Farmacia dei servizi, in Piemonte nuovo accordo. Cossolo: “Ricadute positive sul territorio”

26/09/2019 09:13:48
“Risparmiamo più di 13 milioni di euro sulla voce onorario e acquisto farmaci e, in più, rafforziamo in modo considerevole il ruolo delle farmacie sul territorio, attraverso l’erogazione di nuovi servizi a beneficio dei cittadini. Credo sia davvero un ottimo accordo sia per la Regione, sia per i Farmacisti, nell’interesse generale degli utenti”.
Così l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, commenta il via libera della Giunta regionale all’intesa con le associazioni regionali dei farmacisti Assofarm e Federfarma sulla distribuzione dei farmaci per conto della Regione.

L’accordo ha validità triennale, dal primo ottobre 2019 al 31 dicembre 2022.

La distribuzione per conto dei farmaci è un servizio collaudato e strategico per la Regione, che in questo modo acquista circa 120 milioni di euro l’anno di farmaci, con gare regionali, al miglior prezzo possibile. Tali farmaci vengono poi distribuiti presso le farmacie convenzionate, a cui viene corrisposto un onorario per il servizio.

Sull’accordo esprimono la loro piena soddisfazione anche i rappresentanti delle associazioni dei farmacisti aderenti al tavolo contrattuale regionale, a cominciare dal presidente nazionale di Federfarma, Marco Cossolo: “E’ la prima volta che trova attuazione il disciplinare nazionale sulla Farmacia dei Servizi – rileva Cossolo -, auspichiamo che nell’ambito della Conferenza delle Regioni si proceda con altrettanta solerzia su questa strada anche nelle altre Regioni. Il Piemonte ha dimostrato di crederci concretamente, investendo complessivamente in questo progetto circa 4 milioni e mezzo di euro. Siamo certi che le ricadute del provvedimento sul territorio saranno molto positive”.

Dello stesso avviso, il presidente regionale di Federfarma Massimo Mana e il coordinatore regionale di Assofarm Mario Corrado, firmatari dell’accordo:  “L’attivazione della Farmacia dei Servizi – affermano Mana e Corrado – riconosce il valore professionale del Farmacista come presidio del territorio e garanzia di sussidiarietà. E’ un investimento sul futuro che non mancherà di avere positivi effetti sull’offerta complessiva della sanità in Piemonte, soprattutto nelle aree più disagiate. Secondariamente, ma significativamente, è stata accolta la nostra richiesta di eliminare l’obbligo di distribuire i farmaci in sacchetti separati, così che si andrà anche a dare una mano all’ambiente, riducendo sensibilmente il consumo della plastica”.

Ma la vera novità dell’accordo riguarda l’attivazione della Farmacia dei Servizi, tra le prime in Italia: “Si tratta – osserva Icardi - di consentire ai piemontesi di ricevere una serie di servizi direttamente sul territorio, attraverso la rete capillare delle Farmacie, dalle azioni di prevenzione, alla terapia di pazienti in cura con medicinali prescritti per la BPCO (Broncopneumopatia cronica ostruttiva), dal monitoraggio del tempo di protrombina da parte di pazienti gestiti presso i centri TAO (Terapia Anticoagulante Orale), all’attività di back office per agevolare e aumentare l’accesso e l’utilizzo del Fascicolo sanitario elettronico. Per questo, la Regione fruirà del finanziamento ministeriale di 3,5 milioni di euro ed è pronta a mettere sul tavolo risorse proprie per ulteriori 992 mila euro. I nostri tecnici – puntualizza l’assessore - stanno lavorando per dettagliare i protocolli operativi e le soluzioni software necessarie, con una partenza effettiva del Servizio concordata per il primo gennaio 2020”.

Notizie correlate

18/09/2020

Vaccino antinfluenzale, Cossolo: dal mercato estero le quote per le farmacie. Oltre un milione di dosi recuperato

“Arriveranno dall'estero le quote di vaccino antinfluenzale da acquistare in farmacia dalla popolazione attiva che non appartiene alle fasce protette. Ci aspettiamo che venga...
11/09/2020

Nessuna ambulanza disponibile, farmacista somministra cortisone al paziente in shock anafilattico. Il caso

La farmacia dei servizi si conferma una realtà ogni qual volta un farmacista mette in campo la sua professionalità a servizio dei cittadini e del Servizio sanitario nazionale. Ne sono un esempio i casi di vite salvate proprio in farmacia con la telemedicina come lo scorso 4 settembre alla Farmacia Comunale 3 di Campobasso, quando la direttrice Maria Carmela Di Stefano si è trovata di fronte...
10/08/2020

Farmacia dei servizi, Tobia: “Giunto il momento di far ripartire la sperimentazione”

L’emergenza Covid-19 ha comportato la sospensione della sperimentazione della farmacia dei servizi, ma ora “è venuto il momento di riprendere le procedure avviate nelle 9 Regioni...
31/07/2020

Le farmacie italiane assicurano il servizio anche d’estate, rispondendo alle esigenze delle comunità

Nelle grandi città come nei piccoli centri, anche nel mese di agosto, le farmacie continuano a garantire il servizio, adeguando le aperture alle presenze e alle esigenze dei cittadini...
30/07/2020

Desertificazione, dpc vs diretta, digital divide e farmacia dei servizi, le istanze di Federfarma agli Stati Generali della Montagna

Desertificazione, distribuzione per conto e diretta, digital divide e digitalizzazione-farmacia dei servizi sono stati i quattro macro temi portati al tavolo degli Stati Generali della...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni