Nuova remunerazione, Federfarma fa il punto dopo la prima riunione del Tavolo

05/08/2019 09:28:51
Si è tenuta lo scorso 31 luglio la prima riunione del Tavolo per “la definizione di un nuovo modello di remunerazione della filiera distributiva del farmaco”.
Alla riunione hanno partecipato, oltre a Federfarma, esponenti della filiera del farmaco (produzione e distribuzione), nonché del Ministero della salute, del Ministero dell’economia, delle Regioni, dell’AIFA e della SISAC.
Il Tavolo si è confrontato sia sulle modalità con le quali pervenire alla riforma della remunerazione sia su contenuti e obiettivi della riforma stessa.
Per quanto riguarda gli aspetti procedurali, è emersa l’esigenza di varare una nuova norma di riferimento, in particolare alla luce del fatto che le norme precedenti prevedevano, come base di calcolo, i margini in vigore nel 2012, un livello, cioè, non più attuale e non sostenibile da parte della Pubblica Amministrazione. Le procedure di attuazione potranno essere analoghe a quelle precedentemente previste (accordo di filiera con AIFA e recepimento con decreto inter-ministeriale Salute-Economia, d’intesa con le Regioni).
Per quanto riguarda i contenuti della riforma, il Ministero dell’economia ha ricordato l’esigenza di garantire l’invarianza di spesa prevista dalle norme originarie, tema sul quale il Ministero ha dato disponibilità a valutare soluzioni che possano venire incontro ai problemi economici.
Tra i temi affrontati anche quello delle differenti modalità distributive adottate a livello regionale e della conseguente necessità di pervenire a un’armonizzazione dei modelli, garantendo comunque la sostenibilità del sistema.
Federfarma, da parte sua, ha illustrato la situazione economica delle farmacie che, per quanto riguarda i farmaci SSN, operano con una marginalità estremamente ridotta. È fondamentale quindi, come avvenuto in altri Paesi europei, arrivare a un nuovo modello di remunerazione che riconosca e valorizzi l’atto professionale della dispensazione. Altrettanto importante è verificare il reale impatto della distribuzione diretta e garantire uniformità nell’accesso al farmaco sul territorio, anche per quanto riguarda la DPC.
Federfarma, nel ricordare che la filiera distributiva ha avviato un confronto per individuare una soluzione condivisa al proprio interno, ha avanzato la richiesta di poter presentare alla Parte pubblica una proposta unitaria dell’intera filiera del farmaco.
Tale proposta è stata accolta dalle Istituzioni presenti e, in particolare, dal Ministero della salute che ha invitato la filiera a presentare entro il prossimo mese di settembre documentazione e criteri per la definizione del nuovo modello di remunerazione.

Notizie correlate

10/10/2019

Nuova remunerazione: Contarina: “Se andasse in porto fine decrescita settore”

Il giorno dopo l’Assemblea di Federfarma, con l’approvazione a larga maggioranza della nuova proposta di remunerazione, è il momento dei primi commenti...
09/10/2019

Nuova remunerazione, da Assemblea Federfarma ok a larga maggioranza alla proposta del Consiglio di Presidenza

L’Assemblea di Federfarma delibera di conferire mandato al Presidente e al Consiglio di Presidenza, di proseguire nell’interlocuzione con le Istituzioni e le Organizzazioni...
08/10/2019

Oggi a Roma l’Assemblea nazionale Federfarma, nuova remunerazione sotto i riflettori

Si tiene oggi a Roma l’Assemblea nazionale di Federfarma che vede al centro due temi scottanti per la categoria: Convenzione e remunerazione. Dopo l’analisi delle proposte...
01/10/2019

Nuova remunerazione, Luciani (Federfarma Umbria): procedere spediti per una riforma globale

Come più volte ribadito dalle pagine di Filodiretto e dai microfoni di Federfarma Channel dallo stesso segretario di Federfarma, Roberto Tobia, il tema della nuova remunerazione è argomento sul quale si concentra l’attenzione della categoria. Se ne discuterà nella prossima Assemblea di Federfarma, ma intanto Augusto Luciani...
26/09/2019

Remunerazione e nuovo statuto al centro della prossima Assemblea Federfarma. Tobia: no a sterili polemiche

Sono stati quattro i punti fondamentali discussi durante l’ultimo Consiglio di Presidenza di martedì scorso, 24 settembre. In primis, la nomina del nuovo direttore generale...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni