Post Covid, esami al cuore raddoppiati e record di Tac al torace

06/04/2022 08:11:21
Esami al cuore raddoppiati e record di Tac al torace: è questo l’impatto del Covid dopo sei mesi in chi ha contratto l'infezione. Il dato emerge da uno studio, pubblicato sul Journal of Internal Medicine, condotto in una delle prime regioni italiane a essere state colpite dalla pandemia, la Lombardia, su quasi 50mila persone con alle spalle l'infezione. Sulla base dei dati amministrativi raccolti in forma anonima dalla Regione, sono stati conteggiati i nuovi ricoveri ospedalieri, gli accessi al Pronto soccorso, le visite mediche, gli esami di laboratorio e strumentali (radiologici e non) e il consumo di farmaci fino al 31 dicembre 2020. I pazienti sono stati divisi in tre gruppi: malati a domicilio, ricoverati in reparti non intensivi e pazienti curati nei reparti di rianimazione.
 
Tali dati sono stati confrontati con quelli relativi all’analogo periodo del 2019, prima della pandemia. Si è osservato che le visite mediche sono più che raddoppiate rispetto al pre-pandemia, le spirometrie sono aumentate di 50 volte nelle persone che erano state in terapia intensiva, gli elettrocardiogrammi sono quintuplicati nei pazienti curati nelle rianimazioni e raddoppiati in quelli ricoverati nei reparti non intensivi. Stesso andamento è stato osservato per le Tac del torace, aumentate di 32 volte nei dimessi dai reparti più critici. In tutti i gruppi di pazienti si è registrato un incremento anche negli esami del sangue. Durante i 6 mesi di osservazione, sottolinea sul Corriere della Sera, Sergio Harari, uno degli autori dello studio, è aumentato poi il consumo di farmaci e nuove terapie, "il che significa che il virus ha anche indotto lo sviluppo di nuove malattie, in particolare di natura metabolica - come il diabete - cardiovascolare, neuropsichiatrica e respiratoria, oltre a aggravare le preesistenti".
"Una riflessione attenta sui servizi da potenziare va immediatamente fatta, anche perché questo studio è confermato da altre recenti analisi che vanno nella stessa direzione: il post Covid è una condizione che richiede cure e attenzioni particolari - prosegue Harari - Le ragioni sono probabilmente da ricercarsi nello stato di infiammazione cronica indotta dal virus con una disregolazione immunitaria che persiste nel tempo. Bisogna poi considerare che queste sono le valutazioni effettuate dopo solo 6 mesi, non abbiamo ancora idea di cosa possa avvenire più in là nel tempo e neppure se le varianti che sono arrivate successivamente abbiano lo stesso effetto. C'è ancora molto lavoro da fare per scoprire tutti gli effetti del virus ma è già ora di pianificare come correre ai ripari per far fronte anche a queste conseguenze della pandemia".  

Notizie correlate

23/07/2022

Covid, l’impatto della pandemia sul sistema ospedaliero italiano. Il report Istat-Agenas

Nel 2020 sono stati registrati circa 6,5 milioni di ricoveri, pari al 22% in meno rispetto al periodo pre-pandemico. Il dato emerge dal rapporto congiunto Istat-Agenas, che analizz l'impatto dell'epidemia da Sars-CoV-2 sul sistema ospedaliero italiano. La riduzione dei ricoveri è stata più marcata in corrispondenza della prima ondata pandemica, con tassi di ospedalizzazione in regime ordinario diminuiti del 45% in aprile e del 39% in maggio, rispetto alla media...
20/07/2022

Covid-19, ECDC: “Casi aumenteranno'. In Italia nuova ondata al picco

"Sia i tassi di notifica dei casi che i tassi di mortalità aumenteranno", lo ha dichiarato il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), citando i suoi modelli epidemiologici, e in vista dell'autunno indicando l'urgenza di stabilire sistemi di sorveglianza solidi e integrati sulla pandemia e in generale sui virus respiratori, compresi quelli dell'influenza. In seguito alla nuova ondata di Covid, si...
19/07/2022

Covid, Speranza: “I vaccini hanno salvato 20 milioni di vite”

"I vaccini hanno salvato 20 milioni di vite umane, in Italia secondo l'ISS sono state salvate 150 mila vite". Il ministro della Salute Roberto Speranza ha risposto così alle contestazioni no vax...
19/07/2022

Quarta dose, 56mila in un giorno. Crescono le somministrazioni

Oltre 56mila somministrazioni della quarta dose di vaccino in un solo giorno. Positivi i numeri delle vaccinazioni nel weekend. Anche di sabato, gli italiani non si sono fermati e hanno fatto registrare quasi 35mila vaccinazioni, il triplo del sabato precedente quando erano state 11mila. In generale, sono circa 270mila le somministrazioni effettuate in una settimana. Attesa una accelerazione anche perché il piano del Governo...
18/07/2022

Antibiotico-resistenza e Covid

La pandemia ha accentuato la resistenza dei batteri agli antibiotici: negli Usa, nel 2020, si è registrato un aumento del 15% delle infezioni e dei decessi dovuti a patogeni...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni