Ricetta dematerializzata, al via in tutta Italia per limitare al massimo gli spostamenti

23/03/2020 09:00:22
Federfarma informa che il Dipartimento della protezione civile, con ordinanza n.651 del 19/3/2020 recante “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili” ha ritenuto di adottare, fino al perdurare dello stato si emergenza deliberato dal Consiglio dei ministri in data 31 gennaio 2020,  misure atte a limitare la circolazione dei cittadini attraverso la dematerializzazione del promemoria cartaceo e l’utilizzo della ricetta dematerializzata, ove possibile, anche per i farmaci non distribuiti in regime convenzionale.

Al momento della generazione della ricetta elettronica da parte del medico prescrittore l’assistito può chiedere al medico il rilascio del promemoria dematerializzato ovvero l’acquisizione del Numero di Ricetta Elettronica tramite:
a) trasmissione del promemoria in allegato a messaggio di posta elettronica, laddove l’assistito indichi al medico prescrittore la casella di posta elettronica certificata (PEC) o quella di posta elettronica ordinaria (PEO);
b) comunicazione del Numero di Ricetta Elettronica con SMS o con applicazione per telefonia mobile che consente lo scambio di messaggi e immagini, laddove l’assistito indichi al medico prescrittore il numero di telefono mobile;
c) comunicazione telefonica da parte del medico prescrittore del Numero di Ricetta Elettronica laddove l’assistito indichi al medesimo medico il numero telefonico”.

Nell’ordinanza vengono disciplinate anche tutte le modalità operative per farmacie e ASL per i farmaci distribuiti in modalità diverse dal regime convenzionale e per i medicinali che richiedono un controllo ricorrente dei pazienti.
Federfarma evidenzia che già attualmente alcuni Accordi Regionali prevedono, in alcuni casi, la possibilità di procedere alla distribuzione in regime di assistenza convenzionata dei farmaci previsti da tali accordi. Tale procedura, sinora frutto di valutazioni applicate “a macchia di leopardo” sul territorio e per situazioni residuali, riceve, con la disposizione in esame, un sostegno di carattere generale per tutto il territorio e anche la possibilità di trovare un’applicazione più ampia.

Evidente, in tale contesto, è l’intendimento del Legislatore nazionale di anteporre il primario interesse della salvaguardia della salute umana (realizzabile anche attraverso la limitazione massima della mobilità dei cittadini) rispetto ad ogni altra evenienza di qualsiasi segno, ivi compresa quella di effettuare spostamenti per recarsi nelle strutture pubbliche di dispensazione dei farmaci.

Tenuto conto che tale possibilità consentita alla Regioni e Province Autonome dovrà integrarsi con i criteri stabiliti nei vigenti accordi locali stipulati con le organizzazioni maggiormente rappresentative delle farmaci, Federfarma invita le Unioni Regionali a prendere gli opportuni contatti con i competenti Assessorati per concordare gli ambiti di applicazione di tale possibilità, rappresentando chiaramente che qualsiasi misura di riduzione della circolazione degli individui consente di conseguire una concreta riduzione della pandemia in atto.
Rossella Gemma
 

Notizie correlate

08/07/2020

Ricetta dematerializzata, dpc e farmacia dei servizi. Tobia: necessaria situazione uniformità

Ricetta dematerializzata, farmacia dei servizi, dpc e vendita online dei farmaci: questi i principali temi affrontati dal segretario di Federfarma Roberto Tobia nel corso del...
21/05/2020

Farmaci contro il dolore, dal minSal via libera a prescrizione con ricetta dematerializzata

Anche i farmaci contro il dolore potranno essere prescritti con ricetta elettronica. Questo uno degli effetti dell'emergenza Coronavirus previsto nella circolare inviata alle regioni dal Ministero della Salute il 14 maggio scorso, che chiarisce la possibilita' di ottenere con prescrizioni dematerializzate anche i medicinali a base di sostanze stupefacenti e psicotrope, tra cui quelli per la terapia del dolore...
10/09/2019

Ricetta dematerializzata, Federfarma Veneto denuncia problemi tecnici del sistema informativo regionale

Il sistema informativo regionale per la gestione della ricetta dematerializzata in veneto, negli ultimi giorni, come già purtroppo da lungo periodo, è vittima di problemi tecnici, rallentamenti e black out che non consentono ai farmacisti di erogare i farmaci prescritti. Lo rende noto Fedefarma Veneto evidenziando come si tratti di un malfunzionamento frequente che sta creando...
12/07/2019

Ricetta dematerializzata, la Grillo rassicura sui dati: “Tutte le regioni hanno superato il 90%”

"Al mese di giugno 2019, tutte le regioni hanno superato il 90% di dematerializzazione delle ricette di prescrizione farmaceutica". I dati relativi al processo di dematerializzazione della ricetta medica, arrivano direttamente dal ministro della Salute, Giulia Grillo, durante l'audizione tenutasi in Commissione parlamentare per la semplificazione...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni