Green pass e Covid-19, il Garante privacy solleva dubbi. Farmacie in attesa di delucidazioni

18/05/2021 09:12:35
Il governo accelera sull'avvio del green pass per far ripartire il turismo, anticipando anche l'Europa, mentre il Garante della Privacy frena osservando che ci sono ancora problemi da superare per garantire la riservatezza dei dati. Il certificato verde è già in vigore in Italia dal 26 aprile e consente a chi è stato vaccinato, ha avuto il covid o ha un tampone negativo non solo gli spostamenti, ma anche l'ingresso agli eventi nei quali non è possibile il distanziamento sociale.  Il Garante della Privacy, a seguito dell'introduzione dello strumento con il decreto Riaperture, ha avviato un'interlocuzione con il governo per modificare il testo, sostenendo che potrebbero essere inseriti molti meno dati. Tra i punti messi in evidenza, a essere contestate, in quanto eccedenti le finalità di verifica, sono «l'indicazione del numero di dosi di vaccino o del tipo di vaccino, ma anche la previsione di modelli di certificazioni verdi diversi a seconda della condizione (vaccinazione, guarigione, test negativo) in virtù della quale esse sono rilasciate». Si tratta di dati, infatti, che potrebbero palesare aspetti dello stato di salute dei cittadini e che non sono rilevanti.
Le farmacie sono coinvolte in prima persona per quanto riguarda il rilascio del certificato in caso di test antigenici rapidi, così come lo saranno a breve, con l’avvio della campagna vaccinale nelle farmacie di tutta Italia, anche per l’erogazione del green pass vaccinale. Ci sono però criticità relative al rilascio del certificato, per le quali le farmacie sono in attesa di delucidazioni.
Le farmacie venete, intanto, forniscono il certificato con l’esito del tampone rapido. I cittadini, muniti di tessera sanitaria, potranno richiedere in farmacia il certificato del tampone in lingua inglese. «L’importanza di questo certificato sta proprio nel suo utilizzo legale per l’espatrio perché questa è l’unica modalità consentita dalle attuali normative», dichiara Elena Vecchioni, presidente di Federfarma Verona.

Notizie correlate

19/03/2022

Covid, Cdm approva le nuove misure: graduale allentamento delle restrizioni

Il Consiglio dei ministri ha approvato all'unanimità il dl sulle riaperture che traccia la roadmap verso la fine della pandemia. Dal 1° aprile l’Italia non sarà più in stato di emergenza e, di conseguenza, verranno dismessi il Comitato tecnico scientifico e la struttura del Commissario straordinario Francesco Figliuolo: al loro posto... 
12/02/2022

Obbligo Green Pass sui luoghi di lavoro dal 15 febbraio. La guida Federfarma sulle nuove norme in vigore

Il prossimo 15 febbraio entra in vigore l’obbligo per tutti i lavoratori over 50, pubblici e privati, di avere il Super green pass. In vista della scadenza Federfarma mette a...
08/02/2022

Covid, meno restrizioni e più aperture ma il Governo invita alla cautela

Super Green Pass con durata illimitata, nuovo sistema per le quarantene (dimezzate a cinque giorni per i non vaccinati) e per le Dad, con gli studenti che torneranno quasi tutti in...
27/01/2022

Libera circolazione negli Stati UE, il Consiglio europeo detta nuova raccomandazione su norme anti-Covid

Il Consiglio europeo ha diramato una raccomandazione per facilitare la libera e sicura circolazione in Europa, in questa fase della pandemia da...
26/01/2022

Covid, accesso in farmacia senza green pass. Ecco il nuovo Dpcm

Per accedere ad attività e servizi considerati essenziali per la persona non sarà necessario esibire il green pass. È quanto previsto nel Dpcm del 21 gennaio 2022 in vigore dal...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni