Green pass e Covid-19, il Garante privacy solleva dubbi. Farmacie in attesa di delucidazioni

18/05/2021 09:12:35
Il governo accelera sull'avvio del green pass per far ripartire il turismo, anticipando anche l'Europa, mentre il Garante della Privacy frena osservando che ci sono ancora problemi da superare per garantire la riservatezza dei dati. Il certificato verde è già in vigore in Italia dal 26 aprile e consente a chi è stato vaccinato, ha avuto il covid o ha un tampone negativo non solo gli spostamenti, ma anche l'ingresso agli eventi nei quali non è possibile il distanziamento sociale.  Il Garante della Privacy, a seguito dell'introduzione dello strumento con il decreto Riaperture, ha avviato un'interlocuzione con il governo per modificare il testo, sostenendo che potrebbero essere inseriti molti meno dati. Tra i punti messi in evidenza, a essere contestate, in quanto eccedenti le finalità di verifica, sono «l'indicazione del numero di dosi di vaccino o del tipo di vaccino, ma anche la previsione di modelli di certificazioni verdi diversi a seconda della condizione (vaccinazione, guarigione, test negativo) in virtù della quale esse sono rilasciate». Si tratta di dati, infatti, che potrebbero palesare aspetti dello stato di salute dei cittadini e che non sono rilevanti.
Le farmacie sono coinvolte in prima persona per quanto riguarda il rilascio del certificato in caso di test antigenici rapidi, così come lo saranno a breve, con l’avvio della campagna vaccinale nelle farmacie di tutta Italia, anche per l’erogazione del green pass vaccinale. Ci sono però criticità relative al rilascio del certificato, per le quali le farmacie sono in attesa di delucidazioni.
Le farmacie venete, intanto, forniscono il certificato con l’esito del tampone rapido. I cittadini, muniti di tessera sanitaria, potranno richiedere in farmacia il certificato del tampone in lingua inglese. «L’importanza di questo certificato sta proprio nel suo utilizzo legale per l’espatrio perché questa è l’unica modalità consentita dalle attuali normative», dichiara Elena Vecchioni, presidente di Federfarma Verona.

Notizie correlate

23/09/2021

Tamponi in farmacia, Cossolo: “Con green pass aumento notevole di test”

Con la ripresa delle lezioni scolastiche in presenza e delle attività lavorative, sportive e ricreative che richiedono il Green Pass, l’attività di testing nelle farmacie italiane è aumentata considerevolmente. Chi non è vaccinato, infatti, per poter ottenere il certificato verde e accedere a tutti i luoghi in cui è obbligatorio, deve sottoporsi al tampone che...
17/09/2021

Covid, sì definitivo del Senato a dl green pass. Vaccino antinfluenzale in farmacia tra le novità del testo

Il Senato ha approvato definitivamente il decreto sul Green Pass, già licenziato dalla Camera il 9 settembre scorso. Tra le novità del decreto anche la possibilità di effettuare le...
15/09/2021

Operatori della distribuzione Intermedia Farmaceutica, Adf chiede green pass e vaccino anti-Covid obbligatori

“Mentre prosegue l’iter parlamentare del decreto sulle misure per fronteggiare l’emergenza COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche...
02/09/2021

Green pass, Cossolo: “Aumento del 50% delle richieste di tamponi”

«Registriamo un aumento almeno del 50% delle richieste di tamponi da quando è stato introdotto il Green Pass obbligatorio» lo sottolinea il presidente di Federfarma Marco Cossolo. Un incremento che sarà amplificato dall’introduzione dell’obbligo per entrare...
06/08/2021

Green pass, da oggi obbligatorio in Italia. Le regole chiarite dalla circolare del Ministero della Salute

Anche gli italiani residenti e vaccinati o guariti all'estero, potranno richiedere il Green pass obbligatorio da oggi, 6 agosto. A precisarlo è il ministero della Salute in una...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni