Scompenso cardiaco, malattia over 65 spesso sottovalutata

14/03/2019 14:28:25
In Italia sono oltre 600 mila le persone con diagnosi di scompenso cardiaco e il numero cresce fino a 3 milioni considerando le forme latenti. Si tratta in diversi casi di over 65. In media alla diagnosi l'età è di 76 anni. Secondo gli specialisti è una patologia sottovalutata.

«Non desta, erroneamente, particolare preoccupazione e lo si sottovaluta - spiega Francesco Vetta, cardiologo e aritmologo presso le case di cura Paideia e Mater Dei di Roma - al contrario, la percezione che si ha verso il tumore e le sue varie forme è di gran lunga maggiore. Questo "gap culturale" dipende dalla scarsa informazione. Eppure la mortalità nello scompenso cardiaco è molto più alta: circa il 50% dei pazienti, a distanza di 4-5 anni, muore».

Questo e altri temi verranno affrontati al 14° Congresso di Cardiogeriatria, organizzato da Sigot, Società Italiana di Geriatria Ospedale e Territorio. Lo scompenso cardiaco consiste in un'alterazione della struttura e della funzione cardiaca che provoca un'insufficiente funzione di pompaggio del cuore. Le conseguenze sono affanno, gonfiore agli arti inferiori, ridotta tolleranza allo sforzo, affaticamento.

La condizione può aggravarsi fino a portare all'edema polmonare acuto e alla morte. Dopo i 65 anni rappresenta la prima causa di ricovero in ospedale. La prevalenza passa dal 2% tra i 40 e 59 anni, al 5% tra i 60 ed i 69 anni, raggiungendo il 10% oltre i 70 anni. La spesa ospedaliera annua per questa malattia è di 570 milioni di euro, quella complessiva di 780 milioni. Accanto alla terapia farmacologica, migliorata, vi è anche la possibilità di impianto di defibrillatori e pacemaker.

«Chi soffre di scompenso è particolarmente esposto al rischio di morte improvvisa, con percentuali superiori al 50% dei casi - aggiunge Vetta - un defibrillatore può interrompere le aritmie ventricolari ove necessario, salvando la vita. Purtroppo, l'accesso riguarda ad oggi solo il 35-40% dei pazienti». (ANSA)

Ultime notizie

09/07/2020

Indagine sieroprevalenza, farmacie impegnate come principale presidio sanitario

Continua l’indagine di sieroprevalenza dell’infezione da virus SARS-CoV-2 avviata dal ministero della Salute e Istat, con la collaborazione della Croce Rossa Italiana, per mappare la situazione epidemiologica del Paese. Si tratta di un’importante iniziativa di carattere epidemiologico alla quale Federfarma ha garantito la propria collaborazione, nell’ottica di valorizzare il ruolo della farmacia anche su questo fronte...
09/07/2020

Tg Federfarma Channel – Edizione del 9 luglio

In questo numero: Indagine sieroprevalenza, farmacie impegnate come principale presidio sanitario; Banco Farmaceutico dona 500 confezioni di disinfettanti al Banco Alimentare del Veneto e al Cesaim; Federfarma Emilia Romagna e Toscana rinnovano le cariche del direttivo; Epilessia, vademecum Lice per vacanze sicure
09/07/2020

Banco Farmaceutico dona 500 confezioni di disinfettanti al Banco Alimentare del Veneto e al Cesaim

Banco Farmaceutico, grazie ad una donazione di Aboca, ha consegnato 500 confezioni di soluzione disinfettante mani (pari a un valore di 2.000 euro) al Cesaim, (Centro salute immigrati) di Verona. Il Cesaim, di comune accordo con Banco Farmaceutico, ha deciso di condividere la donazione, consegnandone 200 confezioni all’Associazione Amici del Banco Alimentare del Veneto onlus con sede a Verona...
09/07/2020

Federfarma Emilia Romagna e Toscana rinnovano le cariche del direttivo

A seguito delle votazioni del 9 giugno 2020 per il rinnovo della cariche locali ecco come saranno composti gli Organi  Direttivi della Federfarma Emilia Romagna e della Federfarma Toscana per il triennio 2020/2023, il comitato esecutivo è così composto: Achille Gallina Toschi come presidente, Roberto Laneri come vice presidente. In veste di segretario c’è Alberto Lattuneddu e come tesoriere Roberto Deluigi. I sei consiglieri eletti sono...
09/07/2020

Farmaci per epilessia, vademecum Lice per vacanze sicure

Assumere i farmaci alla stessa ora ed evitare alterazioni del ciclo sonno-veglia. Queste le principali raccomandazioni per chi è affetto da epilessia e vuole godersi una vacanza in serenità suggerite dalla Lega Italiana Contro l'Epilessia (LICE). Viaggiare in sicurezza significa evitare l'esposizione a quei fattori di rischio in grado di scatenare le crisi epilettiche. "La maggior parte delle persone affette da epilessia può partire in vacanza senza particolari restrizioni, ad eccezione...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni