Carenze farmaci, la strategia Pgeu in cinque punti. Tobia: serve impegno dei governi europei

20/05/2019 09:15:05
“Non possiamo che essere soddisfatti delle posizioni assunte dal Pgeu, al quale anche Federfarma aderisce, che dando continuità al position paper sulle carenze dei farmaci è intervenuto declinando cinque punti sui quali i governi europei dovrebbero impegnarsi per limitare, se non eliminare, il fastidioso fenomeno del parallel trade”. Così il segretario di Federfarma e presidente di Federfarma Palermo, Roberto Tobia commenta il recente intervento del Gruppo farmaceutico dell’Unione europea in merito alle carenze e al mancato accesso dei pazienti ai farmaci.
 
Il Pgeu nel suo intervento declinato in cinque punti chiede per prima cosa che quando gli Stati varano interventi legislativi, politiche e programmi nazionali che possono influenzare tempestività e adeguatezza dell’offerta di farmaci, si mettano al primo posto le esigenze dei pazienti e si assicuri l’effettiva conformità di tali iniziative alle leggi Ue e nazionali relative sugli obblighi di servizio pubblico.

Poi, che quando la disponibilità di medicinali scarseggia, si allarghino i confini della pratica farmaceutica in modo che i farmacisti possano utilizzare le loro competenze e conoscenze per gestire al meglio la cura del paziente.
Si chiede poi che si stabiliscano canali di comunicazione efficaci tra tutti gli attori della filiera farmaceutica e le autorità nazionali competenti, in modo che le informazioni riguardanti una prossima carenza di farmaci siano fornite tempestivamente a tutti gli attori.
Per le carenze di medicinali che hanno un impatto economico su pazienti e operatori sanitari, si chiede di prevedere compensazioni sotto forma di rimborso o remunerazione.
Infine, il Pgeu chiede che si sviluppino sistemi di governance efficaci per migliorare la segnalazione, il monitoraggio e la comunicazione sulle carenze di farmaci. “È necessaria – si legge nel comunicato - una stretta collaborazione tra gli Stati membri dell’Ue e l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) nonché modelli di collaborazione strutturali, tempestivi e trasparenti tra le parti della filiera di approvvigionamento e le autorità nazionali competenti, per aumentare l’efficienza e l’efficacia delle pratiche di notifica e valutazione e per autorizzare i farmacisti a ridurre l’impatto delle carenze sui pazienti”.

Contro il dilagante fenomeno delle carenze urgono azioni politiche coordinate e concrete anche a livello di Unione europea, per garantire la disponibilità di medicinali, migliorare la comunicazione e la cooperazione tra gli attori della filiera e le autorità nazionali, sostenere le farmacie del territorio perché siano in condizione di fornire soluzioni ai pazienti. Va in questa direzione l’emendamento approvato nell’ambito dell’esame del cosiddetto Decreto Calabria per porre un argine al fenomeno delle esportazioni parallele e sul quale Tobia esprime la sua soddisfazione.
“Non possiamo che essere d’accordo con l’emendamento presentato nel Dl Calabria, con il quale si pone un argine al fenomeno delle esportazioni parallele che anche in Italia dà grossissimi problemi alla cittadinanza. Accogliamo con soddisfazione questo emendamento sostenuto, peraltro dal ministro Giulia Grillo, che pone un argine a fenomeno dilagante” conclude il segretario di Federfarma.

Notizie correlate

30/07/2019

Farmaci introvabili, nelle zone di confine situazione preoccupante. Braguti: "Federfarma da sempre impegnata su questo fronte"

La spola tra Italia e Svizzera per reperire farmaci che nel nostro Paese sono introvabili. E’ quanto riportato dalle cronache locali di alcuni quotidiani che, da Lecco a Como...
29/07/2019

Emergenza farmaci in Calabria, un decreto del commissario alla sanità scongiura mancati approvvigionamenti

Per evitare il rischio del mancato approvvigionamento di farmaci e dispositivi medici nel periodo estivo in Calabria, il commissario ad acta per la sanità calabrese, Saverio Cotticelli, ha adottato un decreto che dispone il ripristino di due gare esperite dalla Stazione unica appaltante regionale, ma rimaste sospese per effetto dell'entrata in vigore del "Decreto Calabria" approvato dal governo...
04/07/2019

Carenze farmaci, al via il Tavolo. Impegno congiunto a rivedere le linee guida di buona distribuzione dei medicinali

Si è riunito martedì al ministero, il Tavolo sulla carenza dei farmaci indetto dal ministro Grillo per approfondire la problematica della periodica irreperibilità di alcuni medicinali presso le farmacie. Lo rende noto il ministero in un comunicato sottolineando come ai lavori fossero presenti, oltre ai rappresentanti del...
02/07/2019

Carenze, oggi al ministero via al Tavolo. Tobia: dal confronto una soluzione al problema

Si riunisce oggi il Tavolo sulle carenze dei farmaci convocato dal ministro della Salute, Giulia Grillo, con le istituzioni e gli attori coinvolti nella produzione e distribuzione dei medicinali...
01/07/2019

Carenza farmaci, Grillo: “Ho convocato un Tavolo per superare definitivamente questa piaga”

Per superare il problema ciclico della carenza dei medicinali, il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha convocato per il 2 luglio al ministero della Salute un Tavolo con le istituzioni e gli attori coinvolti nella produzione e distribuzione dei medicinali (Ministero, Aifa, Agenas, Regioni, Farmindustria, Assogenerici, Federfarma, distributori-grossisti)...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni