Indisponibilità farmaci, Federfarma chiede un cambio di passo al Tavolo Aifa

08/02/2019 09:18:23
Non ci sono dubbi sul fatto che il problema delle indisponibilità dei farmaci, pur con diversa intensità negli ultimi anni, rappresenti un costante aggravamento del lavoro quotidiano delle farmacie. È per questo che Federfarma, pur apprezzando il lavoro sin qui svolto dal Tavolo diretto da Aifa, e al quale sono delegati dall’Associazione Daniele Dani e Pasquale D’Avella, ha ritenuto di proporre nuovi stimoli e nuovi proposte operative per i prossimi incontri, inviando una nota all’Agenzia Italiana del Farmaco, da quest’ultima, trasmessa a tutte le sigle del Tavolo.

Federfarma ha posto l’accento sulla necessità di una maggiore sensibilizzazione del ruolo e dei compiti che spettano alle Regioni, a partire dalla necessità di prevedere criteri rigorosi per il rilascio delle autorizzazioni per la distribuzione all’ingrosso e per i successivi controlli periodici sull’operato delle aziende, accanto alla necessità di adottare procedure quanto più possibile condivise e uniformi per la segnalazione dei farmaci indisponibili da parte delle farmacie, al fine di rendere più immediati ed efficaci le azioni di controllo ed eventuale sanzione da parte degli organi preposti a tali attività. Sul tema delle segnalazioni dei farmaci mancanti da parte delle farmacie, Federfarma si è già attivata con delle proposte operative sottoposte al vaglio del Tavolo.
Il cambio di passo chiesto da Federfarma a tutte le componenti del Tavolo sull’indisponibilità dei farmaci, si basa sul metodo della condivisione, tanto dei problemi quanto delle soluzioni, “in quanto – scrive Federfarma - si è dimostrato l’unico approccio possibile su questo terreno che vede coinvolte, a vario titolo, organizzazioni eterogenee ma tutte in grado di fornire il proprio contributo per risolvere o circoscrivere il problema in oggetto”.
Un punto su cui il sindacato dei titolari sta cercando di intervenire è quello di superare l’attuale modello con cui le farmacie comunicano alle Regioni la carenza dei medicinali. È stato il presidente di Federfarma Verona, Marco Bacchini, a spiegare in conference call con Aifa, la proposta di cambiamento che prende ad esempio il ‘modello Bolzano’.

“Federfarma Bolzano ha messo a punto una piattaforma di comunicazione che agevola non poco l’attività del farmacista. Ero venuto a conoscenza – spiega Bacchini - di questa innovazione e ho interessato Federfarma nazionale, che a sua volta ha coinvolto Aifa, affinché si valuti con attenzione questa possibilità. L’auspicio è che possa diventare uno strumento nazionale a disposizione delle farmacie di tutto il Paese. Attendiamo la valutazione dell’Aifa che, se sarà positiva, ci permetterà di essere a buon punto. L’Agenzia avrebbe individuato come regione pilota proprio il Veneto, per poi diffonderlo su tutto il territorio nazionale. Anche la Sifo sta sviluppando una piattaforma simile, ed è per questo che siamo in contatto con loro”.
Rossella Gemma

Notizie correlate

29/01/2020

Carenze farmaci, il Pgeu sulla situazione europea. Nocentini: “Faremo pressing sulle autorità europee"

Sono dati che non lasciano spazio a dubbi, quelli dell'indagine PGEU Medicine Shortages 2019, sulla carenza dei farmaci nei Paesi europei. Tutti gli interpellati, infatti, hanno...
14/01/2020

Carenze farmaci, interrogazione al Parlamento europeo. Tobia: “al lavoro con Aifa per trovare una soluzione”

“In Germania le compagnie che propongono assicurazioni sanitarie stanno incoraggiando le farmacie a sostituire i medicinali soggetti a prescrizione con prodotti analoghi...
11/11/2019

Farmaci, in aumento carenze in Europa. Al via indagine dei farmacisti ospedalieri

Al via un'indagine europea sulle  carenze di medicinali, che consentirà, fino al 13  gennaio 2020, di raccogliere informazioni anche dagli operatori sanitari che lavorano in...
05/11/2019

Carenze, manca medicinale Parkinson. Aifa blocca le esportazioni

A seguito dello stato di carenza del medicinale Ongentys, impiegato per il trattamento del Parkinson, l'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha deciso di bloccare le esportazioni del medicinale e invita i medici a razionalizzarne l'uso. A comunicarlo e' l'ente regolatorio, con una nota pubblicata sul portale...
23/10/2019

Carenza di farmaci per il Parkinson, c'è un nuovo caso, la denuncia di Fondazione Limpe e Accademia Limpe-Dismov

La Fondazione LIMPE per il Parkinson Onlus e l'Accademia LIMPE-DISMOV "sono pronte a gestire la crisi provocata dalla carenza di un nuovo farmaco per la cura della malattia di Parkinson come reso noto sul sito dell'Agenzia italiana del farmaco Aifa". Così Pietro Cortelli, presidente della Fondazione LIMPE, e Leonardo Lopiano, presidente dell'Accademia LIMPE-DISMOV...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni