Nota 96, Aifa integra la circolare e chiarisce i dubbi espressi da Federfarma

05/11/2019 09:24:28
A seguito della richiesta di chiarimenti inviata da Federfarma all’AIFA sulla questione della riclassificazione delle specialità medicinali coinvolte nella nota 96, l’Agenzia ha evidenziato con un’e-mail del 31 ottobre 2019 che con l’istituzione della nota 96 ha modificato le modalità di prescrivibilità a carico del SSN dei farmaci classificati in fascia A a base di colecalciferolo, colecalciferolo/sali di calcio e calcifediolo.

Inoltre, tenuto conto del principio della semplificazione, l’Agenzia ha ritenuto di procedere con l’emanazione di un unico provvedimento di carattere generale senza rilevare la necessità di procedere con ulteriori provvedimenti di riclassificazione. Tuttavia, in considerazione delle osservazioni pervenute ed al fine di garantire la massima chiarezza, l’AIFA ha anticipato a Federfarma che sta procedendo all’integrazione della Determinazione 1533/2019, con la quale è stata istituita la nota 96, che sarà pubblicata in Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni.

Nella suddetta integrazione, verrà  indicato che i farmaci in classe A a base dei principi attivi colecalciferolo, colecalciferolo/sali di calcio e calcifediolo richiamati all’allegato 1 della citata determinazione, per la prevenzione e il trattamento della carenza di Vitamina D, sono prescrivibili a carico del SSN secondo le limitazioni previste dalla nota nella popolazione adulta “età > 18 anni” (classe A – Nota 96), con conferma delle modalità prescrittive a carico del SSN per la popolazione pediatrica.
Tale integrazione, secondo quanto anticipato alla scrivente, chiarisce formalmente la modifica delle modalità di prescrivibilità in regime convenzionato dei farmaci interessati e assume parziale valenza di riclassificazione dei predetti farmaci limitatamente alla popolazione adulta. La suddetta integrazione permetterà anche di superare la criticità rilevata da Federfarma in merito alla mancata corrispondenza tra le indicazioni previste dalla nota 96 e le indicazioni terapeutiche dei farmaci coinvolti, chiarendo che le limitazioni previste si riferiscono alla prevenzione e al trattamento della carenza di Vitamina D, prescindendo dall’indicazione terapeutica puntuale riportata nel Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto (RCP). L’AIFA ha confermato la propria disponibilità a riconoscere una eventuale sanatoria per le ricette comunque spedite dalle farmacie, a decorrere dal giorno 27 ottobre e, a tale riguardo, sono in corso apposite interlocuzioni tra l’Agenzia e Federfarma.

Notizie correlate

26/11/2019

Rapporto Aifa antibiotici, nel 2018 in lieve aumento il consumo in Italia

Complessivamente nel 2018 il consumo di antibiotici, inclusi quelli acquistati privatamente dal cittadino, è stato di 21,4 dosi ogni mille abitanti. In lieve aumento, di 0,5 DDD/die...
11/11/2019

Aifa, apprezzamento e auguri per Mantoan da Federfarma e Farmindustria

Non si è fatto attendere il messaggio di Federfarma al neopresidente dell’AIFA Domenico Mantoan, a cui l’associazione invia i migliori auguri di buon lavoro, confermando la piena disponibilità delle farmacie a collaborare con l’Agenzia del Farmaco per tutelare la salute della collettività e, in particolare, dei cittadini più fragili, quali malati, cronici  e anziani...
08/11/2019

Nota 96, in Campania risolti disagi in anticipo sui tempi Aifa

L’Aifa stava ancora decidendo sulla possibile sanatoria per l’applicazione della nota 96 quando in Campania veniva concessa grazie ad un intervento di Federfarma Campania...
08/11/2019

Domenico Mantoan nuovo Presidente Agenzia Italiana del Farmaco

Si è insediato ieri il nuovo Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco, Domenico Mantoan. “Ringrazio il Ministro della Salute Roberto Speranza e tutti i rappresentanti della Conferenza Permanente per i rapporti tra...
16/10/2019

Carenze, l’Aifa mette in guardia le aziende farmaceutiche su nuove norme decreto Calabria

L’Agenzia del farmaco invia una nota informativa alle imprese farmaceutiche ricordando le misure, introdotte dal Decreto Calabria, da mettere in atto in caso d’interruzione, temporanea o definitiva, della commercializzazione di un medicinale nel territorio nazionale. “In caso d’interruzione, temporanea o definitiva, della commercializzazione di un medicinale nel territorio nazionale...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni