Post Covid, esami al cuore raddoppiati e record di Tac al torace

06/04/2022 08:11:21
Esami al cuore raddoppiati e record di Tac al torace: è questo l’impatto del Covid dopo sei mesi in chi ha contratto l'infezione. Il dato emerge da uno studio, pubblicato sul Journal of Internal Medicine, condotto in una delle prime regioni italiane a essere state colpite dalla pandemia, la Lombardia, su quasi 50mila persone con alle spalle l'infezione. Sulla base dei dati amministrativi raccolti in forma anonima dalla Regione, sono stati conteggiati i nuovi ricoveri ospedalieri, gli accessi al Pronto soccorso, le visite mediche, gli esami di laboratorio e strumentali (radiologici e non) e il consumo di farmaci fino al 31 dicembre 2020. I pazienti sono stati divisi in tre gruppi: malati a domicilio, ricoverati in reparti non intensivi e pazienti curati nei reparti di rianimazione.
 
Tali dati sono stati confrontati con quelli relativi all’analogo periodo del 2019, prima della pandemia. Si è osservato che le visite mediche sono più che raddoppiate rispetto al pre-pandemia, le spirometrie sono aumentate di 50 volte nelle persone che erano state in terapia intensiva, gli elettrocardiogrammi sono quintuplicati nei pazienti curati nelle rianimazioni e raddoppiati in quelli ricoverati nei reparti non intensivi. Stesso andamento è stato osservato per le Tac del torace, aumentate di 32 volte nei dimessi dai reparti più critici. In tutti i gruppi di pazienti si è registrato un incremento anche negli esami del sangue. Durante i 6 mesi di osservazione, sottolinea sul Corriere della Sera, Sergio Harari, uno degli autori dello studio, è aumentato poi il consumo di farmaci e nuove terapie, "il che significa che il virus ha anche indotto lo sviluppo di nuove malattie, in particolare di natura metabolica - come il diabete - cardiovascolare, neuropsichiatrica e respiratoria, oltre a aggravare le preesistenti".
"Una riflessione attenta sui servizi da potenziare va immediatamente fatta, anche perché questo studio è confermato da altre recenti analisi che vanno nella stessa direzione: il post Covid è una condizione che richiede cure e attenzioni particolari - prosegue Harari - Le ragioni sono probabilmente da ricercarsi nello stato di infiammazione cronica indotta dal virus con una disregolazione immunitaria che persiste nel tempo. Bisogna poi considerare che queste sono le valutazioni effettuate dopo solo 6 mesi, non abbiamo ancora idea di cosa possa avvenire più in là nel tempo e neppure se le varianti che sono arrivate successivamente abbiano lo stesso effetto. C'è ancora molto lavoro da fare per scoprire tutti gli effetti del virus ma è già ora di pianificare come correre ai ripari per far fronte anche a queste conseguenze della pandemia".  

Notizie correlate

28/01/2023

COVID, OMS: Italia terza in Europa per morti e casi

Con quasi 35mila contagiati e 330 decessi registrati nella settimana dal 16 al 22 gennaio, l’Italia è terza, tra i Paese europei, per decessi e casi di nuove infezioni da COVID-19. È quanto emerge dal bollettino dell’Organizzazione...
24/01/2023

COVID, ISS: maggiore incidenza tra over 80, quarta dose vaccino riduce ricoveri e mortalità

Con 170 casi ogni 100mila persone, la fascia di età oltre gli 80 anni è stata la più colpita dal Covid-19 nell’ultima settimana. È quanto indica il report pubblicato online dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ‘Covid-19: sorveglianza, impatto delle...
20/01/2023

Covid, influenza e carenze farmaci: Tobia a Vediamoci chiaro su TV2000

Il segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia, ospite ieri alla trasmissione “Vediamoci Chiaro” di TV2000, è intervenuto sul tema della carenza dei farmaci anche in correlazione alla contemporanea circolazione dei virus del Covid e dell’influenza sottolineando che i farmaci vanno utilizzati solo quando realmente necessario. “Antipiretici, antinfluenzali e alcuni antibiotici che dovessero...
18/01/2023

Covid-19, OMS: mascherine consigliate al chiuso e in luoghi affollati

Le mascherine continuano ad essere uno strumento di protezione chiave contro il Covid-19. È quanto osserva l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nell’aggiornamento delle linee guida su mascherine e cure. In particolare, secondo...
13/01/2023

COVID, OMS: sequenziamenti fondamentali per monitorare l’evoluzione del virus

“Esortiamo tutti i Paesi in cui il tasso di contagio è particolarmente elevato ad intensificare l’attività di sequenziamento del virus Sars-CoV-2 e a condividerne i risultati”. L’invito arriva dal direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni