Farmaci per epilessia, vademecum Lice per vacanze sicure

09/07/2020 08:55:44
Assumere i farmaci alla stessa ora ed evitare alterazioni del ciclo sonno-veglia. Queste le principali raccomandazioni per chi è affetto da epilessia e vuole godersi una vacanza in serenità suggerite dalla Lega Italiana Contro l'Epilessia (LICE). Viaggiare in sicurezza significa evitare l'esposizione a quei fattori di rischio in grado di scatenare le crisi epilettiche.
"La maggior parte delle persone affette da epilessia può partire in vacanza senza particolari restrizioni, ad eccezione di quelle relative all'emergenza sanitaria in corso che invitano l'intera popolazione a rispettare le regole di distanziamento e non solo - dichiara Oriano Mecarelli, presidente LICE, Dipartimento Neuroscienze Umane La Sapienza (Roma) - Tuttavia, ci sono delle condizioni che il paziente deve conoscere prima di mettersi in viaggio. Di fronte ad una patologia a carattere cronico, la persona con epilessia deve essere correttamente informata e, allo stesso tempo, diventare parte attiva mettendo a conoscenza gli altri del proprio stato di salute. Dall'altra parte, il neurologo è chiamato a indicare quelle misure che, se seguite con attenzione, mettono al riparo da pericoli e consentono di godere delle tanto desiderate vacanze".

A contribuire al controllo e alla gestione di queste è, in primo luogo, l'assunzione quotidiana e regolare delle medicine alla stessa ora. Tra le istruzioni per viaggiare sicuri, se la destinazione è lontana, e quindi raggiungibile dopo alcune ore di volo, si raccomanda di aumentare o ridurre la dose del farmaco a seconda della differenza di fuso orario perché il ritmo sonno-veglia, se sconvolto, può rappresentare un fattore di rischio. Le differenze di fuso orario, infatti, potrebbero alterarlo fino a due o tre giorni dopo il volo.

Notizie correlate

21/05/2020

Farmaci contro il dolore, dal minSal via libera a prescrizione con ricetta dematerializzata

Anche i farmaci contro il dolore potranno essere prescritti con ricetta elettronica. Questo uno degli effetti dell'emergenza Coronavirus previsto nella circolare inviata alle regioni dal Ministero della Salute il 14 maggio scorso, che chiarisce la possibilita' di ottenere con prescrizioni dematerializzate anche i medicinali a base di sostanze stupefacenti e psicotrope, tra cui quelli per la terapia del dolore...
21/02/2020

Farmaci, attesi per fine anno in Europa 76 nuovi medicinali

Nel corso del 2020 potrebbero essere approvati in Europa ben 76 nuovi medicinali: 44 contenenti nuove sostanze attive (di cui 22 prodotti orfani per il trattamento di patologie rare e 22 medicinali non orfani), 14 biosimilari e 18 equivalenti...
07/01/2020

Un farmaco "di lunga durata" copia l'azione degli ormoni

E' stato sviluppato un nuovo biomateriale che permetterà, in un prossimo futuro, il rilascio continuato nel tempo di proteine terapeutiche. Per ora questo genere di sistema è stato somministrato, in via sottocutanea...
30/05/2019

Corte dei Conti, nel 2018 aumentati ticket su farmaci e prestazioni

"Sul fronte delle entrate, crescono dell'1,1% le compartecipazioni sulle prestazioni sanitarie. Prendendo in considerazione anche i ticket sui farmaci, il contributo complessivo richiesto ai cittadini cresce nel 2018 del 2,6%"...
09/04/2019

Farmaci, 50 nuove sostanze attive sul mercato ogni anno da qui al 2023

In termini di investimenti in ricerca e sviluppo, il settore farmaceutico è in continua crescita. Si stima che in media nel periodo 2019-2023 saranno immesse sul mercato...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni