Spesa farmaci generici, Assogenerici: nel primo semestre più di 5 milioni di euro nel canale farmacia

24/09/2019 10:39:34
Nei primi 6 mesi dell'anno la spesa farmaceutica nel canale delle farmacie aperte al pubblico risulta pari a 5.335 milioni di euro, per un totale di 943 milioni di confezioni vendute: i farmaci generici equivalenti hanno assorbito il 22,4% del mercato a volumi, per un totale di 211 milioni di confezioni e il 14,2% del mercato a valori, per un totale di 756 milioni di euro.

L'aggiornamento semestrale dei trend del mercato degli equivalenti viene dall'Ufficio studi Assogenerici su dati Iqvia, e documenta per gli 'off patent' non griffati un giro d'affari focalizzato in classe A, dove si concentra l'89% delle confezioni vendute e l'82% del fatturato realizzato, mentre resta decisamente più contenuta l'incidenza dei prodotti in classe C (10% a volumi; 16% a valori) e nell'area dell'automedicazione (1% a volumi e 2% a valori). Complessivamente nel canale farmacia a giocare la parte del leone sono i prodotti fuori brevetto, che assorbono il 74% delle confezioni vendute nel canale, senza distinzione di classe (61% a valori), ma con una netta predominanza dei brand a brevetto scaduto, che quotano il 70% a volumi e il 76% a valori del relativo mercato fuori brevetto.

Tra gennaio e giugno 2019 i consumi a carico del Ssn nel canale farmacia sono complessivamente diminuiti dello 0,5% rispetto allo stesso periodo del 2018: in particolare si registra una flessione delle confezioni relative ai prodotti ancora coperti da brevetto del -4,9% rispetto allo stesso periodo del 2018. In crescita invece il segmento relativo ai farmaci a brevetto scaduto in particolare quello dei generici puri che fa registrare una crescita del +1,7% rispetto al periodo gennaio-giugno dell'anno precedente.

Ai minori volumi rimborsati è corrisposta una flessione dello 0,5% della spesa a carico del Ssn rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente: In particolare si registra una flessione della spesa relativa ai prodotti ancora coperti da brevetto del -7,8% rispetto allo stesso periodo del 2018. In crescita invece il segmento relativo ai farmaci a brevetto scaduto in particolare quello dei generici unbranded che fa registrare una crescita del 7,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Equivalenti in crescita, infine, nel mercato ospedaliero in classe A e H, con i volumi che si attestano nel primo trimestre dell'anno a 29,3% del totale e valori ex factory che si attestano al 6,5%: un dato tuttavia 'teorico' che realisticamente corrisponde al 2,1% in valori al prezzo medio delle forniture ospedaliere, notoriamente effettuate solo per bandi di gara. Anche nel mercato ospedaliero dominano i medicinali senza brevetto, che assorbono complessivamente il 68% a volumi e uno striminzito 5,4% a valori, mentre i farmaci in esclusiva (protetti da brevetto o privi di generico corrispondente), assorbono il 32,3% a unità e il 94,6% a valori (prezzo medio). Nel pool degli off patent non esclusivi di classe A e H, i generici equivalenti quotano il 43% a volumi e il 39% a valori.

Prosegue a grandi passi la crescita del mercato italiano dei biosimilari. Nel primo semestre dell'anno le 13 molecole in commercio sul mercato nazionale (enoxaparina, epoetine, etanercept, filgrastim, follitropina alfa, infliximab, insulina glargine, rituximab, somatropina, insulina lispo, trastuzumab e adalimumab e pegfilgrastim biosimilari) hanno assorbito il 28% dei consumi nazionali a volumi (17% il dato consolidato 2018) contro il 72% detenuto dai corrispondenti originator. Su base annua, tra il primo semestre 2018 e il primo semestre 2019 il consumo dei biosimilari risulta in crescita dell'88,2%%, al netto dei nuovi principi attivi biosimilari lanciati a partire dal giugno 2018.

In quattro casi i biosimilari hanno quasi completamente saturato il mercato di riferimento sostituendosi al biologico originatore. Performance da 'star' per il Filgrastim, i cui 5 biosimilari in commercio assorbono ormai il 95,99% del mercato a volumi (93% a valori); seguono le Epoetine biosimilari, che concentrano l'84,01% del mercato di riferimento a volumi (72,77% a valori). Entrambe le molecole citate sono in commercio in versione biosimilare dal 2009.

Notizie correlate

28/01/2020

Farmaci a valore aggiunto, in Assogenerici nasce gruppo autonomo. Ecco gli obiettivi

Di “vecchio” hanno solo la data sull’atto di prima registrazione. Ma nel DNA hanno la capacità e la voglia di offrire nuove soluzioni a bisogni sanitari insoddisfatti o di migliorare...
12/12/2019

Mercato off patent, Assogenerici: generici in crescita lenta: Biosimilari + 109%

I primi nove mesi del 2019 confermano il trend di decrescita dei consumi in farmacia registrato nei primi mesi dell’anno: da gennaio a settembre la spesa farmaceutica...
03/07/2019

Osservatorio Nomisma sui generici: i ricavi non compensano i costi di produzione. Li Bassi (Aifa): meno diffusi che in altri paesi

Il comparto della farmaceutica sta affrontando “una ristrutturazione epocale, scoprendo nuovi modelli di business, riorganizzando i processi produttivi e interpretando a tutto campo le potenzialità offerte dalla strategia Industria 4.0”. A tracciare il profilo aggiornato del comparto produttivo dei farmaci degli equivalenti... 
24/06/2019

Assogenerici. Rapporto farmaceutica I trimestre 2019: boom dei biosimilari, avanzano anche gli equivalenti

Nel primo trimestre 2019 la spesa farmaceutica nel canale delle farmacie aperte al pubblico è ammontata a un totale di 2,757 milioni di euro per un totale di 491,6 milioni di...
19/09/2018

Assemblea Assogenerici, in aumento gli italiani che si affidano ai “farmaci senza brevetto”

Affiancare sostenibilità e solidarietà per allargare la platea di chi ha accesso alle cure, abbracciando anche chi rischia di restare ai margini del diritto della salute...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni