Un anticorpo monoclonale per rallentare il decorso dell’Alzheimer. L’Fda dà il via libera

09/06/2021 09:15:01
L'Fda ha approvato un nuovo farmaco contro l'Alzheimer che ha le potenzialità per rallentare il decorso della malattia. L’anticorpo monoclonale, Aducanumab, arriva dopo vent'anni di ricerca. La terapia consiste in una iniezione al mese per via endovenosa che contribuirebbe a rallentare il declino cognitivo dei pazienti che si trovano allo stadio iniziale della malattia. Si tratta del primo trattamento che interessa il decorso e non si limita ad aggredire i sintomi della demenza. "Siamo consapevoli dell'attenzione che circonda questa approvazione - ha affermato Patrizia Cavazzoni, che dirige il Center for Drug Evaluation and Research dell'Fda -. Sappiamo che la terapia ha generato l'attenzione della stampa, dei pazienti e di molti soggetti interessati".
 
Con l'anticorpo monoclonale anti-Alzheimer approvato in Usa "si apre una nuova strada per i pazienti e questo trattamento è più che una speranza: è la prima terapia che potrebbe impedire lo sviluppo della malattia" ha detto all'Adnkronos Salute Gioacchino Tedeschi, presidente della Società italiana di neurologia (Sin).
 
Attualmente, secondo i dati del ministero della Salute, il numero totale dei pazienti con demenza è stimato in oltre 1 milione (di cui circa 600.000 con demenza di Alzheimer) e circa 3 milioni sono le persone direttamente o indirettamente coinvolte nella loro assistenza, con conseguenze anche sul piano economico e organizzativo. E’ proprio sul tema della demenza che ha preso il via un nuovo progetto di Federfarma, nato dalla collaborazione con la Federazione Alzheimer Italia. Il vademecum “Farmacia Amica della Demenza”, messo a disposizione dei farmacisti, contiene informazioni e dati relativi alla patologia: i numeri, i sintomi, il decorso e le possibili terapie in uso. Sono inoltre indicati i comportamenti corretti per rapportarsi a una persona con demenza quando entra in farmacia così da rendere il proprio presidio accogliente per le persone con demenza.

Notizie correlate

10/06/2021

Demenze e farmacie, Possenti (Federazione Alzheimer Italia): “Collaborazione delle farmacie importante per supportare i pazienti”

«Creare luoghi “amici” delle persone con demenza, con professionisti che possano capire i problemi che tali pazienti vivono tutti i giorni e far sì che non si sentano esclusi». Così Mario Possenti, segretario generale della Federazione Alzheimer Italia spiega a Federfarma Channel l’obiettivo...
08/06/2021

‘Farmacie amiche delle persone con demenza’, al via il progetto tra Federazione Alzheimer Italia e Federfarma

Fornire ai farmacisti consigli utili e indicazioni pratiche per rendere il proprio presidio accogliente per le persone con demenza. È con questo obiettivo che prende il via il progetto “Farmacie amiche delle persone con demenza” nato dalla collaborazione tra Federazione Alzheimer Italia e...
07/06/2021

Farmacie Amiche delle Persone con Demenza: al via la collaborazione tra Federazione Alzheimer Italia e Federfarma

Prende il via il progetto “Farmacie Amiche delle Persone con Demenza” nato dalla collaborazione tra Federazione Alzheimer Italia e Federfarma con l’obiettivo di fornire alle farmacie consigli utili e indicazioni pratiche per diventare “Amiche delle Persone con Demenza”. L’iniziativa si lega al più ampio progetto “Comunità Amiche delle Persone con Demenza” che Federazione Alzheimer promuove dal 2016 per combattere i pregiudizi e le discriminazioni che fanno della demenza una delle sindromi più temute e incomprese dei nostri tempi...
27/05/2013

Vitamine gruppo B scudo anti-Alzheimer

Le vitamine potrebbero essere un rimedio anti-Alzheimer. Quelle del gruppo B, infatti, proteggono il cervello degli anziani dalla demenza e dalla perdita di materia grigia connessa allo sviluppo dell'Alzheimer. Lo rivela uno studio clinico pubblicato sulla rivista "PNAS" e condotto presso...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni