Sanità, per 630 mila famiglie spese insostenibili. Il rapporto Crea Sanità

21/01/2022 09:05:09
Siamo il Paese dell'Unione Europea che fa minore ricorso al ricovero in rapporto alla popolazione, ma con durata media di degenza più alta. E' quanto emerge dal XVII Rapporto del Crea (Centro per la Ricerca Economica Applicata in Sanità) dell'Università Tor Vergata di Roma.
 
Nel Rapporto si evidenzia come il 39% si dichiari soddisfatto della qualità dei medici. Apprezzata inoltre, la possibilità di avere la maggior parte dei farmaci in regime di SSN (20,5%), mentre i tempi delle liste d'attesa rappresentano la criticità maggiore per il 38,9% degli italiani. I ricercatori hanno chiesto agli intervistati di indicare i punti di forza dell'offerta del SSN, le principali criticità, e di esplicitare per quali miglioramenti dei servizi sarebbero disposti a pagare. "Se si è disposti a pagare, è perché quell'aspetto è considerato prioritario", ha chiarito Federico Spandonaro, presidente del Comitato Scientifico del Crea Sanità. Tra gli elementi di soddisfazione, il 18% dei cittadini ha citato la possibilità di disporre di tecnologie avanzate, il 17,8% la possibilità di poter disporre dell'assistenza ovunque sul territorio. Tra le criticità, il 35,6% del campione cita la difficoltà nel riuscire a prendere gli appuntamenti, il 22,7% le lunghe attese negli studi medici/ambulatori.

Notizie correlate

16/03/2021

Congresso Sif, cresce la povertà farmaceutica. Milioni di italiani non possono curarsi

La povertà economica, che secondo i dati Istat nel 2019 ha investito quasi 1,7 milioni di famiglie (6,4% del totale) in Italia, rende più problematica quella sanitaria che, di fatto, cresce...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni