Dl agosto, Petrosillo (Sunifar): “Un vero e proprio cambiamento culturale puntare sui piccoli centri e sulle aree montane”

31/07/2020 10:46:28
"Per l'attuazione del Programma Nazionale di Riforma del triennio 2021-23, in applicazione agli impegni connessi con il Recovery Plan stabilito in sede europea, e per gli investimenti a esso connesso, il governo è impegnato a porre 'particolare attenzione alle aree interne e a quelle montane'": a stabilirlo il Parlamento, con voto congiunto sia dell'aula del Senato che della Camera, approvando la risoluzione della maggioranza (a Montecitorio a prima firma Crippa, Delrio, Boschi, Fornaro). Con questo voto, impegnativo, si apre ora la strada all'impiego a favore delle aree interne e montane nazionali di una quota parte dei 209 miliardi del Recovery Fund ottenuto nel corso del negoziato in sede di Consiglio europeo la scorsa settimana. Hanno votato a favore le forze parlamentari di maggioranza. Hanno votato contro le opposizioni. Soddisfazione in proposito viene espressa da Enrico Borghi, consigliere del governo per la montagna e membro della presidenza Pd a Montecitorio. “Uno dei primi impegni - si legge in una nota - che ci siamo assunti agli Stati Generali della Montagna di Roccaraso è stato concretizzato, con buona pace di chi sostiene che facciamo solo belle parole e che poi nelle aule parlamentari vota contro i provvedimenti a favore dei territori montani per puro spirito di fazione". "Ora - conclude - si apre la strada per utilizzare le importanti risorse europee a favore delle aree montane, rurali e interne nell'ambito della strategia nazionale della green community, per immaginare una specifica linea di programmazione sui fondi di coesione 2021-2026 a favore della montagna e per dare concretezza alla strategia di ammodernamento e di riequilibrio territoriale che abbiamo in animo di realizzare".

“Prendiamo atto con soddisfazione di un cambiamento storico - spiega con soddisfazione Gianni Petrosillo, presidente del Sunifar – che ha partecipato ai lavori di Roccaraso e che vede nella sopravvivenza dei piccoli centri delle aree interne, ed in particolare delle aree montane, la forza di rilancio del paese. “Ora è arrivato il momento di azioni concrete, la farmacia è pronta fare la sua parte  con la sua presenza capillare sul territorio, potenziando la sua offerta  di servizi in quelle aree lontane dai centri abitati principali nelle quali i servizi pubblici sono scarsamente presenti, se non del tutto assenti e dove spesso la farmacia costituisce l’unico presidio sanitario facilmente accessibile”, aggiunge Petrosillo.
“Abbiamo ricordato a Roccaraso come, con la sua capillarità – continua - il “Sistema Farmacia” garantisce uguaglianza di prestazioni in modo diffuso su tutto territorio nazionale, anche nelle aree non attrattive dal punto di vista economico, dove porta l’assistenza, l’ascolto dei bisogni di salute del cittadino, la consulenza e tutte le prestazioni della farmacia dei servizi. Grazie alle farmacie rurali, tutto ciò viene assicurato anche nei piccoli e piccolissimi centri con la medesima professionalità e qualità dell’offerta delle farmacie dei grandi centri abitati”.

Per Petrosillo, assicurare in queste aree le condizioni di operatività, significherebbe incoraggiare la permanenza stessa del presidio farmaceutico e, con questa, mantenere e, ove possibile, implementare la gamma di prestazioni, con diretta azione di contrasto del fenomeno del declino demografico.

“Oggi è necessario – conclude il presidente Sunifar - ripensare un modello di sanità “sostenibile” che parta dai bisogni delle persone e valorizzi le competenze dei farmacisti, operatori sanitari qualificati, integrati ed operanti nel tessuto sociale e nella rete territoriale. Un modello che operi attivamente nella lotta alle disuguaglianze arrivando anche in quelle  aree interne che vedono una popolazione di  10 milioni di persone in grande difficoltà nella fruizione dei servizi sanitari, aree in cui i farmacisti sono un baluardo per la tutela di salute sul territorio, filtro per evitare un accesso improprio al pronto soccorso, garanzia di aderenza alla terapia e supporto costante del malato cronico” .
 

Ultime notizie

03/08/2020

Bilancio pandemia, Oms: "Pesante impatto su vaccinazioni e cure cancro"

"Oltre al bilancio diretto di Covid-19, il Comitato d'emergenza Covid-19 ha preso atto dell'impatto sulla salute che l'interruzione dei servizi sanitari sta avendo su una serie di altre malattie. Ciò aggrava quanto già sappiamo sulla riduzione della copertura immunitaria, sullo screening e sulla cura del cancro e sui servizi di...
03/08/2020

Coronavirus, Zingaretti: "Parte sperimentazione vaccino made in Italy"

Compie importanti passi in avanti la ricerca italiana di un vaccino contro il Covid-19. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti dà notizia sul suo profilo Twitter che “Da Roma parte la sperimentazione del vaccino Covid made in Italy finanziato dalla Regione Lazio e dal ministero dell’Università e della Ricerca, che coinvolgerà anche...
03/08/2020

Vaccino anti Covid-19, Commissione Ue accordo preliminare per acquisto di 300mln di dosi

Non appena verrà dimostrata la sicurezza e l'efficacia di un vaccino contro il COVID-19, la Commissione europea disporrà di un quadro contrattuale per acquistarne 300 milioni di dosi, per conto di tutti gli Stati membri. È quanto discusso nei corso dei colloqui esplorativi con la società farmaceutica Sanofi per l'acquisto di un potenziale vaccino contro... 
03/08/2020

Boom importazione farmaci Covid-19, Tobia: “Cattiva informazione causa effetti negativi su salute pubblica”

Il coronavirus, oltre a causare numerosi danni in termini di vite umane e di costi, ha procurato anche un’impennata di importazioni di farmaci promossi come trattamenti per il Covid-19, la cui efficacia non è provata e possono, invece, causare gravi effetti collaterali. A dare l’allarme sono le autorità australiane perché l'Australian Border Force, parte del Dipartimento affari interni, ha registrato un netto aumento nell'importazione sia della medicina erboristica cinese, efedra, sia di idrossiclorochina, un farmaco contro la...
31/07/2020

“In farmacia per i bambini”, al via a novembre l’ottava edizione dell’iniziativa della Fondazione Rava in collaborazione con Ferderfarma

“Tutta beneficenza a chilometro zero”. È così che in un’intervista su Federfarma Channel Emanuela Ambreck, coordinatrice dei progetti medici della Fondazione Francesca Rava N.p.h Italia Onlus, parla della Campagna “In Farmacia per I bambini”, dedicata alla raccolta di farmaci...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni