Al via Adhere, progetto triennale su ruolo del farmacista nell’adesione alle terapie

30/11/2018 09:22:57
Presentato a Firenze, nel corso del Forum Risk Management in Sanità il progetto Adhere, studio multicentrico triennale “inteso a valutare – secondo Andrea Mandelli, presidente Fofi “in modo scientifico il ruolo del farmacista nel miglioramento dell’aderenza terapeutica, puntando su tre leve: professionalità, capillarità sul territorio e frequente contatto con i pazienti".
L’obiettivo è contribuire ad abbattere i costi della mancata aderenza alle terapie che ammontano nel nostro Paese a circa 11 miliardi di euro all’anno.
Il progetto, ideato da Enrico Desideri, direttore della Azienda Usl Toscana sud est, è realizzato da Fofi, Federfarma, e Assofarm nazionale con il supporto della Fondazione ReS di Nello Martini.
“Per il futuro, la vera sfida della Sanità è la cronicità: in Italia i malati cronici sono 24 milioni e ‘assorbono’ oltre l’80% delle risorse economiche”, dice Enrico Desideri, direttore scientifico del progetto e direttore generale della Asl Toscana sud est. “Abbiamo scelto due patologie ad alto rischio di complicazioni, cioè lo scompenso cardiaco e la Bpco. L’obiettivo è dimostrare che, attraverso il modello delle Reti Cliniche Integrate e Strutturate, che hanno nel farmacista di comunità uno dei protagonisti, aumentiamo rispettivamente del 25% e del 35% la copertura terapeutica”.
Così Nello Martini: "Gli 11 miliardi l’anno si possono spiegare, per esempio, con il fatto che solo il 55,1% degli ipertesi assume il trattamento antipertensivo con continuità. Recenti studi osservazionali dimostrano inoltre che quasi il 50% dei pazienti in trattamento con antidepressivi sospende la cura nei primi tre mesi di terapia ed oltre il 70% nei primi 6 mesi. I dati provenienti dai database amministrativi delle ASL mostrano che nel 2012 la percentuale di pazienti diabetici aderenti al trattamento è stata pari al 62,1%. Bassi livelli di aderenza al trattamento si registrano anche per l’asma e la bronco-pneumopatia cronica ostruttiva".
"Il progetto Adhere – afferma Marco Nocentini Mungai, presidente di Federfarma Toscana, presente in rappresentanza del presidente nazionale Federfarma Marco Cossolo –    costituisce un esempio concreto di farmacia che eroga nuove prestazioni di alto valore sociale e sanitario, fa  prevenzione e monitoraggio dei pazienti cronici".
Francesco Schito, presidente nazionale delle farmacie comunali, (Assofarm) sottolinea oltre alla valenza sociale, perché chi meno accede alle terapie sono proprio le fasce meno abbienti, la valenza scientifica che ne permetterà la messa a sistema e la replicabilità in altre Regioni.

Notizie correlate

07/11/2019

Manipolazione farmaci orali, le raccomandazioni del ministero. Il farmacista sa come procedere in sicurezza

Assumere la terapia senza commettere errori non è una banalità. Ne è convinto il ministero della Salute che nelle premesse della Raccomandazione n. 19, segnala che...
02/10/2019

Fratelli belgi morti in hotel, Mandelli: “Massimo rigore e rispetto delle regole”

 "Il tragico episodio di Firenze non può lasciare indifferenti. Nel nostro Paese non si conoscono fenomeni di abuso di medicinali analgesici oppioidi analoghi a quelli che...
27/09/2019

Patto per la Salute, Mandelli: “Un impegno per ridurre le diseguaglianze e potenziare l'assistenza sul territorio”

“Nelle proposte del Ministero per il Patto per la Salute 2019-2021 bisogna riconoscere l’impegno per ridurre le diseguaglianze nei livelli assistenziali tra...
18/09/2019

Formazione, da Ottobre a Bari prende il via il master “Farmacista del territorio”

Anche per i farmacisti arriva il voucher per la formazione post universitaria "Pass laureati" della Regione Puglia, finalizzato alla crescita della qualificazione professionale...
18/09/2019

Sicurezza delle cure, Utifar istituisce la Giornata nazionale del Farmacista

Far comprendere all’opinione pubblica l’importanza delle cure adeguate, mediante la corretta assunzione dei medicinali prescritti dal medico. E’ con questo obiettivo che si è celebrata, ieri, la prima “Giornata Nazionale del Farmacista”. Ad istituirla è stata l’Utifar per dare seguito alla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri - emanata in data 4 aprile 2019 e pubblicata in Gazzetta Ufficiale n.113 del 16 maggio 2019...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni