Mercato farmaci, Cossolo: le farmacie hanno saputo far fronte alla concorrenza aggregandosi

02/08/2019 08:54:06
I dati Iqvia e Osmed dimostrano che la farmacia sta reagendo in modo corretto alla concorrenza. Ne è convinto il presidente di Federfarma, Marco Cossolo, che su Federfarma Channel, fa un approfondito excursus sugli ultimi dati di mercato diffusi in tema di farmacie e parafarmacie.

“Nel mercato dei farmaci e dei prodotti salutistici - commenta Cossolo - confrontando le farmacie con gli altri esercizi commerciali di vicinato e non, la farmacia incrementa del quasi 2% il proprio fatturato. È un dato sul quale non bisogna fare nessuna forma di trionfalismo, ma capire che la nostra istituzione farmacia quando è messa in concorrenza, se organizzata bene, è capace di reggere e risultare vincente”.

Secondo i dati di Sergio Liberatore, Ad di Iqvia, diffusi in una intervista su Quotidiano Sanità, limitandosi al solo “Consumer Health” il fatturato della farmacia è di circa 10miliardi contro gli 880 milioni delle parafarmacie, vale a dire due volte e mezzo in più se rapportato al singolo esercizio: circa 517mila euro medi per farmacia contro i 209mila euro medi per parafarmacia.

“In un primo periodo – aggiunge Cossolo - dopo le lenzuolate di Bersani, le farmacie hanno risposto alla concorrenza in modo non organico e non organizzato. Ma siccome non tutti i mali vengono per nuocere, l’arrivo della legge sulla Concorrenza ha spinto le farmacie a rispondere in forma aggregata. Questo ha fatto sì che venisse data una reazione strutturata. Anche Federfarma quando è andata in giro a presentare Sistema Farmacia Italia, ha sempre battuto su questo chiodo. Per questo sono convinto che siamo sulla strada giusta”.

Secondo Iqvia, il ciclo di aperture e chiusure delle parafarmacie nei primi sei mesi del 2019 vede un saldo negativo di trenta punti vendita da gennaio a giugno. Mentre, nel caso delle farmacie, nel primo semestre 2019 è continuato il trend di una nuova apertura al giorno, cioè sono stati aperti 180 nuovi punti vendita.
“Qualsiasi sia la causa della chiusura – precisa ancora Cossolo – certo è che per chiuderla non doveva certo essere un’attività redditizia. In controtendenza invece, c’è il numero delle farmacie arrivato intorno ai 19.100, dato sostanziale di cui sono soddisfatto”.
Rossella Gemma 

Notizie correlate

02/12/2019

Premio Dona, Cossolo: “Farmacie pronte a rispondere ai bisogni del consumatore”

C’era anche Federfarma all’appuntamento con la tredicesima edizione del Premio “Vincenzo Dona, voce dei consumatori”, evento organizzato dall’Unione Nazionale Consumatori...
28/11/2019

Farmacie che chiudono, Federfarma: “Necessario limitare il peso del capitale”

La chiusura di alcune farmacie, è di questi giorni la notizia di quella di una storica farmacia del centro di Bologna, conferma le preoccupazioni ripetutamente espresse da Federfarma...
27/11/2019

Bologna, la storica Farmacia Zarri a rischio chiusura. Sostegno di Federfarma Emilia Romagna e Bologna

La Farmacia Zarri, un’istituzione nel cuore di Bologna dal 1814, rischia la chiusura a causa del fallimento della società proprietaria: il gruppo Farmacie Farmaca...
20/11/2019

Firenze, farmacia storica sotto sfratto. Federfarma Toscana lancia petizione per salvarla

Si apre a Firenze una raccolta di firme per chiedere al Comune di procedere al più presto all'espropriazione dell'immobile in cui si trova la Farmacia Pitti. A volerla sono le associazioni di categoria Confcommercio e Federfarma, che raccogliendo un'idea dei residenti d'Oltrarno hanno voluto giocare anche questa carta per salvare la storica farmacia...
13/11/2019

Universalismo ed equità, Lorenzin a Palermo ribadisce i capisaldi del Ssn

“Garantire la tenuta del Sistema Sanitario Nazionale, mantenendone saldi i principi di universalismo ed equità che lo caratterizzano”. L’ex Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni