Effetto Covid in farmacia, più vitamine, meno 'pillola blu'. Doppio aumento di Idrossiclorochina acquistata di tasca propria

30/07/2020 08:53:29
Piu' idrossiclorochina acquistata di tasca propria dal paziente, piu' ansiolitici, vitamina C e vitamina D. Brusco calo invece per la pillola dell'amore e riduzione anche per i Fans, gli antinfiammatori non steroidei. I farmaci venduti in farmacia negli ultimi mesi raccontano il susseguirsi di informazione e notizie, spesso non sempre attendibili, che hanno accompagnato l'emergenza coronavirus in Italia. A fare il punto e' il Rapporto OsMed sull'uso dei farmaci durante l'epidemia Covid-19, presentato ieri dall'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa).
 
L'idrossiclorochina che, pur essendo un farmaco in classe A, puo' essere erogato direttamente al paziente a proprio carico, ha visto un picco di approvvigionamento da parte delle farmacie ad aprile 2020, "mese che ha fatto registrare, rispetto a marzo 2020, un incremento in termini di confezioni di piu' del doppio rispetto alla media dei tre mesi pre COVID-19". Molte notizie che si sono susseguite nel corso del periodo pandemico hanno attribuito all'acido ascorbico (vitamina C) ad alte dosi proprieta' curative e preventive contro il Sars- Cov-2. Di conseguenza, si vede un "incremento nell'approvvigionamento che raggiunge un picco proprio a marzo 2020". Molte le notizie diffuse correlate anche alla possibile utilita' dell'integrazione di vitamina D per ridurre i rischi di infezioni acute delle vie respiratorie, come si rispecchia nell'incremento maggiore da parte delle farmacie nel periodo febbraio-marzo.
 
Gli ansiolitici dispensati con ricetta sono tra i prodotti per i quali le farmacie si sono approvvigionate maggiormente, e soprattutto in corrispondenza del lockdown, con un calo nei mesi successivi di aprile e maggio. Tendenza andata di pari passo con la riduzione di acquisti di inibitori della fosfodiesterasi per la disfunzione erettile, segno di "una modifica nei comportamenti abituali" durante la quarantena. I dati mostrano, infine, un  calo marcato dell'utilizzo di Fans, come l'ibuprofene, dopo l'allarme per un possibile effetto negativo sui pazienti Covid lanciato a inizio pandemia.

 

Notizie correlate

01/12/2020

Emilia Romagna, presto tamponi rapidi in farmacia. Nel Lazio primo bilancio molto positivo

"Presto si potranno effettuare tamponi rapidi, oltre che dai medici di medicina generale, anche nelle farmacie". Ad assicurarlo è Raffaele Donini, assessore regionale dell'Emilia-Romagna alle politiche per la salute, durante una diretta...
25/11/2020

Covid-19, Federfarma Calabria: Servizi efficaci ed efficienti dalle farmacie

Anche in Calabria, dove la sanità  è oggetto in questo periodo di pesanti critiche le farmacie hanno dimostrato di essere in grado di offrire ai cittadini un servizio efficace ed efficiente, all’avanguardia a livello nazionale. A sottolinearlo una nota di...
16/11/2020

Aggiornamenti in merito alla disponibilità di ossigeno medicale

In relazione alle recenti notizie apparse sui media riguardo alla mancanza di ossigeno in alcune aree del territorio nazionale e, più in generale, sulle forniture di ossigeno medicinale alle strutture ospedaliere e ai pazienti serviti a domicilio, AIFA, Assogastecnici e Federfarma desiderano condividere alcuni aggiornamenti su tale rilevante questione....
16/11/2020

Rapporto Cittadinanzattiva, fondamentale il ruolo della farmacia durante la pandemia

Fin dalle prime fasi dell’emergenza, le farmacie sono state in prima linea rimanendo uno dei pochi punti di riferimento dei cittadini. Questo è uno degli aspetti principali che è emerso dal rapporto "Il ruolo delle farmacie e la loro relazione con i cittadini nell'emergenza Covid-19", presentato da Cittadinanzattiva in collaborazione con...
12/11/2020

Bombole ossigeno inutilizzate. Federfarma: riportatele in farmacia

“Se hai a casa bombole di ossigeno che non usi, riportale in farmacia”. Questo l’appello rivolto ai cittadini dalle oltre 18mila farmacie aderenti a Federfarma, in linea con quanto emerso nel corso del Tavolo di confronto avviato dall’AIFA con Federfarma e Assogastecnici (Associazione delle aziende che operano nel campo della produzione e distribuzione dei gas tecnici, speciali e medicinali) per individuare le soluzioni più idonee ad assicurare le terapie necessarie a tutti i malati in assistenza domiciliare....


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni