Farmaci: rallenta la salita degli equivalenti, è boom dei biosimilari. I dati di mercato aggiornati

19/03/2019 09:07:51
Continua la lenta diffusione dei farmaci equivalenti mentre i biosimilari, ovvero i biologici senza brevetto, registrano un vero e proprio boom con un aumento del 53% in un anno. Questi i dati contenuti nel Report annuale 2018, realizzato dal Centro Sudi Assogenerici su dati Iqvia. Gli equivalenti nel 2018 hanno assorbito il 22,23% del mercato a confezioni (+0,76% sul 2017) e il 13,8% del mercato a valori (+1,4% sul 2017) nel canale farmacia. Un giro d'affari quasi esclusivamente a carico del Servizio Sanitario Nazionale, con 9 confezioni su 10 totalmente rimborsabili. Questo a fronte di una nuova generale contrazione del mercato di classe A nel canale farmacia: le confezioni rimborsate sono diminuite infatti del -0,9% rispetto al 2017 e la spesa del -3,8%, una riduzione soprattutto a carico di medicinali ancora coperti da brevetto.
Per quanto riguarda i consumi per aree geografiche, il ricorso agli equivalenti continua a salire al Nord (36,8% a unita' e 27,8% a valori), piu' lentamente al Centro (27,2% a unita'; 21,1% a valori) e al Sud (21,9% a unita' e 16,8% a valori). Inalterata anche l'inclinazione ai consumi nelle singole Regioni: in testa la Provincia Autonoma di Trento, dove e' off patent l'83,5% delle unita' dispensate dal SSN in classe A. Seguono a stretto giro Lombardia, Emilia Romagna. All'estremo opposto, la Calabria. Spiccano il volo, nel 2018, i biosimilari, molecole simili a farmaci biologici (ovvero non prodotti sinteticamente, ma all'interno di sistemi viventi come le cellule) gia' autorizzati per uso clinico. I biosimilari in commercio in Italia sono saliti da 8 a 12 e hanno assorbito il 17% dei consumi contro l'83% detenuto dai corrispondenti originator, registrando una crescita dei consumi del 53,7% rispetto al 2017. A registrare il maggior consumo sono la Valle d'Aosta e il Piemonte con una incidenza dei biosimilari del 50,21% sul mercato complessivo di riferimento. Seguono Emilia Romagna e Toscana. Fanalini di coda Umbria (5,31%) e Puglia (6,94%).

Notizie correlate

12/12/2019

Mercato off patent, Assogenerici: generici in crescita lenta: Biosimilari + 109%

I primi nove mesi del 2019 confermano il trend di decrescita dei consumi in farmacia registrato nei primi mesi dell’anno: da gennaio a settembre la spesa farmaceutica...
06/12/2019

Farmaci equivalenti, documento Ue sottolinea il ruolo delle farmacie nel favorire la diffusione

Nel documento della Commissione Europea “State of Healt in the EU”, per la parte relativa al profilo della sanità italiana per l’anno 2019, viene posta l’attenzione sull’uso dei farmaci generici nel nostro Paese che risulterebbe nettamente inferiore alla media dell’UE. A sottolinearlo in un intervento Federfarma precisando come nel documento si sostiene che...
25/11/2019

Biosimilari, al congresso Sif presentati i dati sull’utilizzo. Il mercato stenta a decollare

Un mercato che stenta a decollare a livello europeo (l’Italia risulta agli ultimi posti) e che porta alla luce un problema che va avanti da tempo: il sottotrattamento...
20/11/2019

Farmaci equivalenti, Nicolosi (Federfarma Catania): farmacista e medico in sinergia per favorire la diffusione

Due gli elementi fondamentali per far crescere in Italia e sul territorio il farmaco equivalente: il medico di famiglia e una comunicazione corretta. A ribadirlo è stato il convegno...
24/06/2019

Assogenerici. Rapporto farmaceutica I trimestre 2019: boom dei biosimilari, avanzano anche gli equivalenti

Nel primo trimestre 2019 la spesa farmaceutica nel canale delle farmacie aperte al pubblico è ammontata a un totale di 2,757 milioni di euro per un totale di 491,6 milioni di...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni