Distribuzione per Conto: Relazione Sunifar in Commissione Affari Sociali della Camera

16/03/2022 09:15:46
Nella sua relazione innanzi alla Commissione Affari Sociali della Camera dei deputati nell’ambito dell’Indagine conoscitiva in materia di "distribuzione diretta" dei farmaci per il tramite delle strutture sanitarie pubbliche e di "distribuzione per conto" per il tramite delle farmacie, il presidente del Sunifar Gianni Petrosillo ha illustrato i dati di un’analisi sulla condotta sulla distribuzione diretta ospedaliera o tramite le strutture delle Aziende Sanitarie locali. Lo studio, realizzato nel 2021, ha preso in considerazione i seguenti aspetti: la prescrizione in dimissione; il primo ciclo di terapia; l’assistenza domiciliare integrata; i farmaci inclusi nel PHT dispensati dalla farmacia ospedaliera a pazienti non ricoverati; i farmaci distribuiti direttamente dalle strutture ASL ai pazienti non ricoverati.
L’analisi - che è stata limitata esclusivamente ai famaci di fascia A) e fascia A) con Nota Aifa e, pertanto, solo ai farmaci che potrebbero essere dispensati nelle farmacie convenzionate - ha evidenziato un totale complessivo stimato in circa 39,7 milioni di confezioni.
Come riportato nella tabella, appare evidente la difformità di distribuzione che risulta dal confronto delle confezioni erogate con questa modalità nelle diverse regioni, con consumi che vanno da un minimo 267 confezioni/anno/per mille abitanti della Lombardia a 1.526 confezioni/anno/per mille abitanti per le Prov. Autonome di Trento e Bolzano. 

Tali enormi differenze, in sé, dimostrano innanzitutto quanto non sia indispensabile la distribuzione diretta, poiché, contrariamente, si registrerebbero segnalazioni di disagio nelle regioni dove questo modello non è affatto sviluppato. In secondo luogo, è da notare che non esiste una stretta proporzionalità tra distribuzione diretta e risparmio
Da ultimo, non si deve trascurare come questa grande disomogeneità regionale comporti un diverso diretto impatto economico sul cittadino in relazione alle ore di lavoro perse e al costo per il trasporto
 
Dell’ormai riconosciuta criticità della distribuzione diretta se ne ha contezza dalle stesse proposte di nuovi modelli, secondo cui il disagio del paziente e i problemi organizzativi dell’ospedale  si risolverebbero con la consegna del farmaco dall’ospedale al domicilio del paziente; modelli che assorbirebbero oggi risorse del PNRR, ma che non sarebbero auto-sostenibili nel momento in cui queste risorse verranno meno; modelli che, con la creazione di una dannosa distanza tra il paziente e il farmacista, sono in netto contrasto con la verifica di aderenza, la compliance e il corretto uso del farmaco.  
 
Dal punto di vista professionale e della dotazione tecnologica, le farmacie sono perfettamente in grado di erogare i farmaci della distribuzione diretta che non necessitano di somministrazione in ambito protetto. La loro presenza capillare è a garanzia di pari livello di assistenza anche nelle aree più isolate del Paese e non presenta alcun limite di capacità distributiva.
Per contro, la distribuzione diretta è indubbiamente applicata con enorme variabilità regionale per almeno 40 milioni di confezioni che, fatta eccezione per il primo ciclo di terapia (assicurato anche nelle regioni con bassissimo ricorso a questo modello) non implicano motivazioni di carattere sanitario da giustificare una distribuzione in ambito ospedaliero.
A fronte della ricerca di nuovi modelli di distribuzione diretta che, nel tentativo di risolvere i disagi di carattere logistico, comportano costi aggiuntivi e distanza tra professionista e paziente, ci sarebbe veramente da farsi domande sull’opportunità di mantenere e implementare modelli di distribuzione parallela alla rete delle farmacie convenzionate.

Notizie correlate

18/06/2022

Dpc +9,8% rispetto a 2021: i dati IQVIA

Nel primo trimestre 2022, secondo i dati IQVIA, il consumo di farmaci distribuiti in Dpc ha subito un aumento pari al 9,8% rispetto allo stesso periodo del...
08/06/2022

Farmacie rurali sussidiate e PNRR: webinar per facilitare l’accesso al bando

Si terrà oggi dalle 14,00 alle 15,00 il webinar “Contributi farmacie rurali sussidiate e PNRR, accesso ai fondi entro il 30 giugno” realizzato dalla società CGM sulla piattaforma PharmUp in collaborazione con Sunifar, Fondazione Cannavò, Studio Guandalini e Edra Spa. Nel corso del webinar saranno forniti chiarimenti su procedure e aspetti fiscali per accedere al bando del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), che ha previsto uno stanziamento di 100 milioni di euro per le farmacie rurali...
20/05/2022

PNRR: assegnato finanziamento alle prime 100 farmacie rurali sussidiate

È stato pubblicato sul sito dell’Agenzia della Coesione Territoriale il Decreto di ammissione al finanziamento previsto dal PNRR riguardante le prime 100 farmacie rurali...
18/05/2022

Farmacie rurali e bando finanziamento PNRR, Petrosillo: Al lavoro per rispondere alle domande dei farmacisti

Con la pandemia sono emerse le criticità dell’assistenza territoriale, al punto da rendere necessaria una forte accelerazione del processo di riorganizzazione del sistema...
10/05/2022

Cosmofarma 2022, PNRR, sanità territoriale e futuro della farmacia al centro della tre giorni

Il PNRR, le farmacie rurali sussidiate e il ruolo della farmacia nell’assistenza di prossimità. Il presidente del Sunifar Gianni Petrosillo, ai microfoni di Federfarma channel, parla dei principali temi trattati nel corso della tre giorni di Cosmofarma Exhibition, la manifestazione leader...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni