Farmaci, negli Usa storica riforma sul prezzo

07/05/2021 09:00:19
La chiamano la via di Biden alla “welfarizzazione” della società americana e tale affermazione non sembra del tutto peregrina se si guarda a quanto successo recentemente a Washington.
Sta per cadere, infatti, uno dei pilastri che oggi distingue la costruzione del servizio farmaceutico americano da quello in voga negli Stati europei, ovvero la libertà per le industrie di fissare a proprio piacimento il prezzo dei farmaci ad uso umano.
Gli Stati Uniti si stanno preparando a lanciare una profonda riforma sul prezzo del farmaco. 
I leader del Partito Democratico della Camera dei Rappresentanti, attualmente in maggioranza, hanno pubblicato la proposta di regolamentazione del settore farmaceutico che include, tra gli altri aspetti, la possibilità di negoziare i prezzi dei farmaci non solo per il settore pubblico (ovvero i programmi di assistenza che prendono il nome di Medicare e Medicaid), ma anche, ed è questa l’enorme novità, per il settore privato.
Il nuovo Sistema prevede la creazione di un indice di prezzi esteri di riferimento, all’interno del quale verranno inseriti i prezzi praticati in 6 Paesi: Australia, Canada, Francia, Germania, Giappone e Regno Unito.  L’obiettivo finale è, quello di ridurre notevolmente i prezzi praticati negli Stati Uniti. 
La strategia prevede due fasi di attuazione. Dapprima permettere al ministero della Salute di negoziare i prezzi dei farmaci sulla base dell’Indice dei prezzi esteri di riferimento per quanto riguarda sia il settore privato che quello pubblico. 
La seconda parte della strategia riguarda lo stretto controllo del tasso di incremento di tali prezzi nel corso del tempo.
Per quanto riguarda il piccolo settore pubblico, il Ministero si occuperà subito di negoziare i prezzi dei 250 farmaci che pesano di più sulle casse federali a causa della mancanza di competitori sia nel campo degli equivalenti che in quello dei biosimilari.  Questo comparto, ad esempio, pesa per il 96% delle spese imputate a Medicare sezione B.
 La mancanza di un riferimento di prezzi praticati in altri Paesi, non garantirà alle industrie americane dei profitti enormi, seppur limitati nel tempo, in quanto il progetto del Partito democratico prevede un rimborso al Tesoro americano nel caso in cui il prezzo di quel medesimo prodotto, stabilito successivamente in uno dei Paesi del benchmark, sia superiore del 200 % rispetto a quello americano.  In tal caso il rimborso sarà pari alla differenza tra i due prezzi.
Le negoziazioni per la fissazione del prezzo non si baseranno solo sull’indice internazionale dei prezzi, ma terranno conto anche del costo della ricerca, del costo di produzione, delle comparabili alternative terapeutiche, delle informazioni sui volumi di vendita nazionali e internazionali.
Sono previste anche pesanti sanzioni per le industrie che si rifiutassero di negoziare o di addivenire ad un accordo sul prezzo.  Inizialmente tali sanzioni potrebbero pesare per il 65% del fatturato e nel corso degli anni si potrà raggiungere anche il tetto del95 %.  (ML)
 

Notizie correlate

03/06/2021

Prezzo dei farmaci, online il nuovo portale Aifa per i dossier digitali

È online, dal 31 maggio, il nuovo portale ‘e-Dossier Prezzo e Rimborso’ di Aifa, l’interfaccia elettronica resa disponibile alle aziende farmaceutiche per la predisposizione in...
08/05/2021

Vaccini Covid, Biden favorevole a revoca brevetti

Liberare i brevetti dei vaccini anti-Covid per la durata dell'emergenza, permettendo di garantirne uno sfruttamento diffuso e universale, anche da parte dei Paesi più poveri. E’ questo l’obiettivo dell'amministrazione di Joe Biden che...
06/05/2021

Vaccini Covid, gli Usa accelerano, in aumento vaccinazioni nelle farmacie senza prenotazioni

Almeno il 70% degli adulti americani vaccinati con la prima dose e 160 milioni pienamente immunizzati, ossia la metà della popolazione: è il nuovo ambizioso traguardo...
09/04/2021

Usa, raddoppiano le farmacie che somministreranno il vaccino

Il Presidente americano Joe Biden ha recentemente annunciato che il numero delle farmacie in grado di offrire la vaccinazione contro il covid-19 raddoppierà a breve, secondo la pianificazione messa a punto dal Pentagono.
Il Presidente Biden ha anche pregato gli Stati, e i suoi Governatori, di proseguire l’impegno nel contrasto al covid-19 e di non eliminare l’obbligo di indossare le mascherine.  Il Presidente ha detto che indossare le mascherine è...
25/01/2021

Nuovi farmaci, 72 quelli autorizzati nel 2020. Sono 83 quelli attesi per il 2021

Sono stati 72 i nuovi farmaci autorizzati a livello europeo nel 2020. Di questi, circa il 50% è rappresentato da medicinali antineoplastici e immunomodulatori destinati al trattamento di alcuni tipi di tumori solidi e...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni