Innovazione e ricerca, Lorenzin: il loro valore è motore di sviluppo per il nostro Paese

10/02/2020 09:05:52
Ricerca e innovazione come motore di sviluppo e sostenibilità del nostro Paese. Questo il tema al centro del secondo seminario del ciclo di Conferenze, ideato da Beatrice Lorenzin, deputata del Pd ed ex ministro della Salute, dal titolo ‘La sfida: 2025-2050: un rinascimento scientifico a prova di sostenibilità per far vincere il paziente’, promosso a Roma dal Centro studi americani. L’evento ha visto la presenza dei più accreditati esperti nazionali e internazionali nei rispettivi ambiti professionali (scienziati, medici, venture capitalist, etc) degli stakeholder della società civile e pubblica e dei policy maker. «Bisogna valorizzare lo status del ricercatore - dichiara a Filodiretto Beatrice Lorenzin - Dobbiamo capire, da un lato dove sta andando la ricerca biomedica e come può essere un volano di sviluppo per l'economia italiana, perché questo è il nostro petrolio, e dall’altro lato come garantire queste scoperte straordinarie contro il cancro, contro le malattie degenerative, le nuove frontiere della genomica ai pazienti italiani».
 
Costruire un ponte tra sapere scientifico e istituzioni, questo l’obiettivo del ciclo di seminari che mira a creare l’occasione affinché questi ultimi possano affrontare in modo positivo e proattivo le numerose sfide che il prossimo futuro proporrà, assumendo decisioni informate alla luce delle evidenze scientifiche più aggiornate. La recente epidemia del nuovo coronavirus, ad esempio, dimostrato l’influenza e la rilevanza che ha la ricerca. Ad evidenziarlo è Walter Ricciardi, presidente Mission Board for Cancer EU, che a Filodiretto spiega: «La ricerca è stata evocata come importantissima nell’occasione di questa epidemia, ma per farla diventare un reale momento di sviluppo del Paese bisogna darle le gambe. Bisogna accelerare con i finanziamenti e con le leggi perché – precisa - in questo momento l'Italia è in enorme ritardo su due leggi: la prima è il recepimento del regolamento sulla privacy dei dati. Siamo l'unico Paese tra i 27 che non l'ha ancora recepito, un regolamento che è stato varato nel 2014 e che doveva essere recepito nel 2019».
 
«Altri paesi come la Spagna e l'Irlanda l'hanno recepito – prosegue Ricciardi - e ci stanno rubando tutta una serie di investimenti perché hanno fatto delle cose molto chiare anche per esempio sul conflitto di interessi che va garantito, in trasparenza, ma va gestito. La seconda legge è quella sulla sperimentazione animale. Mi risulta che in questo momento in Parlamento è in discussione un provvedimento per recepire, anche in questo caso, il regolamento comunitario. Si parla di un rinvio di una proroga di un anno, non serve a niente perché per portare investimenti e per far lavorare tranquillamente i ricercatori, ce ne vogliono perlomeno tre. Se non si fanno queste cose la ricerca resta soltanto una parola. Con la ricerca invece finanziata, strutturata, normata e con i grandi ricercatori italiani che abbiamo, dobbiamo fare i fatti».
 
Per far fronte alla condizione di precarietà dei ricercatori è stata pensata una riforma, la “Piramide del ricercatore”. L’iter normativo è stato avviato agli Stati Generali della Ricerca Sanitaria del 2016 dall’allora ministro della Salute Beatrice Lorenzin e la prima fase di applicazione è partita lo scorso dicembre. Lorenzin fa riferimento, per l’appunto, a tale provvedimento, «bisogna riuscire a valorizzare il ricercatore anche economicamente – evidenzia Lorenzin - perché altrimenti i nostri ricercatori andranno a lavorare in altri Paesi dove vengono pagati molto di più. Questo è un lavoro che riguarda pochi dal punto di vista personale, ma tutti dal punto di vista dell'interesse collettivo. Dobbiamo capire che nei prossimi anni saremo di fronte a un bivio, conclude Lorenzin – cioè o riusciamo a valorizzare al massimo questo grande patrimonio della conoscenza che abbiamo, facendolo diventare un'industria della conoscenza, oppure rischiamo di retrocedere».
Anna Capasso

 

Notizie correlate

23/12/2019

Innovazione, ricerca e sostenibilità: i principi fondanti di IBSA. Luca Crippa (ad) negli studi di Federfarma Channel

E’ Luca Crippa, amministratore delegato IBSA, a fare il punto negli studi di Federfarma Channel sullo stato dell’arte di un’azienda che negli ultimi anni è cresciuta rapidamente...
13/11/2019

Universalismo ed equità, Lorenzin a Palermo ribadisce i capisaldi del Ssn

“Garantire la tenuta del Sistema Sanitario Nazionale, mantenendone saldi i principi di universalismo ed equità che lo caratterizzano”. L’ex Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin...
08/11/2019

Ricerca clinica a rischio, Racagni (Sif): “Necessario valorizzare quella traslazionale”

Il numero delle sperimentazioni cliniche indipendenti in Italia è diminuito del 50%, negli ultimi 8 anni, e si rischia anche una forte riduzione dei finanziamenti alla ricerca clinica...
17/09/2019

Ipertensione Arteriosa, pronta la borsa di studio finanziata da Federfarma per la ricerca

La Società Italiana dell'Ipertensione Arteriosa – Lega Italiana contro l’Ipertensione Arteriosa, istituisce per il 2019 una Borsa di Studio della durata di un anno, per ricerche sull'Ipertensione Arteriosa, dell'importo complessivo lordo di 3.000 Euro (tremila/00). La Borsa è destinata a Soci della Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa di età inferiore a 40 anni che...
13/09/2019

Farmaci, innovazione digitale la vera sfida del futuro. La ‘ricetta’ nel convegno di Altems

Sfide, innovazione digitale, valori e cambiamento. Ha girato intorno a queste quattro parole chiave la conferenza “Organizing for Health”, promossa dall’Alta scuola in Economia e...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni