Covid-19, Federfarma Calabria alla Regione: i cittadini devono trovare farmaci in farmacia

06/04/2020 08:57:12
“L’unico modo per fare davvero gli interessi dei malati e dei loro famigliari è consentire loro di ottenere tutti i medicinali di cui hanno bisogno nella farmacia sotto casa. La Regione, invece, nel tentativo maldestro di ridurre i disagi cui sono sottoposte le persone malate costrette ad andarsi a prendere i farmaci di cui hanno bisogno presso la farmacia ospedaliera, si è inventata una fantomatica e difficilmente realizzabile consegna a domicilio di questi farmaci”.
La denuncia è di Federfarma Calabria, la Federazione che rappresenta le 800 farmacie calabresi, presenti in modo capillare su tutto il territorio regionale, dalla grande città al piccolo centro montano, lontano decine e decine di chilometri dal primo presidio sanitario pubblico.

“Con una nota rivolta alle ASP e, per conoscenza agli Ordini dei medici e dei farmacisti, la Direzione Generale della Tutela della salute della Regione comunica che solo alcuni malati (over 65 anni, disabili, immunodepressi, oncologiche e Covid-19 positive) che normalmente sono costretti a gravosi spostamenti per raggiungere la farmacia ospedaliera per avere i farmaci di cui hanno bisogno, durante l’emergenza sanitaria, potranno ottenere questi farmaci a casa, chiamando il numero verde della Croce Rossa Italiana o i numeri di telefono delle singole farmacie ospedaliere” spiega il Presidente di Federfarma Calabria Vincenzo Defilippo.

“Le farmacie, da tempo, hanno offerto la propria disponibilità a dispensare ai pazienti i medicinali normalmente distribuiti dalle strutture pubbliche, nell’ottica di agevolare i nostri concittadini malati e le loro famiglie, soprattutto quelle che vivono in zone disagiate e lontane dai presidi pubblici. La Regione non ha mai dato seguito a questa disponibilità. Oggi si inventa una soluzione che illude i pazienti, ma che tutti sappiamo non funzionerà, con il rischio di lasciare i malati senza le necessarie cure per giorni e giorni in attesa che arrivi il volontario o il fattorino della ASP.”

“Il numero verde della Croce Rossa Italiana fa capo a un call center nazionale che risponde alle chiamate provenienti da tutta Italia ed è quindi oberato di lavoro, – dichiara il Segretario di Federfarma Calabria Alfonso Misasi – e lo stesso vale per le farmacie ospedaliere regionali, già sotto pressione nella gestione dell’emergenza sanitaria. Saranno in grado di farsi carico anche di un servizio di call center e della preparazione dei pacchetti di medicinali da far arrivare a tutti i malati sparsi sul territorio? Per quanto riguarda la consegna, poi, siamo sicuri che i volontari della Croce Rossa, il cui impegno e spirito di sacrificio è fuori discussione, potranno raggiungere i tanti piccoli centri montani del nostro territorio in tempi accettabili? Come Federfarma Calabria – conclude Misasi - ci chiediamo perché la Regione abbia voluto tirare fuori dal cilindro questa soluzione demagogica e probabilmente inefficace, anziché accogliere la disponibilità ripetutamente offerta dalle farmacie ad assicurare il servizio in modo tempestivo ed efficiente, a favore dei propri concittadini utilizzando la piattaforma regionale DPC funzionante da anni e capace di assicurare la consegna in tutte le farmacie della regione senza problemi”.

Notizie correlate

04/06/2020

Festa della Repubblica, Mattarella ringrazia i farmacisti per abnegazione. Giuseppe Maestri cavaliere al merito

Per le celebrazioni dell’anniversario della Repubblica, che quest'anno hanno avuto luogo a Codogno "dove è iniziato il percorso di sofferenza" legato all'emergenza Covid-19...
04/06/2020

App Immuni, Fofi: “La Federazione non invia mail ai cittadini: attenzione alle cybertruffe”

Da alcuni giorni l’Italia è oggetto di un attacco di virus informatici che sfrutta il nome dell'app Immuni, che ha conquistato rapidamente la vetta delle applicazioni più scaricate in Italia raggiungendo già nelle prime 24 ore 500 mila download, studiata per monitorare i contatti con persone affette dalla COVID-19. Lo ha comunicato l'Agid-Cert...
01/06/2020

Covid-19, farmacisti umbri ‘tamponati’ in modalità pit stop

Saranno 200 i farmacisti di tutto il territorio aziendale dall'Usl Umbria 2 che saranno sottoposti a tamponi in modalità 'pit stop'. Anche in questo caso l'adesione è su base volontaria e prevede che...
29/05/2020

Idrossiclorochina, Aifa blocca medicinale per trattamento Covid-19. Le indicazioni di Federfarma per la distribuzione

L’Aifa in attesa di ottenere prove più solide dagli studi clinici in corso in Italia e in altri paesi (con particolare riferimento a quelli randomizzati), sospende l’autorizzazione all’utilizzo...
29/05/2020

Riaperture fra Regioni, Fondazione Gimbe avverte: “In Lombardia, Liguria e Piemonte contagi non sotto controllo”

Secondo quanto previsto dal DL 33/2020, dal 3 giugno saranno nuovamente autorizzati i movimenti di persone tra le Regioni italiane. Non tutte, però, potrebbero avere il via libera...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni