Farmaci equivalenti, ruolo del farmacista cruciale per la scelta

19/07/2021 09:30:02
L’interazione tra farmacista e paziente sull’utilizzo dei farmaci equivalenti è sempre più stretta. Non solo. Il contributo del farmacista concorre in maniera sempre più decisiva alla scelta del farmaco equivalente. È questo il risultato di uno studio presentato nel corso del webinar “Focus Puglia: Farmaci equivalenti motore di sostenibilità per il SSN”, organizzato da Motore Sanità. “La farmacia è pronta a collaborare con le altre figure professionali e le istituzioni, per rendere ancora più efficace il lavoro quotidiano svolto dal farmacista per diffondere la cultura del farmaco equivalente” ha sottolineato il presidente di Federfarma Puglia Francesco Fullone, tra i relatori del webinar.
Dai vari interventi è emersa la necessità di una comunicazione nuova e più incisiva che colmi quel gap, anche culturale, che ancora ostacola l’uso dei farmaci equivalenti, ai quali molti continuano a preferire i farmaci branded pagando la quota di compartecipazione. Proprio commentando i dati di spesa regionale relativi alla quota di compartecipazione a carico del cittadino, Francesco Colasuonno, Responsabile Servizio Politiche del Farmaco della Regione Puglia, ha sottolineato che “nei mesi gennaio-marzo 2021 (tale spesa ndr) è stata di 32milioni di euro, rispetto ai 34milioni dello stesso periodo del 2020. Nell’anno in corso abbiamo quindi un meno 3milioni di euro e questo significa che siamo all’8,4% rispetto alla media nazionale che è del 10,2%”.

Notizie correlate

17/06/2021

Farmaci equivalenti ancora poco diffusi. Leopardi: “Farmacie, fondamentali per aumentare la fiducia”

Nonostante i farmaci equivalenti abbiano stesso principio attivo, concentrazione, forma farmaceutica, via di somministrazione e...
11/01/2021

Farmaci equivalenti, farmacie fondamentali per favorire la diffusione

Che cosa fanno i farmacisti per promuovere l’uso degli equivalenti nel nostro Paese? Lo ha spiegato Achille Gallina Toschi, presidente Federfarma Emilia-Romagna, nella video pillola realizzata per Il...
15/07/2017

Aifa, con scadenza brevettuale del Lyrica si differenzia la sostituibilità

Da domani, 16 luglio, il farmacista che dispensa la specialità Lyrica dietro ricetta Ssn con nota 4 («dolore neuropatico periferico e centrale»), potrà proporre al paziente la sostituzione soltanto con equivalenti dalla medesima indicazione, oppure chiedere il pagamento della differenza tra prezzo al pubblico del branded e quota di rimborso. Al contrario, nel caso in cui la specialità fosse...
23/03/2017

Equivalenza, da Tar e Consiglio di Stato sentenze divergenti

Le direttive che le Regioni, nell'esercizio delle proprie competenze, emanano con l’obiettivo di conseguire risparmi sulla spesa farmaceutica non possono incidere in alcun modo «sulla libera prescrivibilità e sulla piena rimborsabilità di farmaci essenziali di fascia A»...
13/10/2016

Generico fa risparmiare ma Regioni e cittadini ancora non apprezzano

Le Regioni continuano a lamentarsi dell’ingovernabilità della spesa farmaceutica ma poi, alla prova dei fatti, non sfruttano a fondo le leve che potrebbero accrescerne la sostenibilità. A partire dai farmaci generici, che assorbono meno di un quarto della spesa sostenuta da Asl e ospedali per i “senza brevetto”, anche se in volumi...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni