Scompenso cardiaco, malattia over 65 spesso sottovalutata

14/03/2019 14:28:25
In Italia sono oltre 600 mila le persone con diagnosi di scompenso cardiaco e il numero cresce fino a 3 milioni considerando le forme latenti. Si tratta in diversi casi di over 65. In media alla diagnosi l'età è di 76 anni. Secondo gli specialisti è una patologia sottovalutata.

«Non desta, erroneamente, particolare preoccupazione e lo si sottovaluta - spiega Francesco Vetta, cardiologo e aritmologo presso le case di cura Paideia e Mater Dei di Roma - al contrario, la percezione che si ha verso il tumore e le sue varie forme è di gran lunga maggiore. Questo "gap culturale" dipende dalla scarsa informazione. Eppure la mortalità nello scompenso cardiaco è molto più alta: circa il 50% dei pazienti, a distanza di 4-5 anni, muore».

Questo e altri temi verranno affrontati al 14° Congresso di Cardiogeriatria, organizzato da Sigot, Società Italiana di Geriatria Ospedale e Territorio. Lo scompenso cardiaco consiste in un'alterazione della struttura e della funzione cardiaca che provoca un'insufficiente funzione di pompaggio del cuore. Le conseguenze sono affanno, gonfiore agli arti inferiori, ridotta tolleranza allo sforzo, affaticamento.

La condizione può aggravarsi fino a portare all'edema polmonare acuto e alla morte. Dopo i 65 anni rappresenta la prima causa di ricovero in ospedale. La prevalenza passa dal 2% tra i 40 e 59 anni, al 5% tra i 60 ed i 69 anni, raggiungendo il 10% oltre i 70 anni. La spesa ospedaliera annua per questa malattia è di 570 milioni di euro, quella complessiva di 780 milioni. Accanto alla terapia farmacologica, migliorata, vi è anche la possibilità di impianto di defibrillatori e pacemaker.

«Chi soffre di scompenso è particolarmente esposto al rischio di morte improvvisa, con percentuali superiori al 50% dei casi - aggiunge Vetta - un defibrillatore può interrompere le aritmie ventricolari ove necessario, salvando la vita. Purtroppo, l'accesso riguarda ad oggi solo il 35-40% dei pazienti». (ANSA)

Ultime notizie

27/01/2020

Povertà sanitaria minorile, Pagliacci: farmacisti attenti alle difficoltà sociali

La povertà sanitaria minorile è un fenomeno complesso, di difficile perimetrazione e spesso sfuggente perché diverse sono le determinanti, gli attori coinvolti e le implicazioni relative. Se ne è parlato durante il convegno di ieri al ministero della Salute, organizzato dalla Fondazione Rava, analizzando i principali risultati emersi da una Ricerca realizzata dalla Fondazione...
27/01/2020

Speranza, “Farmacie presidio strategico per salute. Non solo distribuzione farmaci, ma anche prenotazione visite e analisi di prima istanza”

"La capillare rete delle farmacie rappresenta un presidio strategico per la salute dei cittadini. Per questo abbiamo stanziato oltre 50 milioni di euro per estendere a tutta Italia il progetto della 'farmacia dei servizi'". E’ un ulteriore messaggio di stima per la rete delle farmacie, quello arrivato ieri dal ministro della Salute, Roberto Speranza, commentando l'iniziativa 'In...
27/01/2020

Tg Federfarma Channel – Edizione del 25 gennaio

In questo numero: Speranza, “Farmacie presidio strategico per salute. Non solo distribuzione farmaci, ma anche prenotazione visite”; Povertà sanitaria minorile, Pagliacci: farmacisti attenti alle difficoltà sociali;
Prestazioni sanitarie sempre più vicine ai cittadini, accordo tra Azienda USL Romagna e farmacie. Gallina Toschi: Raggiunta omogeneità di trattamento; Cessione di medicinali da parte dei veterinari. Le precisazioni ministeriali
27/01/2020

Prestazioni sanitarie sempre più vicine ai cittadini, accordo tra Azienda USL Romagna e farmacie. Gallina Toschi: Raggiunta omogeneità di trattamento

Prestazioni sanitarie sempre più “vicine” ai cittadini, grazie alla rinnovata collaborazione tra Azienda USL della Romagna e Associazioni delle Farmacie del territorio romagnolo, sancita da una nuova Convenzione , sottoscritta alla presenza del Direttore sanitario Stefano Busetti, del Direttore della Unità operativa “Piattaforma amministrativa” di Rimini Mirella Fantinelli e...
27/01/2020

Cessione di medicinali da parte dei veterinari. Le precisazioni ministeriali

Il Ministero della Salute ha fornito precisazioni in ordine alla cessione di medicinali veterinari da parte dei medici veterinari, secondo quanto previsto dall’art. 84, comma 3, del d.lgs...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni