E-commerce farmacie italiane, +60% nel 2018. Prodotti da banco di automedicazione e integratori in vetta

15/05/2019 09:43:42
Prende il volo l'e-commerce delle farmacie italiane: nel 2018 il valore delle vendite online di farmaci da banco, integratori, dietetici e cosmetici è stato di circa 154,5 milioni di euro, con un'accelerazione di oltre il 60% sui 96 milioni del 2017. Secondo le previsioni di Iqvia, il mercato italiano crescerà a tripla cifra arrivando nel 2020 a 315 milioni di euro.

Se queste stime saranno confermate, l'Italia diventerà il terzo mercato europeo nel 2020, dopo la Germania e la Francia. Ma quali sono i prodotti online più gettonati in Italia? Il comparto che registra più vendite (42% del mercato) è quello dei prodotti da banco di automedicazione e degli integratori (vitamine, minerali, probiotici) che insieme rappresentano una crescita di circa il 58% a 65,5 milioni di euro. Mentre il comparto dei prodotti per la cura personale - creme, cosmetici, igiene personale - si attesta a 51,2 milioni di euro (+38%) nel 2018. Grande risultato online anche per i prodotti nutrizionali - latte in polvere, alimenti dietetici o senza glutine - le cui vendite aumentano del 138%, arrivando a 21 milioni. Pure il mercato dei parafarmaci, con siringhe, termometri, dispositivi medici, è cresciuto molto online nel 2018 arrivando a 13,6 milioni di euro (+97%). Il principale fattore che spinge il consumatore all'e-commerce è sicuramente il prezzo - dicono gli esperti di Iqvia - ma ci sono anche altri parametri che influenzano la decisione: per esempio per alcuni è importante la riservatezza, poi gioca un ruolo importante la comodità di fare shopping 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana senza dover uscire di casa. Elemento non trascurabile specialmente se si ha l'influenza.

Attualmente in Italia sono 804 le farmacie e parafarmacie autorizzate dal Ministero della Salute a vendere i prodotti su internet. Di queste la maggioranza sono in Lombardia (114), Piemonte (108) e Campania (118). Tuttavia, secondo i dati di Iqvia, sono 132 i punti vendita online più attivi. Nel nostro Paese, come in Francia e Spagna, è permesso vendere online soltanto i prodotti senza prescrizione medica (farmaci da banco, integratori, creme e cosmetici). Mentre in Germania, Regno Unito e Paesi scandinavi, è possibile distribuire anche il farmaco su prescrizione.
Per il prossimo anno si prevede che in Europa le vendite totali di prodotti farmaceutici online toccheranno i 6,5 miliardi di euro, contro i 2,5 miliardi registrati nel 2018.
 

Notizie correlate

30/07/2019

Integratori curcuma, il ministero annuncia avvertenze in etichetta su alterazioni epatiche

Il ministero della Salute annuncia novità in arrivo sulle etichette degli integratori a base di curcuma. Dopo che le analisi effettuate sui campioni dei prodotti correlati ai casi di epatite...
21/06/2019

Ricerca Censis. 32 milioni di italiani consumano integratori alimentari. Farmacisti riferimenti nella scelta

Sono 32 milioni gli italiani che usano integratori alimentari, si tratta di un consumo di massa trasversale rispetto a genere, età, livello di scolarità, territorio di residenza e condizione economica. Ad accomunare le scelte di usare gli integratori alimentari da parte di tante persone diverse è il contributo che viene da questi prodotti...
11/06/2019

Integratori alla curcuma, Iss avverte: salgono a 19 i casi di epatite acuta

Non si fermano le segnalazioni di casi di epatite colestatica acuta collegate al consumo di integratori a base di curcuma. L'ultimo aggiornamento sul sito del ministero della Salute...
28/05/2019

Epatite da integratori, Iss: casi in crescita. Accertato nesso con curcumina

 "Abbiamo ricevuto segnalazioni di altri due casi di epatite da curcumina. E c'è ormai certezza del nesso tra la sostanza e l'evento avverso - epatite colestatica acuta...
09/05/2019

E-commerce, il comparto della salute cresce. Tobia: “Monitoriamo costantemente farmacie on line”

In Italia il giro d'affari generato dalle vendite on line nel 2018 è stato di 41,5 miliardi di euro, il 18% in più rispetto all'anno precedente. Gli italiani che acquistano sul web...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni