Depressione, presentata nuova App per l’aderenza alla terapia. Mencacci: farmacie fondamentali per continuità delle cure

24/01/2020 09:09:41
“Le farmacie in particolare e i raggruppamenti di medici della medicina generale, sono diventati le nuove agorà della nostra salute pubblica ed è importante che i cittadini all’interno di queste sedi ricevano adeguate informazioni e supporto alla continuità terapeutica. Anche in questo settore, il digitale e le app che vanno in questa direzione, possono tornare di grande utilità. Le farmacie sono il punto nevralgico nella continuità delle cure ed è nell’alleanza con i farmacisti che possiamo trovare quella spinta indispensabile per aiutare il paziente alla continuità delle cure”. A parlare è Claudio Mencacci, Presidente della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia, a margine della presentazione, a Milano, dell’App realizzata da Edra, con il supporto non condizionato di Lundbeck Italia, per supportare la persona che soffre di depressione nelle sfide che la malattia pone quotidianamente, accompagnandola nel percorso di cura grazie a informazioni mirate, ausilio nel monitoraggio e strumenti di motivazione. Si chiama Giada e ha come obiettivo quello di essere sempre al fianco di medici, familiari e caregiver affinché tutti siano più coinvolti nel processo che porta alla guarigione. La nuova App consente, inoltre, di verificare il raggiungimento di piccoli miglioramenti quotidiani e rende disponibili informazioni utili sull’umore attraverso un approccio scientifico e disegnato da psichiatri esperti.
 
L’App, scaricabile su dispositivi mobile IOS e Android, ha ottenuto il supporto incondizionato di Lundbeck Italia, azienda che da più di 25 anni nel nostro Paese e da 105 anni nel mondo è impegnata nell’ambito delle patologie del sistema nervoso per migliorare quotidianamente la qualità di vita delle persone che ne soffrono.
 
Giada è stata realizzata con la collaborazione di un board di esperti composto da Giuseppe Carrà, Professore Associato di Psichiatria, Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Milano Bicocca, Maria Signorelli, Ricercatrice di Psichiatria dell’Università di Catania e Coordinatrice SIP giovani e Umberto Volpe, Professore Associato di Psichiatria all’Università Politecnica delle Marche e ha ottenuto il patrocinio dell’Associazione Italiana per i Disturbi Depressivi (AIDDEP), di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, di Fondazione Istud, della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia (SINPF), della Società Italiana di Psichiatria (SIP) e SIP giovani, della Società Italiana di Psichiatria Sociale (SIPS) e della Società Italiana di Psicopatologia (SOPSI).
 
“Uno dei nostri primi compiti è ricordare che la depressione è una patologia del sistema nervoso e come tale deve essere curata, con un approccio scientifico rigoroso. Abbandonare la terapia quando inizia a dare i suoi frutti è purtroppo un comportamento diffuso ma decisamente scorretto. Una persona con patologie cardiologiche non interromperebbe di sua iniziativa una terapia efficace, probabilmente perché si tratta di patologie che non vivono lo stigma e che non hanno lo stesso livello di disinformazione delle patologie mentali”, afferma la professoressa Signorelli.
 
Grazie al suo modulo Aderenza, Giada permette alla persona che soffre di depressione di monitorare la propria aderenza al trattamento. Giada le ricorda esattamente cosa prendere, quando farlo e manda news informative che spiegano l’importanza di seguire correttamente il trattamento prescritto dal medico. “Il familiare può visionare giornalmente, settimanalmente e mensilmente alcune informazioni sullo stato di salute della persona che assiste e consultare informazioni utili riferite all’importanza dell’aderenza al trattamento e al dialogo su questo tema con il proprio caro – prosegue Signorelli -. Noi medici, infine, grazie a Giada, consultiamo i report di aderenza al trattamento dei nostri pazienti e possiamo impostare il nostro colloquio medico-paziente in maniera più efficace”.
 
"Innovazione, personalizzazione e semplificazione sono parole chiave anche nel mondo della salute; oggi più dell'80% delle interazioni digitali quotidiane passa attraverso gli smartphone – commenta Ludovico Baldessin, Chief Business & Content Officer di Edra-. L’App Giada permette quindi di offrire un nuovo livello di servizi digitali ‘intelligenti’ a tutte le persone coinvolte nel percorso di cura della depressione, con un rigoroso approccio scientifico e metodiche altamente innovative. È un radicale cambio di passo per combattere lo stigma che ancora ruota attorno a questa patologia”.

Notizie correlate

30/09/2020

Aderenza alla terapia, Fondazione Onda: per un italiano su 4 difficoltà a seguire prescrizioni in emergenza Covid

L'emergenza Covid-19 si è fatta sentire anche sull'aderenza degli italiani alle cure. Una persona su 4 riferisce di avere difficoltà nel portare avanti la propria terapia in modo continuativo, e 3 su 10 dichiarano di aver saltato almeno una somministrazione nella settimana precedente l'intervista. Tra le ragioni principali...
20/07/2020

Depressione, ansia e stress da lockdown: il ruolo del farmacista in un webinar Ecm in programma per martedi 21 luglio

Ansia, insonnia e stress sono i disturbi psicologici maggiormente avvertiti dopo il lockdown. Si parlerà del ruolo del farmacista nella gestione dei disturbi mentali, in un webinar...
08/07/2020

Aderenza terapeutica, Mana (Federfarma Piemonte): farmacista miglior alleato

“Gestione delle malattie croniche nell'era post covid-19. L’esempio del diabete”. Questo il titolo del webinar, organizzato da Motore Sanità, l'occasione per fare il punto su come...
07/07/2020

Aderenza terapeutica, Stabile (Federfarma Campania): migliori performance con farmacista protagonista

Con la sperimentazione della Farmacia dei servizi si passa «da una farmacia di dispensazione a una di relazione dove il farmacista diventa l’interlocutore del paziente...
10/12/2019

Aderenza alla terapia, primo bilancio del progetto Sfi su fibrillazione atriale. Procaccini: siamo molto soddisfatti

Seicento farmacie per un totale di 1500 pazienti arruolati. E’ il bilancio del progetto sulla fibrillazione atriale condotto da Sistema Farmacia Italia con il supporto di Daiichi Sankyo...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni