Sileri (Commissione Igiene e Sanità) annuncia ddl. Nuovo concorso e valorizzazione della professione di farmacista i punti centrali

01/03/2019 14:11:50
Ribadire la centralità della farmacia, ripensare le parafarmacie, valorizzare la professione di farmacista e bandire un nuovo concorso. Sono questi i punti salienti del disegno di legge, “più che una bozza al momento”, che il presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato Pierpaolo Sileri, ha annunciato alla nutrita platea di farmacisti convenuti agli Stati Generali della Farmacia resi possibili dal supporto organizzativo di Edra e dal contributo non condizionato di Mylan. “Un disegno di legge” ha spiegato Sileri “pensato per accontentare un po’ tutti e per modificare alcuni aspetti qualificanti della complessa disciplina che regola il servizio farmaceutico”. Il presidente della Commissione Igiene e Sanità ha illustrato gli aspetti chiave del Ddl in attesa di essere depositato.

Per cominciare “ribadire centralità della farmacia vero e proprio esercizio di prossimità nella dispensazione del farmaco e nell’erogazione di servizi, confermando” ha detto tra gli appalusi “l’istituto della pianta organica delle farmacie e utilizzando le sedi farmaceutiche istituite e non ancora aperte nei luoghi ad alto flusso di pubblico e quelle ancora non assegnate anche a seguito dell’ultimo concorso straordinario per le quali sarà necessario bandire un nuovo concorso straordinario”. Il secondo punto del Ddl prevede, spiega Sileri di “ripensare l’attuale esperienza della parafarmacia istituendo la possibilità che alcuni farmaci, definiti in un’apposita lista dall’Aifa, siano venduti sia negli esercizi di vicinato che nella Gdo senza la presenza obbligatoria del farmacista”.

Quindi, ha continuato il senatore del Movimento 5 stelle “valorizzare la professione di farmacista, ampliandone l’attività a tutela del diritto alla salute in contesti peculiari e comunque” ha aggiunto “in ogni contesto in cui vengano dispensati farmaci”. Il senatore Sileri ha poi precisato come il nuovo concorso dovrà essere riservato “ai titolari di rurali e sovranumerarie nonché agli attuali titolari di parafarmacie” ribadendo anche “l’incompatibilità tra titolarità di farmacie e di esercizi di vicinato”. Infine il presidente della Commissione Igiene e Sanità ha “lanciato” la figura del farmacista di reparto “fondamentale negli ospedali, nelle case di cura e nelle Rsa. Luoghi dove il farmacista può rappresentare una garanzia indispensabile”. Il Ddl è pressoché completo, ha detto in conclusione Sileri “deve iniziare il suo iter e sicuramente aggiungerà qualcosa al Servizio sanitario nazionale”.

Notizie correlate

05/06/2020

Farmacista oncologico territoriale, una nuova figura per la presa in carico dei pazienti fragili

Il farmacista oncologico territoriale come figura professionale nuova per dare risposte concrete ai bisogni dei pazienti. L'identikit delle competenze e l'analisi delle opportunità legate alla sua integrazione a pieno titolo nella rete di assistenza ai malati, sono i contenuti di 'OncoCare - Networking in oncologia'...
28/05/2020

Minacce a Sileri, attivata la scorta. La solidarietà dei farmacisti al ministro

Minacce da colletti bianchi e una serie di pressioni con tentativi di corruzione ricevute per la sua attività politica e la destinazione dei fondi pubblici per l'emergenza coronavirus...
18/05/2020

Farmacisti comunitari a supporto di pazienti e sistemi sanitari durante COVID-19, il Pgeu ne ricorda l’impegno

Dall'inizio della crisi del COVID-19 i farmacisti hanno lavorato con instancabile impegno e determinazione per garantire ai pazienti un accesso continuo ai trattamenti. Sono stati...
31/01/2020

Preservativi, Sileri: “Utile favorire la pubblicità togliendo l’obbligo di autorizzazione ministeriale”

“La pubblicità dei profilattici viene regolarmente autorizzata dal ministero della Salute e in tutti i messaggi pubblicitari approvati viene imposto di riportare la frase...
17/01/2020

Consulta delle professioni sanitarie, ieri la prima riunione. Speranza: “Con l’ascolto e il confronto si governa meglio”

“Con l’ascolto e il confronto si governa meglio”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha twittato in merito alla prima riunione di insediamento della Consulta permanente delle professioni sanitarie, tenutasi ieri. Programmazione della spesa sanitaria, rapporto ospedale-territorio, sanità digitale e formazione, i temi affrontati...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni