Coronavirus, picco di vendite in farmacia di mascherine e igienizzanti mani

14/02/2020 09:01:54
Picco di vendite di mascherine e igienizzanti in farmacia a gennaio, fino a +427% nel centro Italia. Gli acquisti di mascherine, secondo dati Iqvia, si sono quadruplicati rispetto a prima del 20 gennaio, passando da un fatturato di 42mila a 180mila euro. Nella settimana del 27 gennaio aumento del 113% con un fatturato di 385mila euro. Il prezzo da noi è costante, mentre nel mondo costano anche 20 volte di più, dice l'Oms che chiede di evitare l'accaparramento selvaggio poiché le scorte globali sono praticamente esaurite.
"L'emergenza del coronavirus e la corsa alle mascherine filtranti di questi giorni ci impone di fornire alcuni importanti chiarimenti sul loro utilizzo e sulla loro efficacia di protezione", dichiara però Claudio Galbiati, presidente di Assosistema Safety. Il Dpi, ricorda, per essere considerato tale deve rispettare "i requisiti essenziali di salute e di sicurezza e delle procedure di valutazione della conformità, così come richiede il Regolamento Ue 2016/425. Per essere efficace e sicuro nei confronti di questa emergenza, l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) prescrive un dispositivo conforme alla norma EN 149 con valida marcatura CE seguita dal numero dell'Organismo di controllo che ne autorizza la commercializzazione".
"Come Dpi, ricordiamo che anche occhiali, guanti e tute - continua Galbiati - sono propedeutici per il personale sanitario che deve avvicinarsi a persone infette o malate. Assosistema Safety ha predisposto un position paper sulle mascherine filtranti che può fornire indicazioni utili per i ministeri, i lavoratori ma anche per i singoli cittadini", conclude.
Intanto, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità i tempi di rifornimento delle mascherine potranno arrivare fino a quattro-sei mesi, quindi stop agli acquisti inappropriati da parte di persone che non ne hanno un reale bisogno poiché servono soprattutto a medici e paramedici.
Tornando all'Italia, i dati di Iqvia - provider globale di informazioni in ambito sanitario e farmaceutico - l'aumento di vendite e' evidente su tutto il territorio nazionale. Al Sud e nelle isole le vendite di mascherine sono aumentate da 35 mila euro nella settimana del 20 gennaio a 122 mila euro nella settimana del 27 gennaio, con un aumento del 250%. Mentre nelle altre aree l'aumento maggiore c'e' stato nella settimana precedente: nel Nord ovest si è passati da 13 mila nella settimana del 13 gennaio a 62 mila nella settimana del 20 gennaio (+377%). Nel Nord-Est da 8 mila euro nella settimana del 13 gennaio a 33 mila nella seguente (+313%), al Centro da 9 mila a 50 mila (+427%). La vendita di igienizzanti per le mani nella settimana del 27 gennaio è cresciuta del 328% rispetto alla settimana precedente, con un fatturato totale di 561 mila euro. Nel periodo da novembre a metà gennaio, il fatturato medio settimanale di questi prodotti era di 68 mila euro.
La raccomandazione dell'Istituto superiore di sanità è di scegliere prodotti igienizzanti per le mani che abbiano almeno il 60% di alcol.

Notizie correlate

12/02/2020

Coronavirus e carenza farmaci, il punto della situazione nell’ultimo Consiglio di presidenza Federfarma

Si è parlato anche di Coronavirus nell’ultimo Consiglio di Presidenza che ha fatto il punto sulle iniziative promosse da Federfarma per valorizzare il ruolo delle farmacie...
07/02/2020

Coronavirus, allo studio ulteriori misure di prevenzione. Terapia antivirale sperimentale per i due ricoverati allo Spallanzani

Sono in corso valutazioni per "ulteriori misure di prevenzione sui cittadini di ritorno dalle aree a rischio" per il nuovo coronavirus. E' quanto ha stabilito la riunione del tavolo tecnico scientifico che si è riunito ieri mattina dopo l'incontro della task-force coronavirus 2019-nCoV del ministero della Salute alla presenza del del ministro, Roberto Speranza...
06/02/2020

Coronavirus, l’infettivologo Galli: “Si investa in ricerca. Cure e vaccini ancora lontani”

“Una cura contro il coronavirus è ancora lontana sebbene in Cina stiano sperimentando in vitro determinate sostanze antivirali già in uso”. A parlare a Filodiretto è l'esperto di...
05/02/2020

Coronavirus nCoV, le indicazioni del Ministero per gli operatori a contatto con il pubblico

Il Ministero della Salute, a seguito di  richieste di chiarimenti circa i comportamenti da tenersi da parte degli operatori che, per ragioni lavorative, vengono a contatto con il pubblico...
04/02/2020

Coronavirus, dallo Spallanzani notizie rassicuranti. Case farmaceutiche a lavoro per vaccino e cura

Dopo il rientro dei 56 italiani dalla Cina, ora in isolamento al Celio per 15 giorni, non destano preoccupazione gli ultimi bollettini medici dello Spallanzani dove risultano ricoverati 19 pazienti tutti sotto osservazione. Di questi, 2 sono la coppia di coniugi cinesi positivi al test del nuovo coronavirus. “Le loro condizioni generali di salute sono stazionarie...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni