Fumo: test sangue-saliva dirà strategia migliore per smettere

15/10/2018 16:01:09
Un test sulla saliva o del sangue per "cronometrare" il metabolismo della nicotina nell'organismo potrebbe aiutare a individuare la strategia più adatta quando si vuole smettere di fumare. Uno studio condotto su oltre cento fumatori italiani suggerisce infatti per la prima volta che gli individui con un metabolismo della nicotina più rapido hanno un minor rischio di dipendenza rispetto ai fumatori con metabolismo più lento, nonostante le abitudini al fumo siano simili.

È quanto emerge dal primo studio italiano sulla correlazione fra la velocità del metabolismo della nicotina e il grado di dipendenza dal fumo, condotto dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa e presentato in occasione del XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP), in corso a Venezia.

Nel complesso, afferma Stefano Nardini, presidente della SIP, «il tentativo di smettere di fumare fallisce nell'80% dei casi; a oggi inoltre non esistono indicazioni su quale farmaco 'anti-fumo' sia da considerarsi più efficace, né è chiaro quali fumatori possano trarre maggiori benefici da uno o dall'altro trattamento. Lo studio della velocità di smaltimento della nicotina attraverso un test sul sangue o sulla saliva potrebbe rivelarsi perciò un metodo relativamente semplice per individuare coloro per i quali è più difficile smettere a causa di una dipendenza più marcata, così da intervenire in maniera più incisiva». (ANSA)

Ultime notizie

21/03/2019

A Roma collegamento con 11 strutture ospedaliere per realizzare la farmacia dei servizi

Hanno risposto in massa le farmacie romane al progetto nato grazie alla sinergia tra Federfarma, Assifar Servizi e CAP – Consorzio di Assistenza Primaria, che consente alle farmacie di essere collegate con 11 strutture ospedaliere, cliniche e socio-sanitarie (Fatebenefratelli, Artemisia, Campus Bio-Medico ed OSA, solo per citarne alcune) che permettono di realizzare la farmacia dei servizi...
21/03/2019

Tg Federfarma Channel – Edizione del 21 marzo

In questo numero: Farmacia dei servizi, a Roma collegamento con 11 strutture ospedaliere; Tracciabilità del Farmaco, il ministero scrive a Federfarma per nuove modalità operative; Continuità assistenziale, fondamentale il raccordo tra medici e farmacisti per l’erogazione delle terapie; Uso di antibiotici, rapporto Aifa: Italia ancora fanalino di coda rispetto al trend europeo
21/03/2019

Tracciabilità del Farmaco, il ministero scrive a Federfarma per nuove modalità operative

Il Ministero della Salute ha inviato a Federfarma una nota riguardante il progetto “Tracciabilità del Farmaco” evidenziando che, per agevolare il lavoro di aggiornamento, sono disponibili nuove modalità operative consultabili sul sito del del Ministero (www.salute.gov.it) nella sezione Servizi on line > Tracciabilità del farmaco >Farmacie. In particolare, l’attribuzione del codice...
21/03/2019

Continuità assistenziale, fondamentale il raccordo tra medici e farmacisti per l’erogazione delle terapie

“Guardia Medica – La continuità assistenziale in Medicina Generale” è il volume  edito da Edra, presentato ieri mattina a Roma, presso il Ministero della Salute. Autori sono Filippo Anelli, Presidente della Fnomceo (Federazione nazionale degli...
21/03/2019

Uso di antibiotici, rapporto Aifa: Italia ancora fanalino di coda rispetto al trend europeo

L'uso di antibiotici in Italia, nonostante il trend in riduzione, è ancora superiore alla media europea. E se nel 2017 il consumo globale di questi farmaci nel nostro Paese...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni