Legge di Bilancio, disposizioni di carattere fiscale per le farmacie. Ecco le principali

15/01/2020 09:15:02
E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Legge di Bilancio 2020, entrata in vigore il 1° gennaio scorso, che tocca da vicino anche le farmacie con molte novità di natura fiscale. Vediamone alcune.
Per cominciare, anche nel 2020 l’IVA non verrà aumentata: le clausole di salvaguardia previste dalla Legge di Bilancio 2019 sono state eliminate. Sono stati altresì rimodulati gli aumenti dell’IVA per gli anni successivi e la misura delle entrate attese dall’incremento delle accise sui carburanti. E’ stata confermata, per il 2019, la deducibilità del 50% dell’IMU sugli immobili strumentali dal reddito d’impresa o di lavoro autonomo (analoga previsione è stata adottata per l’IMI e l’IMIS, le imposte municipali immobiliari delle province autonome di Bolzano e di Trento).
E’ stata resa permanente, a regime, la riduzione dal 15% al 10% dell’aliquota della cedolare secca sui canoni delle locazioni abitative a canone concordato nei comuni ad alta tensione abitativa e sono state abrogate le disposizioni previste dal “decreto crescita” che hanno introdotto, per gli interventi di riqualificazione energetica e antisismica e per l’installazione di impianti fotovoltaici, il meccanismo dello sconto in fattura in luogo della detrazione spettante. Ora esso si applica solo agli interventi di ristrutturazione importante di primo livello, per le parti comuni degli edifici condominiali, con un importo dei lavori pari almeno a € 200.000.
Sono state prorogate per tutto l’anno 2020, nella stessa misura vigente nel 2019, le detrazioni per le spese relative a lavori di ristrutturazione edilizia (50%), a interventi di riqualificazione energetica (65 e 50%) e all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici destinati all’arredo di immobili ristrutturati (50%).
E’ stato introdotto, a valere dal 1° gennaio 2020, in sostituzione delle discipline del super e dell’iper ammortamento operative nel 2019, un credito d’imposta (rispettivamente del 6% o del 40%), per gli investimenti in beni strumentali, compresi quelli immateriali (per i quali il credito d’imposta è pari al 15%), funzionali alla trasformazione tecnologica secondo il modello “Industria 4.0”.
Tale credito d’imposta riguarda tutte le imprese e, con riferimento ad alcuni beni, anche i professionisti; spetta in misura diversa a seconda della tipologia di beni oggetto dell’investimento. Confermato anche per il 2020, con alcune modifiche, il credito d’imposta per le spese di formazione del personale dipendente, finalizzate all’acquisizione e al consolidamento di competenze nelle tecnologie rilevanti per la realizzazione del processo di trasformazione delle imprese previste dal “Piano nazionale industria 4.0”.
Dal 2020, viene eliminata la TASI (tributo per i servizi indivisibili) e viene prevista una sola forma di prelievo patrimoniale immobiliare, la cui disciplina, fondamentalmente, ricalca quella preesistente per l’IMU. L’aliquota di base è fissata allo 0,86%, con possibilità per i Comuni di aumentarla fino all’1,06% o diminuirla fino all’azzeramento. Il termine per la presentazione della dichiarazione torna al 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui sono intervenute variazioni rilevanti per la determinazione dell’imposta.
Viene istituito, dal 2021, il canone unico patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria (al posto di Tosap, Cosap, Cimp e canone per l’occupazione delle strade).
 

Notizie correlate

22/12/2019

Legge di bilancio, il testo in Aula. Tra le misure risorse per la farmacia dei servizi

E’ previsto per il 22 dicembre l’inizio della discussione sul disegno di legge di Bilancio alla Camera. Sul testo ormai blindato, dopo l’approvazione del Senato nei giorni scorsi...
10/12/2019

Legge di bilancio e collegato fiscale 2020, cosa cambia per le farmacie

E’ fissata verosimilmente al 31 dicembre prossimo la conclusione dell’iter della nuova Legge di bilancio e collegato fiscale 2020, in corso di approvazione e che verrà definito entro...
05/11/2019

Legge di Bilancio 2020, il testo arriva in Senato. Ecco le novità per le farmacie

E’ iniziato al Senato l’iter della Legge di Bilancio per la quale, una volta incardinata nelle competenti commissioni, è previsto il consueto ciclo di audizioni. Ma quali sono le...
15/04/2019

Legge di bilancio 2019. Novità per le farmacie su gestione immobili, quote di partecipazione e iperammortamento

Torna su Federfarma Channel l’appuntamento con Arturo Saggese, commercialista esperto del settore farmacia. La puntata precedente era stata dedicata alle misure che riguardano le aliquote Iva, novità regime forfetario e Flat Tax. In questa occasione è stato fatto il punto sulla gestione e rivalutazione delle quote societarie di partecipazione, sulla disciplina della cedolare “secca”... 
15/03/2019

Legge di Bilancio 2019, Saggese: “Molte le novità per le farmacie”

Misura delle aliquote Iva; novità regime forfetario; Flat Tax. Ma anche, tassazione agevolata utili reinvestiti; fattura elettronica operatori sanitari; cedolare secca immobili commerciali; detrazione interventi recupero edilizio/bonus arredo/ bonus...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni