Congresso Sif, cresce la povertà farmaceutica. Milioni di italiani non possono curarsi

16/03/2021 08:52:41
La povertà economica, che secondo i dati Istat nel 2019 ha investito quasi 1,7 milioni di famiglie (6,4% del totale) in Italia, rende più problematica quella sanitaria che, di fatto, cresce parallelamente. E’ la fotografia scattata nel corso del Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia (SIF), dalla relazione del Professor Silvano Cella, dell’Università degli Studi di Milano e membro SIF. In Italia le persone indigenti possono permettersi una spesa sanitaria pro-capite equivalente a 1/6 (16%) di quella sostenuta dalle persone non povere. Il contenimento della spesa sanitaria viene perseguito dalle famiglie povere soprattutto limitando il numero delle visite e degli accertamenti a scopo diagnostico e preventivo.
Per le persone indigenti spesso, l’unica possibilità di ricevere gratuitamente assistenza medica primaria e terapie farmacologiche – precisa la Sif – è rappresentata dagli ambulatori degli Enti Caritativi del territorio, che svolgono un ruolo sussidiario fondamentale, integrandosi o sostituendosi efficacemente all’intervento pubblico. Tra le necessità fondamentali delle persone povere c’è anche quello di poter accedere alle terapie farmacologiche. Infatti, analizzando la composizione della spesa per tipo di prestazione, dal report Istat emerge che nel 2019 gli indigenti hanno destinato la maggior parte (63%) del loro budget sanitario all’acquisto di farmaci, diversamente dalle persone non povere per le quali questa voce rappresentava una parte minoritaria della spesa destinata alla salute. E proprio per soddisfare questa esigenza, gli Enti Caritativi si avvalgono soprattutto delle donazioni da parte di Organizzazioni non profit come il Banco Farmaceutico.
Quest’anno sono state 468.000 le confezioni di medicinali donate dai cittadini durante la GRF, Giornata di Raccolta del Farmaco di Banco Farmaceutico (dal 9 al 15 febbraio), che ha il patrocinio di Federfarma, pari a un valore superiore a 3,5 milioni di euro. Questi farmaci aiuteranno più di 434.000 persone povere di cui si prendono cura 1.790 realtà assistenziali convenzionate con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus.  All’iniziativa hanno aderito 4.869 farmacie e hanno collaborato più di 14.000 volontari.

Notizie correlate

21/01/2022

Sanità, per 630 mila famiglie spese insostenibili. Il rapporto Crea Sanità

Siamo il Paese dell'Unione Europea che fa minore ricorso al ricovero in rapporto alla popolazione, ma con durata media di degenza più alta. E' quanto emerge dal XVII Rapporto del... 
27/07/2021

Crisi economica, Petrosillo: “Farmacia tassello essenziale della ripresa della crescita”

Il presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi ha recentemente dichiarato che l’Italia è tra i Paesi dell’UE che stanno meglio reagendo alla crisi sul piano economico e siamo soddisfatti di vedere che questo vale anche per il settore delle farmacie. Da aprile, si sta registrando una crescita del mercato...
24/02/2021

Confcommercio, in 7 anni spariscono 77mila attività commerciali. Farmacie le meno colpite dalla desertificazione

Dal 2012 al 2020 hanno chiuso in Italia  oltre 77mila attività di commercio al dettaglio e quasi 14mila imprese di commercio ambulante. E' quanto rileva l'analisi dell'Ufficio Studi di...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni