Mascherine al giusto prezzo, Federfarma Napoli in campo contro la speculazione

24/04/2020 09:00:05
Federfarma Napoli, l’associazione sindacale che raggruppa le farmacie di Napoli e Provincia, è intervenuta cercando di “calmierare” i prezzi sul mercato delle mascherine, offrendo ai cittadini la possibilità di acquistare lo stesso prodotto allo stesso prezzo in tutte le farmacie aderenti.
Da oggi, dunque, i cittadini napoletani troveranno le mascherine chirurgiche al prezzo di €1,30 (al momento il prezzo varia tra 1,5 e 2 euro) e le mascherine modello FFP2/Kn95 al prezzo di €4,90 (a fronte di un prezzo che oscilla tra i 6 e gli 8 euro), in tutte le farmacie aderenti di Napoli e provincia, evitando così quella “caccia” all’offerta migliore da parte dei cittadini. Dopo tante polemiche su quotidiani, Tv, siti web e, soprattutto, social in riferimento al prezzo di vendita al pubblico delle stesse, le farmacie napoletane, lanciano in questo modo un messaggio di trasparenza e di “servizio sociale” alla cittadinanza.
“Abbiamo acquistato alcune centinaia di migliaia di mascherine - spiega Michele Di Iorio, Presidente di Federfarma Napoli - così da riuscire ad ottenere un prezzo migliore sul mercato; una sorta di Gruppo di Acquisto Solidale, il cui beneficio ricadrà sulla cittadinanza, considerato anche che Federfarma Napoli si è fatta carico di parte del costo d’acquisto”.
“È un modo anche per calmierare i prezzi di mercato”, prosegue Di Iorio: “in questo mese e mezzo abbiamo avuto offerte di prodotti a cifre tra le più disparate da parte di ditte, spesso improvvisate: ecco perché l’offerta al pubblico ha visto una forbice di prezzo così ampia”.
Sono, invece, 12.000 le mascherine KN95/FFP2 donate da Teva Italia a Federfarma Lombardia e ad Assofarm/Confservizi Lombardia, che hanno provveduto a distribuirle ai farmacisti di tutte le farmacie della regione. Presidi fondamentali per continuare a offrire, in sicurezza, l’indispensabile servizio di dispensazione di farmaci e dispositivi.
 “A nome di tutte le farmacie della Lombardia, vorrei ringraziare Teva Italia per il prezioso e concreto contributo e Federfarma Nazionale e Cittadinanzattiva che ne sono stati promotori – ha detto Annarosa Racca, Presidente di Federfarma Lombardia –. La farmacia è il primo presidio sanitario sul territorio e ogni giorno accoglie un numero importante di persone, è indispensabile, a fronte di questa affluenza, che i farmacisti lavorino in assoluta sicurezza. Un ringraziamento anche alla distribuzione intermedia per le consegna alle singole farmacie”.
 
 

Notizie correlate

05/03/2021

Urgono chiarimenti sulle certificazioni irregolari delle mascherine

La Federazione degli Ordini dei Farmacisti e la Federfarma hanno richiesto alle Amministrazioni competenti chiarimenti in merito ai casi, riportati dalla stampa, relativi alla presunta circolazione in Europa e in Italia di mascherine con certificazioni irregolari o contraffatte...
05/03/2021

Federfarma e Fofi chiedono chiarimenti sulle certificazioni irregolari delle mascherine

La Federazione degli Ordini dei Farmacisti e la Federfarma hanno richiesto alle Amministrazioni competenti chiarimenti in merito ai casi, riportati dalla stampa, relativi alla presunta circolazione in Europa e in Italia di...
05/03/2021

Dl Covid, ok dal Senato sulle norme per il contenimento del contagio

Il Senato ha approvato il decreto Covid con 122 voti favorevoli, 27 contrari e 88 astenuti. Il provvedimento ora passerà alla Camera per l'ok definitivo e la conversione in legge. Il decreto aggiorna alcune delle principali norme...
02/03/2021

Covid, via libera Usa al vaccino J&J

Via libera negli Stati Uniti al primo vaccino monodose anti Covid, quello della Johnson&Johnson, del quale è atteso in aprile l'arrivo in Europa e in Italia. La data probabile è l'11 aprile. Se fosse confermata, il via libera da parte della Commissione europea si avrebbe il 12 aprile e il 13 potrebbe arrivare l'ok dell'Agenzia Italiana del Farmaco. Per il presidente di...
02/03/2021

Sale la curva dei contagi, nel nuovo Dpcm regole che arrivano fino a Pasqua

Il nuovo Dpcm, che scatterà il 6 marzo, potrebbe essere valido per un mese: secondo una bozza del testo i divieti e le restrizioni resteranno in vigore anche per Pasqua e Pasquetta, scadendo il 6 aprile. Sono anche previste...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni