FarmacistaPiù, conclusa la sesta edizione. Convegni di qualità e sale affollate di farmacisti

08/10/2019 09:56:44
Si è conclusa con i migliori auspici la sesta edizione di FarmacistaPiù che ha visto salire sul palco personaggi importanti della politica e del mondo della salute. Una promessa, su tutte, quella del ministro Speranza di far decollare la farmacia dei servizi che ha dato il ‘là’ al presidente della Fofi, Andrea Mandelli, per ribadire le richieste dalla categoria. 
Superamento della legge 405, Farmacia dei servizi, revisione della legge sui capitali i temi caldi messi sotto i riflettori da Mandelli.

“La legge 405 che ha legiferato sulla distribuzione diretta e per conto, oggi è anacronistica”,ha sottolineato a Federfarma Channel. “Il farmacista può dare un contributo fortissimo alla sostenibilità e al miglioramento dell’assistenza, ma è indispensabile che nelle farmacie di comunità ritorni l’innovazione farmacologica – ha detto – se dieci anni fa poteva avere un senso distribuire i farmaci più costosi attraverso ospedali e Asl per ragioni economiche, oggi questo non ha più senso, perché siamo alla partenza di un modello di farmacia in grado non solo di garantire la capillarità e la sicurezza dell’accesso al farmaco ma anche la sua economicità. Una nuova farmacia in cui si erogano nuovi servizi, come il supporto all’aderenza alla terapia, in grado di migliorare il risultato clinico.  Troviamo un metodo, una soluzione, sediamoci a un tavolo e confrontiamoci”.

Mandelli ha poi toccato il tema scottante della proprietà delle farmacie: “Con la legge sulla concorrenza non è stata prevista una partecipazione del capitale a un sistema governato dai professionisti, ma sono state cedute le farmacie ai capitali. Non è pensabile che 4 o 5 players possano avere il controllo di tutta la rete. È un enorme rischio. Dobbiamo trovare un equilibrio. Su questo bisogna lavorare. Non penso ci siano ricette ‘magiche’ ma credo che la legge così come è stata scritta vada ripensata e sul tavolo di lavoro occorrerebbe fare qualche riflessione”.

Durante FarmacistaPiù, ha precisato il presidente della Fondazione Cannavo, Luigi D’Ambrosio Lettieri  “non si è mai smesso di ribadire che la presa in carico del paziente cronico e l’aderenza alle terapie sono due capitoli della sfida contenuta nelle politiche di Pharmaceutical care che dobbiamo saper declinare operativamente, secondo linee guida validate e omogenee sul territorio nazionale, per la creazione di un nuovo modello virtuoso che integri sfera sociale e sanitaria e riconosca al farmacista un ruolo strategico nell’assistenza sanitaria territoriale e la remunerazione della prestazione professionale”.

Per il presidente di Federfarma, Marco Cossolo, è necessario che il Ssn “utilizzi di più le farmacie, e lo potrà fare con tre strumenti: convenzione, farmacia dei servizi, e con una nuova remunerazione che renda economicamente sostenibile avere i farmaci innovativi in farmacia”. Con la convenzione, ha proseguito Cossolo, “si sta creando il quadro normativo di riferimento per un processo di ritorno dei farmaci in farmacia. Il mio impegno è di portare a termine anche la discussione sulla remunerazione per dare contestualmente un'accelerazione al tavolo di rinnovo del contratto nazionale dei nostri collaboratori. Le due cose dovranno andare in parallelo”.

“In tutti i dibattiti dove Utifar ha partecipato, - ha spiegato Eugenio Leopardi, presidente Utifar – abbiamo ribadito che il Ssn non può far a meno del farmacista e questo è un concetto che deve essere sempre più condiviso, considerandolo non come un mero venditore di farmaci ma un cultore del farmaco. Oggi, che si parla sempre di più di medicina del territorio, non si può non considerare la farmacia come luogo ideale per questo progetto. E’ per questo che le istituzioni non devono disperdere questa risorsa ma utilizzarla per portare il Ssn sempre più vicino al cittadino”, conclude Leopardi.

Per Giorgio Albonetti, presidente di Edra, l’edizione di quest’anno di FarmacistaPiù, ha dimostrato come “il mondo della politica si stia accorgendo sempre di più di questa categoria che è un anello fondamentale del Ssn. Quest’anno abbiamo deciso di avere meno convegni ma più di qualità e l’esperimento ha pagato visto che le sale erano affollatissime di farmacisti che sono più interessati all’aspetto politico della professione che a quello commerciale”.

Notizie correlate

04/10/2019

Al via FarmacistaPiù, D'Ambrosio Lettieri: “Opportunità per rilanciare ruolo farmacista”

Parte oggi FarmacistaPiù, organizzato da Edra al MiCo di Milano, su iniziativa di Fofi, Utifar e Fondazione Cannavò, con la partecipazione di Federfarma. Due giorni ricchi di eventi e dibattiti per riflettere sulle prospettive della nuova governance sanitaria, della sostenibilità del sistema e il futuro della professione, che vedranno la partecipazione dei massimi vertici del mondo sanitario...
03/10/2019

Il farmacista come ‘guida’ verso un percorso di salute, l’analisi di Luca Pani sul futuro della professione

“Esiste un percorso convergente tra cittadino e farmacista in cui il farmacista deve in qualche modo, visto il suo ruolo e la sua professionalità, guidare il cittadino attraverso un percorso di stili di vita che gli consentano di non rischiare che la potenziale malattia si esprima a pieno”. A parlare è Luca Pani, membro del Comitato scientifico di FarmacistaPiù...
02/10/2019

FarmacistaPiù, conto alla rovescia per l’appuntamento di Milano. Ecco i convegni Utifar

Alla vigilia della sesta edizione di FarmacistaPiù, il congresso nazionale dei farmacisti italiani, in programma da giovedì a sabato presso il MiCo di Milano, Utifar che è tra i promotori dell’iniziativa sarà presente con due convegni, uno intento ad analizzare il ruolo del farmacista nella rete nazionale delle malattie rare e l’altro riguardante la legge 124/2017...
30/09/2019

FarmacistaPiù, Creazzola (Sifo): importante momento di aggregazione per la sinergia professionale

Per la presidente SIFO, Simona Serao Creazzola, FarmacistaPiù “rappresenta un evento che sempre più si manifesta come momento di aggregazione, dando la possibilità...
24/09/2019

FarmacistaPiù, on line il programma definitivo. Apertura 4 ottobre

Reso noto il programma della prossima edizione di FarmacistaPiù, un’edizione, quella del prossimo 4 e 5 ottobre al Mico di Milano, che si svilupperà attorno a tre parole chiave "Conoscere, innovare, evolvere: strategie della professione per l'efficienza e...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni