Aggiornamenti sulla manovra finanziaria: espunto l’emendamento che riservava il 51% del capitale sociale a farmacisti

06/12/2018 09:48:15
Si forniscono aggiornamenti sul destino dell’emendamento alla manovra che prevedeva una modifica alla legge sui capitali in farmacia, riservando il limite minimo del 51% del capitale sociale e dei diritti di voto ai farmacisti iscritti all’Albo. Nella tarda serata di ieri si è, infatti, avuta notizia che, su richiesta del PD, il presidente della Camera Roberto Fico ha espunto l’emendamento in questione, poiché giudicato di natura "ordinamentale" e, pertanto, non ammissibile nel contesti della legge di Bilancio. Nulla cambia invece per le altre proposte che riguardano le farmacie e, in particolare, quelle sul metodo di calcolo dei fatturati di riferimento per l’applicazione degli sconti agevolati Ssn e sull’esonero dagli sconti per le piccole farmacie, con fatturato Ssn inferiore a 15O mila euro.

Notizie correlate

16/04/2019

Capitali in farmacia, Grillo: mi impegno ad abolire norma. Trizzino: entro l’estate approvato nuovo testo

Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha ribadito tutto il suo impegno per abolire la norma del precedente governo che consegna la proprietà delle farmacie alle multinazionali...
07/02/2019

Capitali in farmacia, il M5S ribadisce il suo no. Chiazzese: la vera lobby sono le multinazionali

Ingresso dei capitali in farmacia, futuro della professione e farmacia di servizi. Sono questi i temi cardine al centro dell’intervista di Giuseppe Chiazzese, deputato del Movimento...
11/12/2018

Proprietà farmacie, Federfarma dopo le dichiarazioni di Grillo: “Essenziale maggioranza farmacisti nella compagine sociale”

 Dopo il post su facebook della ministra della Salute, Giulia Grillo, contro la svendita delle farmacie alle multinazionali, Federfarma ha ribadito di condividere pienamente le ragioni espresse dal ministro in favore di una norma che garantisca che nelle...
07/12/2018

Proprietà farmacie: essenziale prevedere maggioranza farmacisti nella compagine sociale

Federfarma condivide pienamente le ragioni espresse dal ministro della Salute Giulia Grillo in favore di una norma che garantisca che nelle società di capitali proprietarie di farmacie il 51% della compagine sociale sia costituito da farmacisti iscritti all’Albo. Questo indipendentemente da dinamiche politiche estranee al sindacato...
07/12/2018

Manovra, ministro Grillo: "Il governo sta dalla parte dei farmacisti"

"Il principio per cui nelle farmacie italiane il 51% del capitale di gestione dev'essere rappresentato da farmacisti iscritti all'albo e' per me fondamentale: si tratta di un argine al rischio di strapotere delle societa' di capitale internazionali...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni