Istituto Mario Negri-Vidas: nel fine vita uso improprio di farmaci

07/11/2018 09:30:39
Sull’American Journal of Hospice & Palliative Medicine è stato pubblicato un primo studio, frutto della collaborazione tra Fondazione Vidas e Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Irccs, dal titolo “Prevalence of Preventive and Symptomatic Drug Treatments in Hospice Care: An Italian Observational Study”, che ha indagato la qualità delle prescrizioni farmacologiche su 589 soggetti assistiti presso l’hospice Casa Vidas nel periodo compreso tra marzo 2015 e febbraio 2017.

Uno studio finalizzato all’analisi e alla descrizione delle terapie farmacologiche in relazione all’effetto preventivo o sintomatico nei pazienti in fine vita. È infatti noto che l’obiettivo terapeutico in questi pazienti dovrebbe essere il controllo palliativo dei sintomi piuttosto che il prolungamento della vita.

La ricerca, come prevedibile, ha evidenziato un diffuso utilizzo di farmaci finalizzati al controllo dei sintomi. Tuttavia, circa la metà dei pazienti al momento del decesso continuava a ricevere la prescrizione di almeno un farmaco con effetti preventivi e, dunque, non più utile. In particolare, i farmaci antiulcera e gli antitrombotici sono risultati essere i trattamenti preventivi maggiormente prescritti durante tutta la permanenza in hospice.

“I farmaci con effetto preventivo - sostengono Luca Pasina, farmacologo dell’Istituto Mario Negri e Angela Recchia, ricercatrice di Vidas - non hanno alcun valore terapeutico se il tempo necessario per osservare il beneficio è superiore all’aspettativa di vita e per questo motivo dovrebbero essere sospesi. Tuttavia, quest’attitudine non rientra nella normale pratica clinica. Come conseguenza i soggetti in fine vita sono spesso esposti a trattamenti futili e a interazioni tra farmaci potenzialmente gravi ma evitabili. Nonostante, infatti, nello studio sia stata osservata una riduzione nell’uso di farmaci preventivi, rimangono tuttavia ampi margini di miglioramento. Criteri condivisi tra ricercatori e medici palliativisti, mirati a fornire suggerimenti sui farmaci non necessari nel fine vita, sono fortemente raccomandati sia per evitare effetti indesiderati in questi pazienti sia per migliorare la qualità delle prescrizioni e ridurre i costi”.

“Questo primo studio a livello internazionale – conclude Barbara Rizzi, direttore scientifico di Vidas -, condotto su un campione rappresentativo della popolazione degli adulti-anziani che accede ai servizi di cure palliative del territorio nazionale, ha dimostrato la buona attitudine dei medici Vidas nella gestione dei farmaci durante le fasi finali della malattia con una maggior prescrizione di farmaci sintomatici rispetto a quelli preventivi. Questi risultati mi incoraggiano nel proseguire la ricerca ampliando l’indagine al setting domiciliare e nel migliorare il processo di deprescribing da parte dei nostri medici. Quest’ultimo, infatti, è un tema emergente che implica l’acquisizione da parte dei medici di nuove competenze in ambito sia clinico sia etico.”

Fondazione Vidas, costituita nel 1983 in supporto all’omonima associazione che assiste malati inguaribili, affetti da patologia in fase evolutiva, ha per scopo la ricerca, lo studio, la realizzazione e la promozione di tutte le forme di assistenza dirette ad alleviare le sofferenze dei malati alla fine della vita. L’accoglienza dei pazienti in fine vita ricoverati presso gli hospice comporta la gestione di numerosi sintomi più o meno associati alla patologia prevalente e alle sue comorbidità.
http://journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/1049909118794926

Notizie correlate

30/10/2018

Alleanza tra Regioni per gara unica su acquisto farmaci. Risparmi per 31 milioni di euro

Per la prima volta un accordo fra cinque regioni italiane ha permesso di bandire una gara sovraregionale per la fornitura di medicinali e di ottenere risparmi...
25/10/2018

Ministro Grillo: eccessivo consumo di farmaci. Vendere dosi personalizzate

C'è un eccesso di consumo di farmaci, a volte in modo del tutto inappropriato, come accade con gli antibiotici: sui farmaci, uno dei temi potrebbe essere quello di vendere una dose corrispondente alla terapia prescritta". Così ieri il ministro della 
31/08/2018

Farmaci pediatrici, in 10 anni 200 autorizzazioni nell’Ue. Ema: "Più ricerca"

“Piccoli umani, grandi bisogni”. L'Ema introduce così un report sui medicinali pediatrici, per i quali chiede di migliorare “informazione, ricerca e sviluppo”...
30/07/2018

I consigli di Aifa per utilizzare i farmaci in sicurezza nella stagione calda

Sei pillole video da condividere sui social e un opuscolo da scaricare, stampare e conservare per ricordare a tutti i pazienti, in particolare a quelli che si accingono a partire per le ferie...
27/07/2018

Farmaci, Grillo: spesa cresciuta a dismisura. Investiamo sul territorio

Per combattere gli sprechi in sanità "io partirei da un capitolo di spesa che in questi anni è aumentato a dismisura, quello della farmaceutica". In questo settore "penso negli ultimi anni ci sia stata un''inadeguata capacità di contrattare sui prezzi dei...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni