi pubblicata dalla stessa Organizzazione per la Cooperazione e lo...
11/10/2019

Per la prima volta farmaco creato per singolo paziente

Per la prima volta un farmaco è stato ideato e sviluppato per una sola persona, per curare un rarissimo difetto genetico. In un anno, afferma uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, i ricercatori del Boston Children's Hospital sono passati...
11/10/2019

Progetto Unibo su farmaci vince primo premio Start Cup Emilia-Romagna

Il progetto 'InSimili', che abbatte tempi e costi di produzione dei nuovi farmaci, ha vinto il primo premio della Start Cup Emilia-Romagna. La nuova tecnologia, brevettata dall'Università di Bologna, si è aggiudicata i 10mila euro messi in palio dalla competizione per idee...
11/10/2019

Farmaci: Ema, limitare l'uso delle pomate all'estradiolo

Limitare l'uso delle pomate ad alto contenuto di estradiolo a un singolo periodo di trattamento di massimo 4 settimane: questa la raccomandazione pubblicata sul suo sito dal Comitato per la sicurezza (Prac) dell'Agenzia europea dei farmaci (Ema), per minimizzare il rischio...
11/10/2019

Licenza fiscale per alcolici, Federfarma precisa: “Non riguarda le farmacie”

Federfarma, con una circolare, risponde alle numerose richieste di chiarimento sugli effetti per le farmacie conseguenti alla reintroduzione della licenza fiscale per la vendita di prodotti alcolici, disposta dalla l. 58/2019 per taluni esercizi. A riguardo, precisa che...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni