Farmacisti comunitari a supporto di pazienti e sistemi sanitari durante COVID-19, il Pgeu ne ricorda l’impegno

18/05/2020 09:01:58
Dall'inizio della crisi del COVID-19 i farmacisti hanno lavorato con instancabile impegno e determinazione per garantire ai pazienti un accesso continuo ai trattamenti. Sono stati accessibili 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, anche durante il blocco organizzando servizi di consegna a domicilio per le persone più vulnerabili. Durante tutta la crisi, sono stati la prima linea di consulenza, trattamento e rinvio per molti cittadini europei su disturbi comuni, prevenendo con successo visite non necessarie ai pronto soccorso. A ricordare il grande impegno della categoria, è il gruppo farmaceutico dell'Unione europea.

“L'ampia rete locale di farmacie comunitarie in tutta Europa - scrive in una nota il Pgeu - sta aiutando le autorità sanitarie nella distribuzione di dispositivi di protezione certificati come maschere per il viso e fornendo consulenza al pubblico sul loro uso corretto e sicuro insieme a informazioni su altre misure igieniche per prevenire la diffusione del virus”.

Il Pgeu ricorda che come raccomandato dall'Ufficio regionale per l'Europa dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS Europa) e dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), recentemente molti paesi europei hanno introdotto cambiamenti nella legislazione per espandere il ruolo dei farmacisti e alleviare la pressione sul resto del sistema sanitario. Alcuni paesi hanno anche ottenuto fondi aggiuntivi per autorizzare i farmacisti nel loro vitale lavoro in prima linea contro COVID-19. In diversi paesi i farmacisti hanno avuto la possibilità di rinnovare le prescrizioni ripetute per i farmaci cronici e distribuire alcuni farmaci ospedalieri nelle farmacie per i pazienti che ne hanno bisogno. In alcuni paesi i farmacisti della comunità hanno anche attivato protocolli per aiutare le vittime di violenza domestica a denunciare gli abusi durante il blocco.

“I farmacisti di comunità – ha dichiarato il presidente del Pgeu, Duarte Santos - sono pronti e impegnati a migliorare ulteriormente il loro sostegno ai cittadini e ai sistemi sanitari europei man mano che la pandemia COVID-19 evolve e le misure di contenimento vengono gradualmente revocate. Pertanto raccomandiamo vivamente alle autorità sanitarie di utilizzare la rete accessibile di farmacie in tutta Europa per aiutare a condurre test affidabili sul punto di cura per COVID-19 quando questi diventano disponibili e di utilizzare le competenze dei farmacisti della comunità per aiutare in modo efficace ed efficiente strategie di immunizzazione. Allo stesso tempo, esortiamo anche i governi a fornire un adeguato supporto ai farmacisti della comunità per il loro contributo vitale ai sistemi sanitari e per il loro sostegno alla popolazione ".
 
Rossella Gemma

Notizie correlate

05/06/2020

Farmacista oncologico territoriale, una nuova figura per la presa in carico dei pazienti fragili

Il farmacista oncologico territoriale come figura professionale nuova per dare risposte concrete ai bisogni dei pazienti. L'identikit delle competenze e l'analisi delle opportunità legate alla sua integrazione a pieno titolo nella rete di assistenza ai malati, sono i contenuti di 'OncoCare - Networking in oncologia'...
04/06/2020

Festa della Repubblica, Mattarella ringrazia i farmacisti per abnegazione. Giuseppe Maestri cavaliere al merito

Per le celebrazioni dell’anniversario della Repubblica, che quest'anno hanno avuto luogo a Codogno "dove è iniziato il percorso di sofferenza" legato all'emergenza Covid-19...
04/06/2020

App Immuni, Fofi: “La Federazione non invia mail ai cittadini: attenzione alle cybertruffe”

Da alcuni giorni l’Italia è oggetto di un attacco di virus informatici che sfrutta il nome dell'app Immuni, che ha conquistato rapidamente la vetta delle applicazioni più scaricate in Italia raggiungendo già nelle prime 24 ore 500 mila download, studiata per monitorare i contatti con persone affette dalla COVID-19. Lo ha comunicato l'Agid-Cert...
01/06/2020

Covid-19, farmacisti umbri ‘tamponati’ in modalità pit stop

Saranno 200 i farmacisti di tutto il territorio aziendale dall'Usl Umbria 2 che saranno sottoposti a tamponi in modalità 'pit stop'. Anche in questo caso l'adesione è su base volontaria e prevede che...
29/05/2020

Idrossiclorochina, Aifa blocca medicinale per trattamento Covid-19. Le indicazioni di Federfarma per la distribuzione

L’Aifa in attesa di ottenere prove più solide dagli studi clinici in corso in Italia e in altri paesi (con particolare riferimento a quelli randomizzati), sospende l’autorizzazione all’utilizzo...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni