Rapine e furti in farmacia, denunce in calo nel 2017. Nel 2018, però, segnali preoccupanti

05/12/2018 09:37:38
Nel 2017 calano le denunce di rapine in farmacie rispetto al 2016 ma, purtroppo, i dati preliminari di quest’anno indicano una decisa inversione di tendenza. Sono questi i dati del rapporto “Stati generali della sicurezza” presentati nei giorni scorsi a Roma Si tratta di un report sulla criminalità intersettoriale, realizzato da Ossif in collaborazione con Assovalori, Confcommercio-Imprese per l’Italia, Federazione Italiana Tabaccai, Federdistribuzione, Federfarma e Unione Petrolifera. Di seguito una sintesi dei dati di interesse per la categoria.
Le rapine denunciate in Italia nel 2017 sono state 30.564, con una diminuzione del 7,2% rispetto al 2016. Dal confronto dei dati delle diverse categorie si conferma anche per il 2017 la prevalenza delle rapine negli esercizi commerciali con oltre 4.500 casi e delle rapine nei locali ed esercizi pubblici con più di 1.200 eventi. Seguono poi le rapine in farmacia (677 casi), in banca (373), in tabaccheria (333), ai distributori di carburante (307) e negli uffici postali (297).



I furti denunciati in Italia nel 2017 sono stati 1.265.678, con un decremento del 6% rispetto al 2016. e hanno riguardato prevalentemente gli esercizi commerciali (90 mila casi) e i locali/esercizi pubblici (59 mila casi). Tra le altre categorie seguono i furti ai distributori di carburante con 1.130 casi, seguiti dai furti in farmacia (1.021).



Dati parziali 2018: alert su furti in farmacia
Durante il Convegno organizzato da OSSIF “Stati Generali della Sicurezza”, Maria Teresa Sgaraglia, dirigente superiore della polizia di Stato, responsabile del servizio analisi criminale del Ministero dell’Interno, ha illustrato i dati provvisori del 2018 su furti e rapine. Dalle notizie fornite dal ministero è emerso un dato preoccupante: mentre la tendenza in tutti gli altri settori e a livello generale è quella di una progressiva diminuzione dei reati predatori, nel corso del 2018 solo in farmacia c’è stato un aumento dei furti. Questo dato conferma quanto già noto, per esperienza diretta, ai colleghi che purtroppo stanno subendo furti con scasso a farmacia chiusa come anche la cronaca di questi giorni sta dimostrando.


Furti in farmacia


Notizie correlate

27/11/2018

Farmacie romane vittime della banda del buco, Contarina alle forze dell’Ordine: “Prendeteli”

Una rapina al mese di media, venticinque rapine nell’ultimo anno e mezzo, con una media di una al mese, che nei periodi più intensi diventano una a settimana. Tutte partono nello stesso identico modo: una voragine nel pavimento o nel muro. Da qui...
15/11/2018

Rapinatore di farmacie, condannato a 8 anni di reclusione e riconoscimento del danno morale per Federfarma Roma

Altra severa sentenza nei confronti di un malvivente accusato di più rapine a danno di farmacie: nell’udienza dello scorso 13 novembre l’imputato è stato condannato alla pena di anni 8 di reclusione e a Federfarma Roma, che nel procedimento si era...
28/09/2018

Milano, primo arresto con tecnologia di riconoscimento facciale: era rapinatore seriale di farmacie

Primo arresto a Milano grazie alla tecnologia Sari (Sistema automatico riconoscimento immagini), il sistema che permette di riconoscere, tramite le immagini delle telecamere...
12/09/2018

Federfarma audita su Ddl legittima difesa, Cossolo: “Farmacie prese di mira, serve certezza della pena”

C’è stata ieri l’audizione di Federfarma in commissione Giustizia del Senato sul Ddl in materia di legittima difesa. “Abbiamo rappresentato - ha spiegato il presidente...
29/08/2018

Dall’Italia alla Germania, il business delle mafie sui farmaci rubati

Rubano farmaci in Italia, soprattutto costosi e redditizi oncologici, per poi rivenderli in altri Paesi dell’Ue. È l’affare miliardario delle mafie, alimentato da azioni su commissione più o meno spettacolari, come l’assalto armato a un tir sull’A16 dello scorso 4 luglio...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni