È morto Pete Frates, ha ispirato Ice Bucket Challenge

11/12/2019 18:06:12
Ha ispirato l'Ice Bucket Challenge, la sfida a colpi di secchiate di acqua ghiacciata per sensibilizzare sulla Sla - la sclerosi laterale amiotrofica, malattia neurodegenerativa - che è servita a raccogliere circa 220 milioni di dollari in tutto il mondo. Ora Pete Frates, giocatore di baseball e determinato a combattere contro la malattia, è morto a 34 anni.

A dedicargli un ricordo online diversi media, tra i quali il New York Times. La sfida dell'Ice bucket challenge è diventata virale nel 2014 e il processo era relativamente semplice: si prendeva un secchio di acqua ghiacciata e si gettava sopra la testa, pubblicando poi un video sui social media e sfidando gli altri a fare lo stesso o ad effettuare una donazione in beneficenza.

Molte persone hanno fatto entrambe le cose. Migliaia di persone hanno partecipato, tra cui celebrità, star dello sport e politici, l'attuale presidente degli Stati Uniti Donald Trump. I video online sono stati visualizzati milioni di volte. «La sfida dell'Ice Bucket Challenge - aveva detto all'epoca Frates - rappresenta tutto ciò che è fantastico in questo paese: riguarda il divertimento, gli amici, la famiglia e fa la differenza per tutti noi che viviamo con la Sla».

Frates, originario di Beverly nei sobborghi di Boston, era un atleta al St. John's Prep nella vicina Danvers. Ha continuato a giocare a baseball al Boston College e ha poi proseguito professionalmente in Germania dopo la laurea e in campionati dilettanti al suo ritorno negli Stati Uniti. Stava giocando per i Lexington Blue Sox nel 2011 quando è stato colpito al polso da un tiro e ha notato che non stava guarendo correttamente.

Dopo mesi di test, gli è stata diagnosticata la Sla nel 2012. «Ai piani alti c'è un disegno per me - aveva aggiunto Frates al The Salem News nel 2012 - ho accettato questa situazione mentalmente. Ci sono persone là fuori che non hanno il mio sistema di supporto o i miei vantaggi e voglio aiutarle». (ANSA)

Ultime notizie

23/09/2020

Campagna vaccinale contro l'influenza: necessario un incontro su ruolo farmacisti e farmacie

FOFI, Federfarma e Assofarm esprimono perplessità per il fatto che, nell’ambito dell’esame alla Camera dei Deputati delle mozioni sugli obblighi vaccinali, non sia stata colta l’occasione per riconoscere il ruolo della farmacia come presidio sanitario sul territorio, dove poter somministrare il vaccino antinfluenzale, al fine di assicurare un’adeguata tutela della salute ai cittadini...
23/09/2020

Emilia Romagna, da ottobre test sierologici nelle farmacie: Gallina Toschi: “Ancora una volta, presidio fondamentale sul territorio”

“Ancora una volta le farmacie dimostrano di essere sempre presenti e pronte a sostenere il Ssn”. Parla così il presidente di Federfarma Emilia Romagna, Achille Gallina Toschi, nell’intervista a Filodiretto commentando l’accordo che consentirà alle farmacie emiliane dalle prossime settimane, di effettuare...
23/09/2020

Ipertensione, il telemonitoraggio in farmacia dimezza il rischio di ictus e infarto. I dati in uno studio americano

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Hypertension, gli ipertesi che seguono un programma di telemonitoraggio nella propria farmacia di riferimento per controllare i valori pressori hanno circa la metà delle probabilità di avere un infarto o un ictus rispetto a chi viene invece seguito in modo consueto dal proprio medico di medicina generale...
23/09/2020

Farmaci, 7 società scientifiche contro sentenza Tar Piemonte: “No sostituibilità automatica con biosimilari”

"Contestiamo profondamente la recente sentenza 465/20 del Tar del Piemonte sull'approvvigionamento dei farmaci biologici. E' una decisione che consentirà alle Regioni di porre le condizioni per una sostituibilità automatica da un farmaco originator al suo biosimilare, o da un biosimilare all'altro. Si tratta di un pericoloso precedente giuridico che potrà avere conseguenze...
23/09/2020

Covid-19, ancora nessun vaccino ma si progettano i piani per una equa distribuzione

Mentre nel mondo sono allo studio 165 vaccini anti-covid, 58 giunti alla fase di test sull'uomo e 7 alla 'fase tre' piu' avanzata, con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni