Il trapianto di batteri intestinali cura la colite ulcerosa

17/01/2019 15:35:12
Il trapianto di microbiota (ovvero l'insieme dei batteri intestinali, estratto e purificato dalle feci di individui sani) è efficace nella cura della colite ulcerosa, una malattia intestinale caratterizzata da infiammazione cronica delle pareti dell'intestino e vede tra i sintomi più comuni i dolori addominali e la diarrea.

La dimostrazione arriva da uno studio clinico (eseguito con 'tutti i crismi', confrontando la terapia con un placebo) condotto tra University of Adelaide, South Australian Health and Medical Research Institute (SAHMRI), e altre istituzioni australiane.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA e mostra le prospettive di usare questo nuovo approccio terapeutico come alternative ai farmaci che, nel caso della colite ulcerosa possono sì portare il paziente in remissione, ma con l'effetto collaterale di abbassarne molto le difese immunitarie.

Il trapianto di microbiota è già oggi in uso clinico contro le diarree croniche di origine batterica (da Clostridium): si effettua purificando il pool di batteri intestinali dalle feci di donatori sani e trapiantandolo nell'intestino del paziente. In questo lavoro 72 pazienti con colite sono stati divisi in due gruppi: a uno è stato trapiantato il microbiota di donatori sani (gruppo di intervento), all'altro (gruppo placebo) il proprio microbiota, senza che nessun paziente sapesse quale terapia avrebbe ricevuto.

Ebbene, dopo il trapianto il 32% dei pazienti nel gruppo di intervento è andato in remissione contro il 9% del gruppo placebo. Questi risultati sono assolutamente in linea con quelli offerti dalle terapie oggi disponibili per la colite ulcerosa, fanno notare gli autori del lavoro. Il prossimo passo sarà giungere allo sviluppo di 'pillole di microbiota' da somministrare per bocca in sostituzione del trapianto che in questo studio ha richiesto, invece, una colonscopia, concludono gli autori. (ANSA)

Ultime notizie

22/01/2021

Dal 30 gennaio la ricetta bianca diventa elettronica. La circolare Federfarma

Con il decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 dicembre scorso che entrerà in vigore il prossimo 30 gennaio, anche la ricetta bianca diventa elettronica. In modo simile a quanto già accade per la 'ricetta rossa' relativa a farmaci acquistabili in farmacia e a carico del servizio sanitario, il decreto istituisce...
22/01/2021

Vaccino covid-19, le Agenzie regolatorie rispondono alle domande più frequenti

Per aiutare gli operatori sanitari a rispondere alle domande più frequenti relative al vaccino Covid, la Coalizione internazionale delle agenzie regolatorie dei farmaci (Icmra) e l'Agenzia europea del farmaco (Ema)...
22/01/2021

Ricette Ssn in diminuzione del 7% tra gennaio e agosto 2020, tutti i numeri del report di Aifa

Secondo i dati riportati da Aifa nel Rapporto sulla spesa farmaceutica, nel periodo gennaio-agosto 2020 le ricette Ssn prescritte dai medici sono calate di oltre il 7%, con decrementi ancora più importanti in alcune...
22/01/2021

Traffico illecito di sostanze dopanti, operazione dei Nas in tutta Italia

Un consolidato sistema finalizzato al traffico di sostanze dopanti e anabolizzanti, anche a effetto stupefacente, operativo in tutto il territorio nazionale e con legami commerciali anche all’estero. A stroncarlo...
21/01/2021

Tg Federfarma Channel – Edizione del 22 gennaio

In questo numero:
  • La ricetta bianca diventa digitale. Dal 30 gennaio al via la dematerializzazione;
  • Coronavirus, diminuiscono contagi e decessi grazie a zona rossa di Natale. Gimbe su vaccini: “È caos per forniture”;
  • Vaccino anti-Covid, le risposte delle Agenzie regolatorie ai dubbi più frequenti;
  • Ricette Ssn, diminuzione del 7% tra gennaio e agosto 2020. Il report dell’Aifa


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni