Regionalismo sanitario anche per la cura del Covid-19, nel Rapporto Osservasalute i dati che lo confermano

26/06/2020 08:51:01
Dalle ospedalizzazioni al numero di tamponi effettuati, fino alla letalita', che ha toccato il 18% in Lombardia e il 10% in Veneto: l'emergenza Covid ha evidenziato le diverse performance delle regioni e "di conseguenza i cittadini non hanno potuto avere le stesse garanzie di cura". A metterlo in luce sono i dati del nuovo Rapporto Osservasalute, curato dall'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane, che opera nell'ambito di Vihtaly, spin off dell'Universita' Cattolica di Roma. Tante differenze nella gestione dei contagiati tra le Regioni: il Veneto ha la quota piu' bassa di ospedalizzati e quella piu' alta di positivi posti in isolamento domiciliare.

All'inizio della pandemia questa Regione aveva in isolamento a casa circa il 70% dei contagiati, nell'ultimo periodo oltre il 90%. Atteggiamento diverso della Lombardia e del Piemonte che hanno percentuali di ospedalizzazione tra il 50% e il 60% all'inizio della pandemia, per poi crescere e oscillare tra il 70 e l'80% nella prima meta' di marzo.
Quanto ai tamponi, il Veneto ne ha effettuati il numero piu' alto in rapporto alla popolazione, circa 50 ogni 100 mila abitanti all'inizio del periodo, fino a punte superiori a 400 agli inizi di giugno. La Puglia e' la Regione con il numero minore, meno di 100 ogni 100 mila abitanti. Evidenti sono anche le differenze del tasso di letalita', che in Lombardia raggiunge il 18%, in Veneto un massimo del 10%; in Emilia-Romagna, Marche e Liguria, che sono le altre Regioni con la letalita' piu' elevata, tra il 14-16%. Tra le spiegazioni, la possibile sottostima del numero di contagiati, dovuto a carenze nel monitoraggio.

L'epidemia di Covid-19 spiega il direttore scientifico dell'Osservatorio Alessandro Solipaca, "ha acceso i riflettori sulla fragilita' dei Servizi Sanitari Regionali nel far fronte alle emergenze" e "ha dimostrato che il decentramento della sanita', oltre a mettere a rischio l'uguaglianza dei cittadini rispetto alla salute, non si e' dimostrato efficace nel fronteggiare la pandemia". L'assistenza territoriale "si e' rivelata in molti casi inefficace, le strategie per il monitoraggio della crisi e dei contagi disomogenee, spesso imprecise e tardive nel comunicare le informazioni".
Da cio' emerge la "necessita' di sostenere con maggiori risorse il ruolo del territorio che avrebbe potuto arginare, soprattutto nella fase iniziale della pandemia, la portata dell'emergenza evitando che si riversasse sulle strutture ospedaliere".

Notizie correlate

08/04/2021

Covid, cambiano le abitudini degli italiani per gli acquisti in farmacia. I dati del report Iqvia

Secondo gli ultimi dati Iqvia, il mercato italiano dei prodotti venduti in farmacia continua a perdere fatturato nonostante, durante la pandemia, sia stata luogo privilegiato dai...
01/04/2021

Covid, in arrivo aggiornamento del ministero su cure domiciliari. Al via sperimentazione su interferone beta

In attesa che arrivi l'aggiornamento dell'indirizzo del Ministero della Salute per le cure domiciliari, a Roma è in partenza uno studio con Interferone beta per curare nel luogo di residenza 60 pazienti...
20/03/2021

COVID-19: vaccini somministrati anche dai farmacisti in farmacia

La Federazione degli Ordini dei Farmacisti e la Federfarma accolgono con estrema soddisfazione la decisione del Ministro della Salute e di tutto il Governo di coinvolgere direttamente farmacisti e farmacie nella campagna vaccinale contro il COVID-19. Questa scelta valorizza la rete delle farmacie e la professionalità dei farmacisti che sono parte integrante del Servizio Sanitario Nazionale in sinergia con medici, infermieri e tutti gli operatori sanitari del territorio...
19/03/2021

Covid-19, la rete delle farmacie è pronta per l’accelerazione della campagna vaccinale

Il coinvolgimento delle farmacie nella somministrazione dei vaccini anti-Covid è imminente, come ha dichiarato anche il ministro della Salute Roberto Speranza. Per consentire l’apporto professionale dei farmacisti alla campagna vaccinale il ministro ha preannunciato un intervento normativo ad hoc, volto ad allineare le farmacie italiane a quelle di Francia, Australia, Canada, Germania, Irlanda, Svizzera, Regno...
18/03/2021

Varianti Coronavirus: due metri di distanza e test multi-gene. Il nuovo Report fa il punto sulle indicazioni

Aumento del distanziamento fisico a 2 metri, quando possibile, e utilizzo di test 'multi-geni' per identificare le mutazioni. Ma anche quarantena per i vaccinati, se 'contatto stretto' di un...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni