Cessioni di apparecchi per aerosolterapia, applicazione aliquota ordinaria del 22%

12/02/2020 09:10:13
L’Agenzia delle Entrate è intervenuta in tema di aliquota IVA applicabile alle cessioni di apparecchi per aerosolterapia.
Una società, che si occupa della vendita di vari apparecchi medici, fra cui quelli per l’aerosol, ha rivolto un’istanza all’Agenzia delle Entrate, chiedendo di conoscere la corretta aliquota IVA da applicare alla vendita di tali dispositivi. La richiesta di chiarimenti trae origine dal fatto che l’art. 1, comma 3 della Legge 145/2018 ha esteso l’aliquota ridotta del 10% anche alle cessioni di dispositivi medici a base di sostanze normalmente utilizzate per cure mediche, per la prevenzione delle malattie e per trattamenti medici, fra i quali, ad avviso dell’istante, possono essere inclusi gli apparecchi per l’aerosol terapia.
Secondo l’Agenzia, la tesi sostenuta dalla società istante non può essere accolta. Il richiamato art. 1, comma 3, della citata Legge 145/2018, ha in effetti esteso l’ambito di applicazione dell’aliquota IVA ridotta includendo, nell’elenco già esistente, “anche i dispositivi medici a base di sostanze, normalmente utilizzate per cure mediche, per la prevenzione di malattie e per trattamenti medici e veterinari, classificabili nella voce 3004 della nomenclatura combinata di cui all'allegato I del regolamento di esecuzione (UE)2017/1925 della Commissione del 12 ottobre 2017 che modifica l'allegato I del regolamento (CEE) n. 2658/87 del Consiglio relativo alla  nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune”. Tuttavia i dispositivi medici in esame non rientrano nella voce doganale “3004” indicata dalla norma.
L’Agenzia al riguardo fa presente che la voce doganale 3004 include i “Medicamenti (esclusi i prodotti della voce 3002, 3005, e 3006) costituiti da prodotti anche miscelati, preparati per scopi terapeutici o profilattici, presentati sotto forma di dosi (compresi i prodotti destinati alla somministrazione per assorbimento percutaneo) o condizionati per la vendita al minuto”.
Ne consegue dunque che gli apparecchi aerosol non sono menzionati in tale voce doganale e, pertanto, le relative cessioni non possono fruire dell’aliquota IVA al 10%, ma dovranno scontare quella ordinaria al 22%.
 

Notizie correlate

18/05/2020

Sdoganamento dispositivi Dpi, l’Agenzia delle dogane accelera le procedure

L’Agenzia delle dogane e dei monopoli provvederà a porre in essere ogni azione utile al fine di consentire la celere sdoganalizzazione di tutti i dispositivi di protezione individuale (DPI) ed in particolare i DPI di protezione via aerea FFP2, FFP3, N95, KN95, anche nei confronti degli associati/aderenti alle associazioni/aderenti alle associazioni firmatarie...
07/02/2020

Dispositivi medici, Minghetti (Sifap): “Nuove regole da maggio, farmacisti si preparino a gestire cambiamenti”

Sono i dispositivi medici al centro dell’appuntamento con gli approfondimenti della professoressa Paola Minghetti, presidente della Sifap, Società italiana farmacisti preparatori, su Federfarma Channel. “Una categoria in fortissima espansione” che tocca i prodotti più variegati: si va dal taglia pillole al laccio emostatico, passando per la siringa fino a dispositivi molto più complessi come lo stent cardiaco...
30/01/2020

Regolamento UE sui medical device e delega al Governo per riordino normativo, ecco i dettagli

La nuova normativa europea sui dispositivi medici subirà un rinvio dell’entrata in vigore.  Il Governo ha infatti stabilito di chiedere una delega al Parlamento per l’approvazione...
14/01/2020

Detrazioni per oneri, tracciabilità pagamenti: deroga per medicinali e dispositivi medici. I chiarimenti di Federfarma

Nuove regole, dal 1° gennaio 2020, per consentire ai cittadini di fruire delle detrazioni di imposta. Sarà infatti possibile fruirne solo se i relativi oneri saranno sostenuti...
20/12/2019

Toscana, ausili medici gratuiti nelle farmacie. Nocentini: accordo innovativo

Tutti i  dispositivi medici necessari per la terapia del diabete e dell'incontinenza, quelli per i pazienti stomizzati, ma anche i prodotti per medicazioni, gli integratori e prodotti dietetici per le malattie  rare, saranno accessibili capillarmente su tutto il territorio della Toscana grazie a un accordo con le farmacie convenzionate  pubbliche e private...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni