Prodotti omeopatici, cresce l’acquisto online. Rischi per provenienza e mancata consulenza del farmacista

21/04/2021 09:59:09
Il consumo di prodotti omeopatici e il relativo acquisto on line, cresce con il perdurare della pandemia. Parallelamente cresce anche il rischio di perderne tracciabilità della provenienza e, quindi, garanzie sulla sicurezza.
A rilevarlo sono i dati dell’indagine a campione, condotta da Doxapharma per Omeoimprese, l'associazione che in Italia rappresenta il comparto omeopatico, che evidenziano come un consumatore su 2 faccia acquisti sul web. E se la media è di almeno 4 prodotti in un anno comprati con e-commerce, una buona parte arriva ad acquistarne fino a 8.
A fronte di una presunta maggiore gamma di prodotti tra cui scegliere, gli acquisti on line di sostanze omeopatiche comportano una serie di rischi. Come accade anche per i farmaci, comprando online da siti non certificati non si è sicuri della provenienza, del contenuto e dello stato di conservazione di ciò che si acquista. In secondo luogo – come sottolineato dallo stesso presidente di Omeoimprese, Giovanni Gorga, - "viene meno il consiglio da parte del farmacista, che è fondamentale per la corretta assunzione".
Federfarma, da anni, mette in guardia da questi rischi ed è in prima linea, insieme ad Aifa e ministero della Salute, nel sottolineare l’importanza di acquistare prodotti per la salute da siti di farmacie reali, che presentano il “common logo”. Unica via per evitare possibili rischi di una diffusione incontrollata delle vendite online. Sempre Federfarma ha più volte ribadito che anche i prodotti di uso comune, come gli integratori, possono interferire con farmaci, cibi ed altre sostanze. Il farmacista in farmacia è in grado di consigliare il cittadino sul prodotto più adatto, supporto che on line rischia di venire meno.
 
 
 

Notizie correlate

16/03/2022

Farmacie, IQVIA: salgono del 14% le vendite online nel 2021

Secondo i dati di Iqvia, in Italia continua il trend di crescita delle vendite di farmaci online passando da 383,1 milioni di euro nel 2020 a 437,3 milioni nel 2021. Aumento ancora più...
21/01/2022

Vendite online illegali di farmaci veterinari, dall’Europa misure più incisive per il contrasto

E’ stata approvata la Legge europea 2019/2020 che dispone misure più incisive per il contrasto alle vendite online illegali di farmaci veterinari, di prodotti cosmetici e...
11/05/2021

Covid, boom di farmaci contraffatti acquistati on line. In Italia +45% in un anno

Boom di farmaci contraffatti in Italia, con i sequestri da parte delle autorità competenti cresciuti del +45% nel 2020 rispetto all'anno...
26/01/2021

Vendita illegale farmaci on line: Federfarma scrive ad Aifa per segnalare iniziativa "Farmacia Valore Salute"

Nella consueta opera di segnalazione di siti Internet attivi nella vendita illegale di farmaci, Federfarma ha scritto ad Aifa affinché richieda l’oscuramento del sito relativo all’iniziativa commerciale di SPEM S.p.A...
18/01/2021

Mercato illecito farmaci, sequestrate dai Nas 2000 pillole cinesi antiCovid

Da creme per il corpo a medicinali contro il raffreddore, fino a pillole contenenti un cocktail di erbe per alleviare i sintomi del Covid-19. Sono 437 le confezioni di farmaci illegali, vendute sottobanco presso negozi della comunità asiatica sequestrate dai...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni