La somministrazione del vaccino da parte del farmacista, la situazione in Europa

16/10/2020 09:05:41
In Europa alcuni Servizi Sanitari hanno compreso da molti anni l’importanza dell’utilizzo del farmacista in farmacia per raggiungere gli obiettivi, fissati dall’OMS, di aumento della copertura vaccinale.
Sono otto i Paesi dell’UE che attualmente permettono la vaccinazione in farmacia. Il Portogallo è il Paese che ha iniziato prima, con un progetto pilota nel 2007, seguito pochi anni dopo da Irlanda (2011) e Regno Unito (2010). Quest’ultimo Paese, comprendendo l’importanza di aumentare la copertura vaccinale antiinfluenzale in tempi di covid-19, ha deciso, solo per quest’anno, di aumentare l’onorario professionale legato all’atto dell’inoculazione del vaccino in farmacia.
Più recentemente, ma il primo progetto pilota con la sperimentazione di due Regioni è partito nel 2017, la Francia, il cui servizio, come negli altri 3 Paesi, è partito l’anno scorso su tutto il territorio nazionale.  Anche la Danimarca è partita nel 2017 e la campagna vaccinale 2020-21 vede ai nastri di partenza 380 farmacisti in farmacia adeguatamente formati per la somministrazione del vaccino, in un Paese con meno di 500 farmacie.  I farmacisti danesi sono anche pronti a somministrare il vaccino contro la polmonite da pneumococco.
A tale gruppo di testa si è unita recentemente la Germania, che ha modificato la normativa nazionale nel marzo 2020, dando così la possibilità di partire in questi giorni in via sperimentale con alcune centinaia di farmacisti nella Regione della Renania del Nord, Amburgo e nella Saar. Anche la Lituania è partita dal 1° Novembre con la vaccinazione antinfluenzale, ma il corso di formazione seguito dai farmacisti in farmacia permetterà loro anche di vaccinare contro l’encefalite da zecche, il morbillo e il vaccino anti covid-19, quando disponibile.
Da ultimo la Grecia, che ha recentemente modificato la legislazione nazionale per permettere la somministrazione in farmacia e dove stanno cominciando ora i corsi di formazione obbligatori per far partire al più presto tale servizio in farmacia che permetterà loro di somministrare anche le immunoglobuline antitetaniche. (ML)

Notizie correlate

20/10/2020

Vaccinazioni in farmacia, a Torino le prove pratiche del corso Utifar

Sono 250 i farmacisti delle farmacie di Torino che in questi giorni sono impegnati nella prova pratica a conclusione del corso promosso dall’Utifar per fornire ai farmacisti le competenze...
11/09/2020

Farmacista vaccinatore, Gaudioso: “Nulla di scandaloso, succede già in molti altri Paesi”

Il farmacista vaccinatore, che è già realtà in 36 Paesi del mondo ed è una proposta in fase di sviluppo in altri 16,  convince anche la società civile. Lo conferma il segretario...
04/09/2020

Farmacista vaccinatore, Utifar: formazione accresce competenze

Dallo scorso 20 agosto, l’Unione tecnica Italiana farmacisti propone attraverso il sito internet www.utifar.it , il percorso formativo Ecm “Il farmacista e le vaccinazioni”. Si tratta di una formazione a distanza, rivolta sia ai farmacisti territoriali che ospedalieri e fruibile online senza orari prestabiliti. I contenuti, per i quali Utifar si avvale della collaborazione...
01/03/2019

Rapporti con l’Europa, Tobia: “Diffuse le nostre esperienze e le nostre best practices”

Rafforzare la presenza della ‘farmacia’ italiana sul palcoscenico europeo. A parlare dell’obiettivo messo in campo da Federfarma in questi 20 mesi di attività, è stato il tesoriere...
11/05/2017

Consumo farmaci, per Eurostat italiani tra i più morigerati

Nell’Unione europea l’Italia è tra i Paesi che registrano il minor consumo di medicinali, con e senza obbligo di ricetta: soltanto il 38,4% dei suoi abitanti dichiara di aver usato farmaci etici in un arco di tempo di due settimane, quando la media europea...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni