Resistenza antimicrobica, oltre 20 aziende biofarmaceutiche investono 1 miliardo di dollari per la ricerca

10/07/2020 12:15:09
Rendere disponibili ai pazienti da 2 a 4 nuovi antibiotici entro il 2030 e promuovere le necessarie soluzioni politiche a lungo termine. Con questo obiettivo oltre 20 importanti aziende biofarmaceutiche annunciano il lancio del AMR Action Fund, un partenariato innovativo. Finora le aziende hanno raccolto quasi 1 miliardo di dollari statunitensi in nuovi finanziamenti per sostenere la ricerca clinica di nuovi antibiotici innovativi mirati a contrastare i batteri più resistenti e le infezioni potenzialmente mortali. Attraverso l'AMR Action Fund, le case farmaceutiche uniranno le forze con enti caritatevoli, banche di sviluppo e organizzazioni multilaterali per rafforzare e accelerare lo sviluppo di antibiotici.
Questi trattamenti sono necessari con urgenza, per affrontare il rapido aumento di infezioni resistenti agli antibiotici, note anche come resistenza antimicrobica, o AMR che si profila in grado di superare in decessi e costi economici della Covid-19. Basti pensare che ogni anno 700mila persone muoiono a causa della resistenza antimicrobica. In alcuni degli scenari più allarmanti si stima che, entro il 2050, l'AMR potrebbe mietere ogni anno fino a 10 milioni di vite umane. A differenza del COVID-19, l'AMR è una crisi che può essere prevista ed evitata. Dobbiamo agire insieme per ricostruire la pipeline di trattamenti e permettere che gli antibiotici più promettenti e innovativi passino dai laboratori ai pazienti", ha dichiarato Thomas Cueni, direttore generale dell'IFPMA, tra gli organizzatori del nuovo fondo.
Con questo investimento da parte delle maggiori società biofarmaceutiche, l'AMR Action Fund rappresenterà la più grande impresa collettiva mai realizzata per rispondere alla resistenza antimicrobica. A suo sostegno si è espresso anche il direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus. “L'AMR è uno tsunami lento che minaccia di azzerare un secolo di progressi nel campo medico. Valuto molto positivamente questo nuovo coinvolgimento del settore privato nello sviluppo di terapie antibatteriche che sono necessarie con urgenza. L'OMS è impaziente di collaborare con l'AMR Action Fund per accelerare la ricerca volta ad affrontare questa crisi per la sanità pubblica”.

Ultime notizie

07/08/2020

“Reuma che? Parlane con il tuo farmacista”, Apmarr e Federfarma insieme per la prevenzione delle malattie reumatologiche

Conoscere per riconoscere la sintomatologia tipica delle patologie reumatologiche, troppo spesso scambiate per artrosi o reumatismi con l’effetto, deleterio, di ritardare la diagnosi precoce della malattia. È...
07/08/2020

Piano per recupero prestazioni sospese o ridotte approvato dalla Giunta regionale di Perugia, coinvolti i farmacisti

Un approccio integrato e multiprofessionale che vede coinvolti i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta, gli specialisti e i farmacisti, la riorganizzazione dell'attivita' del Cup regionale su due livelli, il primo dei...
07/08/2020

Pandemia, gli scenari della fase 3 nel dossier Iss-minSal. Cossolo: “Supporto al Ssn con telemedicina”

Un dossier riservato stilato dagli esperti dell’ISS e del ministero della Salute, analizza quanto potrà accadere in autunno in Italia, in caso dovesse arrivare una seconda ondata di Coronavirus. Si parla della...
07/08/2020

Carenza medici di base a Verona, Petrosillo (Sunifar): “problema che si ripercuote sull’intero sistema a discapito del cittadino”

“Il triste primato segnalato dall’Ordine dei medici della provincia di Verona, che riguarda la carenza dei medici di medicina generale, è un fenomeno da tempo noto e sempre più diffuso, tanto da aver raggiunto livelli ormai veramente allarmanti”. Parla così il presidente del Sunifar, Gianni Petrosillo, in merito alle criticità per il territorio veronese, di competenza dell’Ulss Scaligera, che emergono dal terzo approfondimento dell’Ires Cgil Veneto (Istituto per le ricerche economiche e sociali) sul sistema socio-sanitario regionale. Il territorio scaligero, secondo i dati...
07/08/2020

Farmacia dei servizi, Tobia: “Giunto il momento di far ripartire la sperimentazione”

L’emergenza Covid-19 ha comportato la sospensione della sperimentazione della farmacia dei servizi, ma ora “è venuto il momento di riprendere le procedure avviate nelle 9 Regioni individuate per la prima fase della sperimentazione stessa (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Umbria, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia) e, allo stesso tempo, di mettere in moto la macchina nelle altre 7 Regioni a statuto...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni